Come funziona assicurazione Bonus/Malus

Chi è alla prime armi con l'Rc auto, può non sapere cos'è il sistema e come funziona assicurazione Bonus/Malus. E' importante conoscere i meccanismi sottesi ai contratti assicurativi, quelli relativi alla classe di merito, in particolare per godere di sconti e agevolazioni come quelli concessi dalla Legge Bersani. In questo articolo proponiamo una guida utile per i neopatentati, ma anche per chi vuole cambiare compagnia inserendosi in classi interne più economiche.

Come funziona assicurazione Bonus/Malus

Cos’è e come funziona il Bonus/Malus assicurazione

La maggior parte delle assicurazioni per la responsabilità civile sui veicoli a motore, sono regolate in Italia dal meccanismo del Bonus e del Malus, basato sul sistema della classi di merito. Gli assicurati risparmiano o pagano l’Rc auto di più proprio in base al movimento delle classi, che a sua volta si basa sui sinistri denunciati ogni anno. Come funziona assicurazione Bonus/Malus? Come fare per pagare cifre contenute sulle polizze auto e moto? Eccolo spiegato.

Il Meccanismo Bonus/Malus prevede la riduzione del premio assicurativo o il suo aumento in base ai sinistri denunciati. Per comprendere meglio il funzionamento del sistema, basti pensare che nel nostro paese esistono 14 classi di merito universali (CU) e che gli sconti o i rincari sono indicati appunto mediante l’avanzamento o la retrocessione della classe. In sostanza, se l’automobilista (o il motociclista) si rivela virtuoso, il rischio diminuisce, come le probabilità della compagnia assicurativa di svuotare le proprie casse con i risarcimenti. Ciò giustifica l’applicazione di un premio assicurativo contenuto.

Al contrario chi denuncia più sinistri, aumenta il rischio, e la compagnia sarà costretta ad aumentare il prezzo del premio annuale per sopportare le spese dei risarcimenti erogati. Un esempio su tutti: i neopatentati vengono inseriti automaticamente in 14° classe (la più costosa), proprio in virtù dell’inesperienza alla guida e delle probabilità più alte di commettere sinistri. Raggiungere la 1° classe di merito ovviamente non è semplice, perché l’assicurato dovrà dimostrare, nel tempo, di non essersi praticamente mai reso colpevole di incidenti stradali.

Il dislivello tra una classe e l’altra di solito triplica il premio e gli avanzamenti verso le classi più costose di solito sono più rapidi rispetto a quelli verso classi più economiche. Quando ci si rende responsabili di un sinistro infatti si scende di due classi, mentre quando trascorre un anno senza incidenti si sale di una sola. E’ bene sapere come funziona assicurazione Bonus/Malus riguardo al passaggio di classe.

Le assicurazioni infatti non tengono conto dell’intero anno assicurativo ma di un periodo di osservazione, che scade due mesi prima della scadenza della polizza. Chi raggiunge classi economiche grazie alla sua condotta di guida comunque non ha da preoccuparsi, perché la classe di merito viene mantenuta anche in caso di cambio compagnia Rc auto.
Confronta preventivi RC moto »

Cambio compagnia Rc auto e risparmio classe di merito: come avviene

In Italia non esistono solo le classi di merito universali (dalla 1° alla 14°), perché ogni compagnia assicurativa può dotarsi di un sistema interno e personalizzato di classi di merito, all’interno del quale si muovono sia i nuovi clienti con sconti e promozioni assicurazioni, sia i vecchi assicurati. Quando si cambia assicurazione la classe di merito universale viene mantenuta, ma ben si può essere inseriti in classi interne e più economiche.

In più, confrontando le assicurazioni online alla scadenza della vecchia polizza, è possibile scovare Rc auto ed Rc moto molto convenienti rispetto alla vecchia assicurazione, già a partire dal premio di base. Chi compara i preventivi Rca online trova inoltre offerte imperdibili con applicazione dello sconto web, alcune delle quali comprendono nel prezzo finale garanzie accessorie utili come la furto-incendio, l’assistenza stradale e quella legale.

Per visualizzare ora le ultime promozioni basta utilizzare il motore di ricerca gratuito fornito da SosTariffe.it.
Confronta preventivi RC auto »

Consigli per rimanere in classe favorevole

Inutile dire che gli automobilisti e i motociclisti più prudenti hanno maggiori possibilità di mantenere una classe di merito economica. Proprio a questi si consiglia ad esempio di acquistare una polizza Rc moto o Rc auto satellitare con scatola nera, per godere sia del premio basso garantito dal livello raggiunto, sia degli sconti per i conducenti virtuosi che le assicurazioni con black box permettono.

La scatola nera consegnata all’acquisto dell’assicurazione, rilasciata in comodato d’uso, registra le dinamiche dei sinistri e stabilisce in modo inoppugnabile le responsabilità, il che si traduce in risarcimenti certi e veloci, ma non solo. Il Ddl Concorrenza in corso di emanazione obbligherà le compagnie di assicurazioni a tagliare il costo del premio finale ai conducenti virtuosi in possesso di scatola nera.

Chi al contrario parte da classi svantaggiate, o non è molto pratico alla guida, farebbe bene a non acquistare polizze satellitari, perché il dispositivo svelerebbe facilmente la colpa nel sinistro. Ai neopatentati, o a chi si trova in classi costose (dalla 14° alla 10° almeno) si consiglia di aderire, qualora ne ricorrano i presupposti, alle agevolazioni previste dalla Legge Bersani.

La Legge Bersani, istituita nel 2007, consente di ereditare la classe di merito Rc auto o Rc moto più favorevole presente nel nucleo familiare all’acquisto di un’auto o di una due ruote anche usata, assicurata per la prima volta.

La normativa si rivolge non solo ai neopatentati in 14° classe, ma anche a tutti quei soggetti in classi svantaggiate. Per accedere all’agevolazione e succedere nella classe di merito alta, non è necessario essere consanguinei, basta che il soggetto che trasferisce la posizione assicurativa sia contemplato nello stato di famiglia. N.B.: La Legge Bersani non si applica alle imprese, ma alcune compagnie la applicano alle imprese unipersonali.