Come chiamare con WhatsApp da Android

WhatsApp ha reso disponibile il suo servizio di chiamate VoIP per tutti i dispositivi Android. E, mentre tra poche settimane tale possibilità (non più su solo invito) dovrebbe essere estesa anche agli iPhone, val la pena cercare di comprendere quale sia il funzionamento della nuova versione e delle nuove funzionalità dell’app di messaggistica istantanea più nota del mondo.

Come funzionano le telefonate via Whatsapp
Come funzionano le telefonate via Whatsapp

Come effettuare una telefonata con WhatsApp

Effettuare una telefonata VoIP con WhatsApp – senza pertanto intaccare il proprio traffico di telefonia mobile ma, se non si utilizza il Wi-fi, quello del traffico dati – è sufficiente toccare l’icona del telefono, posizionata in alto, a destra, all’interno di una chat con uno dei propri contatti. In tal proposito, giova ricordare che, come una sorta di registro, WhatsApp ha altresì introdotto la nuova sezione “Chiamate”, nella quale sono elencate le ultime telefonate effettuate con l’app.

Confronta offerte Telefonia mobile

Ogni telefonata potrà a questo punto essere gestita come una normale chiamata effettuata tramite rete cellulare. La differenza – non certo irrilevante e, di contro, ben intuibile – è che la telefonata avverrà all’interno dell’applicazione, senza utilizzare la rubrica del telefono e il traffico “minuti” del proprio pacchetto (o la tariffazione extra franchigia).

Come risulta altrettanto intuibile, attraverso la nuova funzionalità per effettuare telefonate via WhatsApp sarà possibile chiamare solamente altri utenti che hanno WhatsApp e, per il momento, solamente su dispositivi Android e BlackBerry (per l’espansione su device iPhone non dovrebbe comunque mancare tanto).

Detto ciò, noi abbiamo provato a effettuare una telefonata via WhatsApp e, considerata la gratuità della cosa, siamo rimasti sostanzialmente soddisfatti. Il test effettuato ha generato una qualità dell’audio non eccelsa (e uno sgradevole eco in sottofondo), mentre in alcune telefonate è stato riscontrato un discreto ritardo tra chiamante e ricevente.

In ogni caso, niente paura. Considerata l’importanza che tale nuova funzionalità riveste per WhatsApp, è probabile che nella società – di proprietà di Facebook – si stia lavorando alacremente per mettere a punto eventuali difetti, e rendere il servizio sempre più appetibile. Rimane dunque da comprendere se – come peraltro avvenuto per gli SMS, oramai in buona parte cannibalizzati da WhatsApp & co. – le nuove telefonate attraverso l’app riusciranno a erodere le quote di traffico degli operatori.

Commenti Facebook: