Cellulari e sistemi operativi, cosi non va

Piatto ricco mi ci ficco: il mercato della telefonia mobile vale cinque miliardi di clienti. Nel 2010 sono previste vendite per un miliardo e duecentomila tra cellulari e smartphone.

L’Unione Internazionale delle telecomunicazioni (ITU) ha rilasciato i dati che mostrano come il 2009 ha mostrato una leggera flessione( In contro tendenza l’ Italia, unico paese europeo in cui le vendite sono aumentate dell’11 per cento).

I produttori cercano di rilanciare le piattaforme mobili con l’intento di portare convergenza e interoperabilità: Microsoft ci prova con il sistema operativo Windows Phone 7 mentre Intel Corporation e Nokia si sono unite per creare MeeGo, un ambiente Linux destinato a netbook, tablet, smartphone, sistemi di infotainment per auto e TV.

C’è posto per tutti? Si, ma bisogna stringersi. Apple è in crisi, nessuno lo dice ma è verso un inesorabile declino fino a giugno quando dovrebbe arrivare il nuovo iPhone 4G.  Vi invitiamo a leggere l’articolo scritto da Alessandro Bruzzi e Dario Salvelli su Visionpost.

o mi ci ficco: il mercato della telefonia mobile vale cinque miliardi di clienti. Nel 2010 sono previste vendite per un miliardo e duecentomila tra cellulari e smartphone.

L’Unione Internazionale delle telecomunicazioni (ITU) ha rilasciato i dati che mostrano come il 2009 ha mostrato una leggera flessione( In contro tendenza l’ Italia, unico paese europeo in cui le vendite sono aumentate dell’11 per cento).

I produttori cercano di rilanciare le piattaforme mobili con l’intento di portare convergenza e interoperabilità: Microsoft ci prova con il sistema operativo Windows Phone 7 mentre Intel Corporation e Nokia si sono unite per creare MeeGo, un ambiente Linux destinato a netbook, tablet, smartphone, sistemi di infotainment per auto e TV.

C’è posto per tutti? Si, ma bisogna stringersi. Apple è in crisi, nessuno lo dice ma è verso un inesorabile declino fino a giugno quando dovrebbe arrivare il nuovo iPhone 4G.  Vi invitiamo a leggere l’articolo scritto da Alessandro Bruzzi e Dario Salvelli su Visionpost.

Commenti Facebook: