Come condividere la connessione Internet tra smartphone e pc

Le offerte di telefonia mobile sono sempre più vantaggiose e gli operatori continuano ad incrementare il quantitativo di GB disponibili con le loro tariffe. In molte situazioni può risultare particolarmente vantaggioso utilizzare i Giga del proprio piano tariffario per accedere ad Internet anche da PC o notebook. Ecco, quindi, come condividere la connessione Internet tra smartphone e PC. 

Condividere i Giga del proprio piano tariffario con il PC è davvero semplice, ecco come fare

Grazie alle tariffe di telefonia mobile di oggi, sono molti gli utenti che hanno a disposizione tanti Giga da sfruttare ogni mese per navigare ad alta velocità sfruttando la rete dati mobile del proprio operatore. I Giga del proprio piano tariffario possono essere, facilmente, condivisi con altri dispositivi permettendo, ad esempio, di sfruttare la connessione dello smartphone per accedere a Internet da un PC o da un notebook.

Per sfruttare questa funzionalità, disponibile su praticamente tutti gli smartphone di nuova generazione, sarà sufficiente attivare la relativa opzione dal menu “Impostazioni” del proprio terminale. Completato questo passaggio, si potrà sfruttare la rete dati dello smartphone per accedere a Internet con un altro dispositivo come un PC o un notebook o anche con uno smartphone sprovvisto di connettività o che, semplicemente, ha terminato i Giga a disposizione.

È importante sottolineare come la condivisione della connessione dati dello smartphone con il PC non sia sempre gratuita. La maggior parte degli operatori di telefonia mobile permette, senza costi aggiuntivi, di condividere i propri GB. I clienti Vodafone possono invece utilizzare la funzione di condivisione senza costi aggiuntivi solo in caso di attivazione dell’opzione Vodafone Exclusive dal costo di 1,90 Euro al mese. 

Prima di illustrare le modalità di condivisione della connessioni dati tra smartphone e PC, ti ricordiamo che, tramite il comparatore di SosTariffe.it per offerte telefonia mobile, hai la possibilità di verificare quali sono le tariffe che offrono più GB al minor prezzo possibile. 

Hotspot Wi-Fi

Il sistema, probabilmente, più immediato ed efficace per condividere la connessione dati del proprio smartphone con altri dispositivi è, senza dubbio, quello rappresentato dalla possibilità di sfruttare la funzione Hotspot Wi-Fi presente su tutti gli smartphone Android e gli iPhone arrivati sul mercato negli ultimi anni.

Questa funzione è estremamente utile per permettere di utilizzare i Giga del nostro piano tariffario per smartphone per accedere ad Internet con un PC, un notebook o un altro dispositivo sprovvisto di una connessione. Per sfruttare la funzione Hotspot Wi-Fi è necessario attivarla dalle impostazioni dello smartphone.

Il procedimento per attivare tale funzione dipende, a doppio filo, dal modello di smartphone in nostro possesso. In generale, per procedere all’attivazione della funzione Hotspot Wi-Fi su uno smartphone è necessario accedere alle Impostazioni del terminale e poi nella categoria Rete dati (il nome esatto dipende dal modello dello smartphone) e individuare la voce relativa a tale funzione. Gli utenti in possesso di un iPhone o di un iPad con connettività Wi-Fi + Cellular possono condividere la loro connessione dati andando in Impostazioni> Hotspot personale o Impostazioni > Cellulare > Hotspot personale.

In ogni caso, è consigliabile proteggere la rete dati dello smartphone impostando una password. In questo modo, dopo aver attivato la funzione Hotspot Wi-Fi, la rete dati dello smartphone comparirà tra le rete Wi-Fi disponibili da PC, notebook o da un altro smartphone come una normale rete Wi-Fi che necessita di una password per poter essere sfruttata.

Uno degli aspetti più vantaggiosi legati all’utilizzo della funzione Hotspot Wi-Fi è rappresentato dalla possibilità di condividere la connessione dati dello smartphone con più dispositivi in contemporanea. Di solito, è possibile collegare ad un singolo smartphone – tramite la funzionalità Hotspot Wi-Fi – sino ad un massimo di 10 dispositivi. L’esatto numero di dispositivi collegabili dipende dal modello di smartphone utilizzato.
Scopri le migliori tariffe per smartphone

Tethering USB

Un’altra strada per condividere la connessione dello smartphone con il PC o con il notebook è il tethering USB. Questa soluzione prevede il collegamento dello smartphone al PC tramite un apposito cavo USB (di solito i produttori forniscono tale cavo nella confezione dello smartphone) da inserire nell’apposita porta.

Come visto nel caso precedente, per sfruttare la funzione di tethering USB è necessario attivare la relativa opzione dalle Impostazioni dello smartphone che si sta utilizzando. La voce “tethering USB” è collocata nella stessa sezione delle impostazioni dove troviamo anche l’Hotspot Wi-Fi. Il percorso preciso dipende dal modello di smartphone (Android o iPhone o anche uno smartphone Windows) che si sta utilizzando. Navigando tra le impostazioni non sarà difficile rintracciare e attivare questa funzione.

Una volta completata la fase di attivazione e collegato lo smartphone alla porta USB del PC o del notebook inizierà la condivisione della connessione che verrà visualizzata dal PC come una connessione via cavo. Questo tipo di connessione non richiede una password di protezione.

È chiaro che, a differenza del caso della condivisione tramite Hotspot Wi-Fi, scegliendo il tethering tramite USB sarà possibile condividere la connessione dello smartphone con un solo PC/notebook per volta. Da notare, inoltre, che il collegamento via cavo obbligherà l’utente a collocare lo smartphone vicino al PC con cui si sta condividendo la connessione.

Nel caso dell’Hotspot Wi-Fi, lo smartphone può essere distante anche diversi metri dal PC, o dai PC, con cui si sta condividendo la connessione. Collegando lo smartphone tramite cavo USB a un PC si potrà anche ricaricare la batteria del nostro dispositivo mobile (anche se con una velocità inferiore rispetto a quella garantita dal caricabatteria incluso in confezione).

Se non hai a disposizione un cavo per collegare il tuo smartphone al PC, puoi acquistarne uno tramite Amazon. Di seguito ti riportiamo tre differenti tipologie di cavo che corrispondono alle tre tipologie di connettori presenti sugli smartphone commercializzati oggi (microUSB, USB-C e Lightinig per iPhone e iPad). Verifica che tipo di porta presenta il tuo smartphone ed acquista il modello che ti serve.

Commenti Facebook: