China to Italy, il ponte via smartphone che collega Pechino a Milano per l'Expo del 2015

Secondo gli ultimi dati pubblicati da uno studio del Touring Club Italiano, l'Expo 2015 sarà una grande vetrina che vedrà come protagonisti i cittadini provenienti dai cosiddetti "Brics". Sono attesi a Milano per il prossimo anno circa un milione di turisti cinesi, non mancheranno inoltre brasiliani, indiani e russi. Un melting pot che per la prima volta, a causa di un evento di simile portata, cambia nei costumi presentando novità assolute. Non potevano pertanto mancare le app in grado di supportare le pretese culturali e turistiche di tutti coloro che saranno presenti per l'Expo, vediamo come.

China to Italy, il ponte via smartphone che collega Pechino a Milano per l'Expo del 2015

Se un milione di cinesi invaderà le strade di Milano nel 2015 sicuramente dal punto di vista turistico si potranno fare buoni affari, il problema sono come al solito le infrastrutture e una certa impreparazione latente che il Bel paese mette spesso in evidenza durante eventi di così grandi dimensioni. I turisti cinesi, brasiliani, indiani e russi saranno i nostri turisti del futuro e la tecnologia in tal caso potrà aiutare il nostro Paese a gestire tutte le loro possibili esigenze.

Nasce così China To Italy, un’applicazione Internet mobile al totale servizio del turista cinese. Scaricabile per iOS e per Android, l’app consente a coloro che giungeranno dal lontano oriente di destreggiarsi con facilità tra le vie, le piazze e i monumenti di un Paese come il nostro che ha tantissimo da offrire e che ancora deve trovare il modo di proporlo ad un turismo di massa ormai letteralmente globalizzato.

China to Italy non è nient’altro che una guida virtuale, tutta in cinese, che permette al turista di ascoltare o leggere, itinerari di cultura, benessere e divertimento. Non mancano comunque anche suggerimenti più pratici, sempre ben accetti, riguardanti informazioni e consigli su hotel, ristoranti e negozi. L’applicazione offre una vera e propria visita virtuale non solo di Milano, ma anche di Venezia, Firenze e Roma.

Se si pensa che l’Expo del 2015 ha addirittura dedicato un intero padiglione al mercato cinese, questo genere di soluzioni tecnologiche potranno sicuro essere d’aiuto non solo per i turisti e per gli addetti ai lavori ma soprattutto per l’assetto di un Paese, il nostro, che per forza di cose deve potersi confrontare al meglio con un paese come la Cina, che a discapito di crisi interne, è ancora in netta ascesa dal punto di vista economico.

Non ci resta che aspettare le altre applicazioni dedicate ai turisti brasiliani, indiani e russi. Anche perché da quelle parti l’approccio creativo ed entusiasta di noi italiani non è ancora passato di moda.

Confronta Offerte Internet Mobile »

Commenti Facebook: