Carte di credito zero spese: le offerte di agosto 2021

Come si fa a trovare una carta di credito a zero spese che non richieda requisiti troppo elevati? La comparazione online rappresenta, da sempre, una delle migliori soluzioni a portata di mano e alle quali si può accedere gratuitamente nel caso in cui si fosse alla ricerca di una nuova carta di pagamento. Vediamo di seguito quali sono le migliori soluzioni tra quelle individuate con il comparatore di carte di SOStariffe.it

Carte di credito zero spese: le offerte di agosto 2021

Le carte di credito sono strumenti di pagamento molto sicuri, che vengono sempre più spesso utilizzate nel caso delle transazioni online. Di solito, quando si pensa a questa tipologia di carta si è soliti immaginare grandi somme di denaro da dover spendere per poterne avere una, tra costo del canone e costi di gestione. 

Di conseguenza, appare davvero lecito porsi domande quali “Esistono delle carte di credito a zero spese?” E se sì, cosa bisogna fare per richiederne una? Quali sono i requisiti da possedere?

Intanto, si possono citare alcune carte di credito che diventano a zero spese, ma soltanto nei casi in cui vengano soddisfatte alcune condizioni. Per esempio, si dovrà effettuare un certo numero di transazioni in un determinato periodo di tempo. 

In generale, per ottenere una carta di credito si dovrà avere un conto corrente: il motivo si lega al fatto che i soldi spesi con una carta di questo tipo vengono scalati direttamente dal conto.

La particolarità delle carte di credito consiste, comunque, nel fatto che l’importo non viene addebitato immediatamente nel momento in cui si effettua un acquisto, ma in un momento successivo (di solito, il mese dopo). 

Di seguito saranno presentate alcune soluzioni di carte di credito che sarà possibile attivare direttamente online, con il dettaglio delle condizioni che si dovranno possedere per poterne fare richiesta. 

Confronta le migliori carte di credito disponibili online»

Le carte di credito di Widiba

Widiba è una banca digitale con la quale sarà possibile richiedere due diverse tipologie di carte di credito, che presentano caratteristiche e costi leggermente diversi. Si tratta di:

  • Widiba Carta Classic;
  • Widiba Carta Gold

La prima è una carta di credito che ha un costo del canone annuo pari a 20 euro: si tratta di un costo davvero molto basso, che solitamente non corrisponde a quello che si può spendere per il solo mantenimento di una carta di credito. 

La carta si caratterizza per l’estratto conto online gratuito e l’estratto conto cartaceo richiedibile al costo di 1 euro. Sono previste delle commissioni per il prelievo sia in Italia sia all’estero, che corrispondono a un minimo di 2 euro. 

Il limite di spesa di questa carta di credito è di 1.500 euro al mese: clicca sul link per avere maggiori dettagli in merito alla sua attivazione, che è subordinata al fatto di essere titolari di un conto corrente Widiba. 

Scopri Widiba Carta Classic»

La carta Widiba Gold prevede un costo del canone pari a 50 euro all’anno e un limite di spesa pari a 3.000 euro. Anche in questo caso, l’estratto conto online è gratuito, mentre quello cartaceo costa 1 euro. Sono poi previste delle commissioni di 2 euro per i prelievi, sia in Italia sia all’estero. 

Le carte di credito Widiba possono essere ottenute se si è in possesso di determinati requisiti, ovvero:

  • se si ha un patrimonio complessivo di almeno 3.000 euro;
  • si si accredita sul conto uno stipendio mensile di almeno 800 euro. 

Abbiamo detto che le carte di credito Widiba potranno essere richieste dai titolari di un conto corrente: ma come si attiva un conto corrente Widiba? Quali sono le condizioni contrattuali? 

L’apertura di un corrente corrente Widiba potrà essere effettuata comodamente da remoto, anche con l’utilizzo dello SPID: chiunque potrà aprire un nuovo conto corrente, a condizione che sia maggiorenne e residente in Italia. 

Tra le caratteristiche principali proposte da Widiba, ci sono:

  • il canone gratuito per i primi 12 mesi per tutti i nuovi clienti;
  • i pagamenti con Google Pay;
  • la possibilità di richiedere una carta prepagata al costo di 10 euro;
  • la possibilità di fare trading online;
  • i bonifici online gratuiti. 

Clicca sul link per saperne di più. 

Scopri il conto Widiba»

Carte di credito a zero spese: quali sono le alternative?

Se le carte di credito richiedono solitamente il pagamento di un canone mensile o annuale e il possesso di determinati requisiti, che le banche verificano per avere la certezza delle garanzie economiche del richiedente, ci sono altre carte di pagamento a canone zero che si possono prendere in considerazione, le quali presentano anche il vantaggio di essere slegate da un conto corrente. 

Nello specifico si tratta:

  • delle carte conto con IBAN, che presentano caratteristiche intermedie tra una carta e un conto corrente;
  • delle carte prepagate, che sono molte valide soprattutto per i pagamenti online perché possono essere, per esempio, ricaricate del solo importo relativo alla transazione. 

Vediamo di seguito alcune delle soluzioni che sono state individuate con il comparatore di carte di SOStariffe.it. 

Carta conto con IBAN Dots

Dots propone una carta conto con IBAN digitale, della quale potrà essere richiesta anche la versione fisica. La carta, con la quale si riceverà una Gift Card da 10 euro in omaggio, prevede:

  • il canone annuo gratuito;
  • un limite di spesa pari a 999 euro;
  • un limite massimo di prelievo pari a 250 euro;
  • l’estratto conto online e quello cartaceo gratuiti. 

Non sono richiesti requisiti di tipo reddituale per farne richiesta: clicca sul link per saperne di più. 

Scopri la cart Dots»

Carta conto con IBAN N26

N26 è una banca digitale con la quale si possono attivare diverse tipologie di carte conto con IBAN: la versione base prevede la gratuità del canone mensile. Si tratta di una carta appartenente al circuito MasterCard, che potrà essere gestita totalmente da app. 

La carta si caratterizza per:

  • un limite di spesa di 5.000 euro;
  • un limite massimo di prelievo di 2.500 euro. 

Ne esiste, poi, una versione a pagamento di tipo Business, ovvero N26 Metal, la quale prevede un limite di spesa fino a 20.000 euro e un limite massimo di prelievo di 5.000 euro. 

Clicca sul link per avere maggiori dettagli in merito. 

Scopri la carta N26»
Le carte conto N26 non sono subordinate all’apertura del conto corrente. Chi deciderà, invece, di sottoscriverne uno riceverà una carta di debito MasterCard, accettata in tutto il mondo e compatibile con i pagamenti da mobile. Si ricorda che il conto corrente N26 è un conto corrente online con canone gratuito davvero molto conveniente e facile da usare. 

Carta ricaricabile Tinaba

La carta ricaricabile proposta da Tinaba appartiene al circuito MasterCard e si può ricaricare in qualsiasi momento, in modo gratuito: non prevede costi di gestione e nessuna commissione nascosta. 

La carta viene rilasciata in seguito all’apertura del conto Tinaba, il quale:

  • non prevede alcun costo per il canone mensile;
  • non prevede costi di registrazione;
  • permette di effettuare bonifici SEPA gratuiti e di creare un salvadanaio digitale per mettere da parte i propri risparmi. 

In aggiunta, i primi 24 prelievi presso gli ATM di qualsiasi banche in Ue sono gratuiti. Clicca sul link per avere maggiori dettagli in merito. 

Scopri la carta Tinaba»

Commenti Facebook: