Caricabatterie wireless: in arrivo AirPower

Dovrebbe essere commercializzato entro marzo (almeno negli USA) AirPower, il nuovo dispositivo di Apple per la ricarica wireless secondo lo standard Qi, a giudicare da un report di Macotakara. Il prezzo potrebbe aggirarsi intorno ai 200 dollari (forse di più per l’Europa), con la possibilità di ricaricare con la stessa base più dispositivi, Apple Watch e Airpods compresi.

Il prezzo dovrebbe aggirarsi intorno ai 199 dollari

Una lacuna colmata

Era una delle storiche critiche che venivano mosse all’iPhone di Apple: l’impossibilità della ricarica wireless, un’opzione che, al di là delle valutazioni sulla sua utilità, era già disponibile da anni sui telefoni Android. In occasione del debutto di iPhone X e iPhone 8 (e 8 Plus), Cupertino ha colmato la lacuna, con la complicità della nuova scocca in vetro: è arrivata non solo la possibilità del wireless charging secondo lo standard Qi ma anche un dispositivo ad hoc, AirPower, ormai in dirittura d’arrivo sul mercato.

Secondo gli ultimi rumor di Macotakara, infatti, l’oggetto che dovrebbe rendere più semplice gestire la batteria del proprio dispositivo di telefonia mobile potrebbe essere commercializzato entro fine marzo, a un prezzo che si aggirerebbe intorno ai 199 dollari.
Confronta le offerte di telefonia mobile »

La ricarica disponibile per più accessori

Non è poco, naturalmente, ma del resto l’iPhone X arriva (nella versione da 256 GB) a sfiorare i 1300 euro. Non mancano su Amazon e altri marketplace alternative immediatamente disponibili e molto meno costose, nell’ordine della ventina di euro, ma per chi vuole l’accessorio originale Apple c’è ancora qualche giorno da aspettare e soldo in più da sborsare. Anche perché le caratteristiche innovative rispetto ai modelli a basso costo non mancano: il supporto alla ricarica wireless multi-device, ad esempio, che consente di ricaricare nello stesso momento il proprio iPhone X o 8, l’Apple Watch e gli AirPods, le cuffie Bluetooth made in Apple.

Il funzionamento a induzione è molto semplice: si piazza il proprio iPhone sulla base e il gioco è fatto. Per gli AirPods è invece necessario avere l’ultima custodia realizzata da Apple e presentata lo scorso settembre 2017, anch’essa non ancora disponibile. Nessuna conferma, invece, sulla possibilità di utilizzare AirPower per caricare dispositivi non Apple con supporto Qi.

Inutile dire che quanto detto finora si applica al mercato americano – o meglio, si applicherebbe, visto che si tratta per ora soltanto di indiscrezioni senza nessuna conferma da parte della compagnia guidata da Tim Cook. Ancora meno notizie per l’Europa e soprattutto per l’Italia, sia in termini di costo (ma dovrebbe essere più alto, come sempre accade) che di disponibilità.

Commenti Facebook: