Come aprire un conto deposito in Serbia?

Vuoi mettere al sicuro i risparmi facendo un buon investimento? Da tempo i correntisti italiani si rivolgono agli istituti di credito oltre frontiera, che in alcuni paesi applicano interessi davvero vantaggiosi sulle somme depositate. Scopri come aprire un conto deposito in Serbia  e se è conveniente in pochi semplici passi seguendo la guida di SosTariffe.it.

Come aprire un conto deposito in Serbia?

La fiducia nelle banche italiane è calata negli ultimi anni, soprattutto da parte di chi intende aprire un conto deposito e far fruttare i risparmi. Nonostante il ventaglio di offerte nel nostro Paese sia ampio, come ampia è la garanzia sui conti, alcuni risparmiatori sono attratti da istituti oltre frontiera che offrono interessi anche fino all’11%: fra questi figurano le banche serbe. Come aprire un conto deposito in Serbia? Ecco cosa fare e cosa bisogna sapere su vantaggi e rischi.

Come aprire un conto deposito in Serbia

Le banche serbe offrono interessi dal 9 all’11% in fase di negoziazione: condizioni più che vantaggiose per chi vuole aprire un conto deposito e guadagnare sulle somme a sé intestate. Come accennato, anche alcune banche italiane offrono condizioni favorevoli per i conti deposito (e, come diremo a breve, con maggiori garanzie in caso di dissesto finanziario). Chi vuole approfondire prima di guardare all’estero farebbe bene a confrontare i conti deposito italiani disponibili.

Una delle note dolenti relative all’apertura di conti in Serbia, riguarda la copertura massima garantita, che ammonta a soli 50.000 Euro. In Italia invece, i conti deposito sono garantiti dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, il quale, in caso di fallimento della banca, garantisce la restituzione fino ad un massimo di 100.000 Euro (leggi la news sul prelievo forzoso conti correnti). Chi è deciso a rivolgersi ad una banca serba, può comunque stipulare apposita polizza assicurativa.

Chiunque può aprire un conto in Serbia, anche se non residente. Per aprire un conto deposito in Serbia è necessario innanzitutto conoscere la lingua, oppure, farsi aiutare da un professionista. Non facendo parte dell’area Euro, bisogna tener conto del tasso di cambio (la valuta è il dinaro serbo) e fare attenzione alla convenienza della riconversione. Alcune banche permettono in ogni caso di aprire il conto direttamente in Euro, la differenza sta nel fatto che per i conti aperti in valuta locale non ci sono tasse, mentre per i conti in valuta estera l’imposta si aggira sul 15% calcolata sugli interessi maturati.

Prima di valutare l’apertura del conto deposito, si consiglia di valutare lo stato delle banche serve, per evitare i pericoli legati ad eventuali dissesti, e di dare un’occhiata alle migliori proposte italiane utilizzando il motore di ricerca di SosTariffe.it.
Confronta conti deposito »

« notizia precedente « notizia successiva » »