Codici avvia class action contro Samsung

L’associazione dei consumatori Codici ha avviato una class action nei confronti di Samsung, “rea” – secondo quanto afferma l’organizzazione – di aver dichiarato delle memorie superiori a quanto in realtà introdotto all’interno dei prodotti della compagnia sudcoreana.

L'associazione dei consumatori avvia class action contro il produttore sudcoreano
L'associazione dei consumatori avvia class action contro il produttore sudcoreano

“A fronte dei 4 gigabyte di memoria garantita sul sito dell’azienda, il primato del differenziale negativo spetta al modello XCover 2 e al Mini 2 di Samsung, che dispongono al primo avvio solo di 0,9 gigabyte di memoria, ossia meno di un quarto rispetto a quanto dichiarato. In questa triste classifica seguono poi il modello Young, che dispone di 1,3 gigabyte, ossia di circa un terzo di quanto promesso, e subito dopo l’XCover (47% disponibile), il Core Plus (50%), l’Ace II (54%), l‘S III mini (53%), l’S4 (55%), l’S5 (71%) e il Tab 3 (70%)” – spiegano da Codici.

Confronta offerte Telefonia mobile

L’associazione per la tutela dei diritti dei consumatori, richiede dunque un risarcimento per tutti quegli utenti che hanno acquistato dispositivi di telefonia mobile e tablet, per i quali veniva dichiarato un quantitativo di memoria disponibile che non corrisponde a quanto realmente dichiarato dall’azienda.

Una pratica che – prosegue Codici – sarebbe già stata censurata dall’Antitrust, che l’avrebbe definita “contraria alla diligenza professionale e idonea, mediante la diffusione di informazioni fuorvianti e l’omissione di informazioni rilevanti, a falsare in misura apprezzabile il comportamento economico del consumatore medio”.

Si attende ora una replica da parte di Samsung…

Commenti Facebook: