Cavo VGA, funzionamento e applicazioni

Il cavo VGA è uno dei più comuni in commercio. Si tratta di un cavo video che porta il segnale tra un dispositivo sorgente e uno ricevente. Viene molto utilizzato per effettuare connessioni tra monitor e pc. E’ facile da riconoscere per la sua forma e la presenza di un paio di viti che permettono l’ancoraggio della presa in maniera sicura. Arriva “dal passato” ma è ancora fondamentale. Vediamo qual è il suo funzionamento e come può essere impiegato.

Vga
Il cavo VGA è ancora ampiamente usato per collegare monitor e pc

Il cavo VGA è uno standard per le connessioni video analogiche. Il suo nome è l’acronimo di Video Graphics Array (l’ultima parola inglese significa “vettore”).

Com’è fatto il cavo VGA?

E’ costituito all’estremità da una presa che presenta 15 poli che “si fanno carico” di trasmettete il segnale video in maniera corretta. Il segnale che è in grado di trasportare viaggia totalmente in analogico e non supporta l’audio. Questo significa che il cavo video dovrà essere abbinato ad un cavo audio specifico che gestisca il flusso per il sonoro. E’ dotato di schermatura che permette di salvaguardare il segnale anche a lunghezze sostenute. E’ comunque consigliabile evitare di eccedere con la lunghezza per evitare distorsioni di segnale. Online si trovano molte offerte per questo tipo di cavi sull’ordine dei pochi euro. Ecco alcuni esempi:

Collegare la tv? Perché no

Nonostante il suo utilizzo sia prettamente volto al collegamento tra monitor e pc, il suo impiego può essere utile anche per effettuare collegamenti con apparecchi televisivi o video proiettori. Se avete a disposizione ad esempio un abbonamento di tv streaming che vi permette di vedere una quantità interessante di programmi tv e film su computer, potreste trovare vantaggio da questo cavo. Con pochi euro potrete infatti connettere la vostra televisione al computer. Tutti  i video on demand a cui avrete accesso attraverso internet potranno essere visti comodamente attraverso uno schermo più grande di quello del pc.

Se poi volete stupire gli amici potrete anche dotarvi di un video proiettore e realizzare dei piccoli cineforum casalinghi. I prezzi per questi dispositivi sono ormai molto contenuti e le dimensioni sono diminuite in maniera sostanziale. Esistono in commercio ormai da anni i mini video proiettori che possono anche essere comodamente trasportati e utilizzati anche in “mobilità”.

Sfruttare gli adattatori

Qualora i dispositivi di casa non fossero dotati di presa VGA, potrete ricorrere a comodi adattatori. Si tratta di apparecchi che possono rendere compatibili i cavi VGA anche con altri standard. Ad esempio è molto probabile che la vostra tv abbia una presa HDMI utilizzata per veicolare il segnale in alta definizione. E’ invece meno probabile che abbia una presa VGA. Storia inversa per il vostro pc che quasi sicuramente sarà dotato di presa VGA (potrebbe non averla qualora sia un notebook) ma non di uscita HDMI. Ecco che l’adattatore HDMI-VGA vi potrà tornare molto utile per effettuare il collegamento. Ecco alcune offerte online:

E’ necessario però ricordare che lo standard analogico del VGA non sarà compatibile con il segnale digitale gestibile con il cavo HDMI. Quindi non si potrà raggiungere una qualità elevata che si possa definire “alta definizione”. Ma si potrà comunque sfruttare la visione su uno schermo più grande, senza interferenze e con estrema facilità. Ricordando che la gestione del flusso audio, come già detto, dovrà necessariamente passare attraverso un collegamento secondario da realizzare con un cavo ausiliario.

 

Commenti Facebook: