Certificazione energetica, a cosa serve?

Cos’è la certificazione energetica della casa? Di cosa si tratta? Si tratta di un certificato che attesta la qualità energetica della propria abitazione.

Dal 25 luglio 2009 è vigore la normativa delle Linee Guida Nazionali per la certificazione energetica che impone al proprietario o al costruttore, l’obbligo di far redigere, all’atto della costruzione di una casa, un attestato di certificazione energetica

Il documento quindi è indispensabile per gli immobili oggetto di affitto o compravendita sia di nuova costruzione o di recente ristrutturazione.

L’attestato di certificazione energetica vale per 10 anni e può essere redatto dal certificatore energetico, iscritto ad un apposito albo professionale che avrà il compito di diagnosticare e quantificare le dispersioni termiche dell’edificio.

Verrà quindi certificato l’isolamento e la coibentazione ed eventualmente verranno poste misure in essere per migliorarne gli aspetti per aumentare il risparmio energetico.

La certificazione energetica avrà una scala di valori per valorizzare le classi di immobili costruiti secondo efficienza. Le classi energetiche vanno dalla A, la più conveniente alla G meno efficiente.

certificazione_energetica

Per gli immobili super efficienti sarà prevista altresì la una classe A+.

La certificazione prevede un costo, ma il documentare che certifica le qualità energetiche dell’immobile, permetterà di attribuire un maggior valore all’abitazione.

certificazione energetica della casa? Di cosa si tratta? Si tratta di un certificato che attesta la qualità energetica della propria abitazione.

Dal 25 luglio 2009 è vigore la normativa delle Linee Guida Nazionali per la certificazione energetica che impone al proprietario o al costruttore, l’obbligo di far redigere, all’atto della costruzione di una casa, un attestato di certificazione energetica

Il documento quindi è indispensabile per gli immobili oggetto di affitto o compravendita sia di nuova costruzione o di recente ristrutturazione.

L’attestato di certificazione energetica vale per 10 anni e può essere redatto dal certificatore energetico, iscritto ad un apposito albo professionale che avrà il compito di diagnosticare e quantificare le dispersioni termiche dell’edificio.

Verrà quindi certificato l’isolamento e la coibentazione ed eventualmente verranno poste misure in essere per migliorarne gli aspetti per aumentare il risparmio energetico.

La certificazione energetica avrà una scala di valori per valorizzare le classi di immobili costruiti secondo efficienza. Le classi energetiche vanno dalla A, la più conveniente alla G meno efficiente.

certificazione_energetica

Per gli immobili super efficienti sarà prevista altresì la una classe A+.

La certificazione prevede un costo, ma il documentare che certifica le qualità energetiche dell’immobile, permetterà di attribuire un maggior valore all’abitazione.

Commenti Facebook: