Come funziona il riscaldamento a pavimento

Uno dei sistemi più efficaci per il riscaldamento di casa durante il periodo invernale è rappresentato dal riscaldamento a pavimento, spesso definitivo anche come “riscaldamento a pannelli radianti”. Si tratta di un sistema semplice che, in molti casi, può rivelarsi la soluzione migliore da adottare. Ecco tutti i dettagli: 

Ecco quali sono i vantaggi e gli svantaggi del riscaldamento a pavimento

Per riscaldare casa, una delle soluzioni su cui possiamo puntare è il riscaldamento a pavimento che si rivela particolarmente efficace, anche se con qualche limite, per riscaldare gli ambienti di casa durante il periodo invernale. Questo sistema prevede la realizzazione di una serpentina di tubi in cui scorre acqua calda ad una temperatura compresa tra i 30 ed i 40 gradi. Si tratta di un valore decisamente inferiore rispetto ai 70-80 gradi richiesti nei più tradizionali e diffusi termosifoni.

L’installazione della serpentina di tubi richiede un importante intervento strutturale nel proprio appartamento. Per questo motivo, infatti, il riscaldamento a pavimento risulta particolarmente vantaggioso quando, per un motivo o per un altro, si sta ristrutturando o ammodernando casa. E’ chiaro, inoltre, che i costi legati all’intervento di installazione sono correlati all’estensione dell’appartamento.
Scopri le offerte più convenienti per il gas naturale a casa

Da notare, inoltre, che la serpentina di tubi tipica di questo sistema di riscaldamento richiede l’applicazione di un isolante sulla parte più interna del solaio che limita al minimo il passaggio di calore verso il basso e la conseguente dispersione termica. Con questo sistema, quindi, il calore prodotto sarà indirizzato verso l’alto andando a riscaldare i pavimento e, successivamente l’ambiente di casa.

Un impianto di riscaldamento a pavimento garantisce una sostanziale riduzione delle spese energetiche ed, in particolare, del consumo di gas naturale in casa. L’impianto, infatti, lavora a temperature relativamente basse (non è necessario riscaldare l’acqua sino ad oltre 70 gradi) e, grazie all’applicazione dello strato isolante, si riesce a limitare notevolmente la dispersione termica.

Tra i vantaggi di questo sistema troviamo anche una completa uniformità del riscaldamento, con le stanze che risulteranno calde sia in basso che in alto, e l‘assenza dei termosifoni che non andranno ad occupare le pareti di casa. Da notare, inoltre, che un sistema di riscaldamento a pavimento richiede più tempo per portare a temperature gli ambienti di casa rispetto ad altre soluzioni.

Commenti Facebook: