Chili si stacca dal provider Fastweb e diventa una società per azioni

Con un comunicato stampa diffuso ieri, il gruppo Fastweb ha annunciato che Chili, la piattaforma Internet di streaming di film nata nel 2011 da un’idea dello stesso provider, si stacca definitivamente da essa e diventa una società per azioni indipendente, aprendo il capitale a nuovi soci. la “over the top TV” punterà sempre al mercato cinematografico e televisivo, guardando con maggiore attenzione alle nuove tecnologie e alla profonda trasformazione del settore, soprattutto in questi ultimi anni.

Confronta Offerte TV

L’evoluzione e la velocità del mercato necessitano di una maggiore innovazione e flessibilità: lo spin off cerca di ottenere proprio questo, senza perdere di vista le opportunità non solo della banda larga “standard” e della fibra, ma anche del crescente utilizzo delle reti mobili ad alta velocità, degli smartphone e dei tablet (Chili Cinema, infatti, è già presente come widget in molte Smart TV, sui browser all’indirizzo www.chili-tv.it o come app per le piattaforme Android e iOS).

Abbiamo contenuti di grande qualità e vogliamo diventare la prima piattaforma di distribuzione di film in Italia”, ha affermato Stefano Parisi, presidente di Chili spa: “siamo qui per cambiare il mercato del cinema in Italia, per portare Internet anche nelle case delle famiglie che non hanno neanche un pc, per portare il cinema a casa di chi non va al cinema”.

Insomma, sarà proprio Internet il veicolo con cui Chili tenterà di diventare una delle maggiori realtà commerciali nella distribuzione di film in formato digitale e in multipiattaforma. L’offerta è molto variegata, grazie ad importanti accordi con colossi del calibro di Disney, Warner, Paramount, Rai Cinema, Eagle, Fandango, Lucky Red, BIM, Dall’Angelo Film, Moviemax, Dania, Videa e Dinyt. Sono già stati acquisiti più di 1300 film (già 900 sono disponibili), tra vecchi e nuovi titoli, noleggiabili e visualizzabili in 48 ore su qualsiasi dispositivo, dal computer allo smartphone, o sul tablet.

Commenti Facebook: