Come funziona il termostato intelligente per Smart Home

Non solo sensori ma anche studio delle abitudini di chi vive la casa. Questa è la vera sfida nello sviluppo dei nuovi termostati intelligenti che ci aiuteranno a ridurre al minimo i consumi di Energia Elettrica e a risparmiare sulla bolletta nelle nostre Smart Home. Dati empirici uniti ad analisi comportamentale per la prossima evoluzione della domotica.

Come funziona il termostato intelligente per Smart Home
Come funziona il termostato intelligente per Smart Home

La semplice programmazione di temperature e orari è ormai preistoria. Oggi, i nuovi termostati che ci consentiranno di risparmiare sulle bollette dell’Energia Elettrica sono in grado di tener conto anche delle nostre abitudini. Come si raggiunge questo nuovo step nel settore della domotica? Semplicemente “insegnando” al dispositivo le nostre azioni.

La tecnologia che impara dagli umani

I nuovi termostati per smart home sono in realtà composti da tre dispositivi, di cui solo uno controlla la temperatura, mentre gli altri due analizzano cosa succede nella casa quando un utente decide di aumentare o abbassare il grado di calore.
Vuoi risparmiare anche sulla bolletta del Gas? Confronta le offerte

I primi test sono stati svolti dalle università di Southampton e Zurigo coinvolgendo 30 famiglie inglesi. Ad ogni variazione di temperatura, i due apparecchi di analisi hanno registrato e memorizzato cause e conseguenze del gesto, quindi, ad esempio, hanno constatato che il termostato veniva sempre abbassato prima di accendere un apparecchio per il fitness, oppure veniva alzato subito prima di fare una doccia.

Inoltre, per una perfetta gestione della smart home, il termostato intelligente ha imparato inoltre orari e abitudini per ogni singolo abitante della casa.
Si tratta quindi di vere e proprie nozioni che l’apparecchio installato deve imparare prima di poter gestire al meglio e in modo autonomo la temperatura e i consumi della nostra casa.
Scopri quanta energia consuma la tua casa

Una rete di sensori

Oltre ai dati relativi alle abitudini dei componenti del nucleo familiare, il dispositivo installato dalle due università analizza consumi e costi in tempo reale, aggiornando ogni mezz’ora le variazioni di prezzo dell’Energia Elettrica. In più, contiene in memoria un’analisi media dei consumi di tutte le famiglie che abitano nella stessa zona (che può essere aggiornata in tempo reale connettendo tutti i termostati per smart home installati nelle diverse case)ed è dotato di termometro per rilevare la temperatura esterna.

Internet of Things al servizio della domotica

Si tratta di una grande innovazione tecnologica nel settore della domotica e nel campo della Internet of Things, ovvero quella branca della scienza informatica che studia l’interazione tra oggetti attraverso le connessioni Internet. Curioso constatare che, per essere davvero utili al genere umano, i dispositivi tecnologici non possano solo fornire dati numerici rilevati attraverso sensori, ma debbano anche imparare come funziona la più “banale” routine delle persone.

La storia del progetto e dei risultati del test verranno presentati ufficialmente dall’università inglese e da quella svizzera alla prossima conferenza sull’interazione tra uomo e computer CHI 2016, promossa dall’Association for Computing Machinery, che si terrà in California a San Jose dal 7 al 12 maggio.

Commenti Facebook: