di

Classe di merito: come conservarla se compri o sostituisci il veicolo

Qual è il parametro più prezioso per un assicurato? La classe di merito, che è il “voto” assegnato nella “pagella” di ciascun automobilista. Ecco perché è molto importante conservare la propria classe di merito in caso di acquisto di ulteriore veicolo: una possibilità concessa a partire dal 2007, con la legge Bersani. Un’opportunità da sfruttare sempre e comunque, per ripartire, con la seconda vettura, dalla stessa classe di merito maturata con la prima classe.

Classe di merito: come conservarla se compri o sostituisci il veicolo

È un vostro diritto

Ogni volta che, da proprietari di uno o più veicoli già assicurati con polizza attiva, acquistate un ulteriore veicolo (nuovo o usato) della medesima tipologia, l’Assicurazione (la stessa o un’altra) deve assegnare questo ultimo veicolo alla CU risultante dall’ultimo attestato di rischio conseguito sul veicolo o su uno dei veicoli di proprietà già regolarmente assicurati con polizza attiva.

Allo stesso modo, ogni volta che un componente stabilmente convivente di un nucleo familiare acquista un veicolo, le Assicurazioni devono assegnarlo alla classe di merito risultante dall’ultimo attestato di rischio conseguito su altro veicolo regolarmente assicurato di proprietà di uno dei componenti del nucleo familiare. L’unica condizione è che si tratti della medesima tipologia di veicolo.

Sostituzione del veicolo: vale la stessa regola

La classe di merito viene conservata anche in caso di documentata vendita, consegna in conto vendita, furto, demolizione, cessazione definitiva della circolazione o definitiva esportazione all’estero di un veicolo di tua proprietà (o del coniuge in comunione di beni) precedentemente assicurato.

Avete diritto a che il relativo contratto di assicurazione Rc auto sia reso valido per altro veicolo della medesima categoria di vostra proprietà. Così, la stessa Assicurazione (o anche un’altra) dovrà classificare il contratto relativo a tale auto sulla base delle informazioni contenute nell’ultimo attestato di rischio conseguito sul veicolo precedente, purché in corso di validità, mantenendo la medesima classe. Parliamo comunque di classe di merito universale, che vale per tutte le Compagnie, e non di classe interna, che varia a seconda dell’Assicurazione.

Confronta Assicurazioni auto »

Commenti Facebook: