Canone Rai in bolletta: paga solo chi ha il televisore, non altri device

Il canone Rai si pagherà in bolletta luce a partire dal 1° giugno 2016, apparentemente in una rata unica di 100 euro con la prima fattura dell’anno ed esclusivamente dai titolari di un contratto elettrico residenziale per la prima casa, compresi i locatari residenti nell’abitazione in affitto. Paga solo chi ha il televisore, non altri device, ha rassicurato il sottosegretario Antonello Giacomelli.

Se hai la TV streaming senza un televisore, potresti non dover pagare il canone Rai

Arrivano più chiarimenti in materia dell’introduzione del Canone Rai in bolletta elettrica, prevista dall’ultima versione della Legge Stabilità 2016 e tanto voluta dagli ultimi governi.

Inizialmente si era parlato di un canone televisivo spettante non solo a chi possiede un televisore ma anche una connessione ADSL casa. Apparentemente, l’unico requisito per avere l’obbligo del pagamento del tributo è il possesso di un televisore, e non altri device quali smartphone, tablet o PC.

Se hai la tv streaming puoi non pagare il canone

L’ha rassicurato il sottosegretario Antonello Giacomelli a Mattino 24: «Rimane l’impianto della normativa in vigore. È il possesso di un televisore il requisito per il pagamento del canone, non degli altri device. Nella norma abbiamo solo aggiunto una presunzione del possesso del televisore che è il contratto di fornitura elettrica».

Non ci sarebbero modifiche in questo senso dunque rispetto la normativa in vigore. «Per il futuro vedremo», ha anticipato Giacomelli, ricordando che anche chi possiede la radio sarà tenuto al pagamento del canone televisivo, mentre «sono esclusi computer, tablet e smartphone». «Secondo i dati Istat – ricorda il sottosegretario – il 97% degli italiani possiede un televisore. Eppure questo non emerge dai dati sul pagamento del canone».

In questa maniera, un utente potrebbe disfarsene del tradizionale televisore, attivare un abbonamento tv streaming, ad esempio Netflix che è arrivato oggi, o Sky Online con cui si possono vedere anche i talent show e il calcio italiano anche gratis per il primo mese e continuare a usufruire dei contenuti televisivi senza dover pagare il canone Rai (per giusto o meno che sia).

Scopri le offerte TV Streaming

Quali le sanzioni per il mancato pagamento del canone?

Non è chiara ancora quale sarà la sanzione prevista per i morosi, e il disegno di legge parla di un importo pari a due a sei volte: «C’era un’idea del Mef di togliere questa forbice e stabilire che la sanzione era di 5 volte la somma dovuta. Non c’è una soluzione già stabilita, sarà il Parlamento a decidere con la legge di Stabilità», spiega Giacomelli.

Continuerà a essere reato dichiarare falsamente che non si è in possesso di un televisore per non pagare il canone Rai «ma non perché modifichiamo qualcosa. Il decreto del 2000 già dice che la certificazione di un dato falso è reato. Nella legge di stabilità esplicitiamo che vale quella regola», ha spiegato il sottosegretario alle Comunicazioni.

Per gli attuali morosi «purtroppo non succede niente, non perché ci sia un condono, ma perché l’utente avrebbe buon gioco a dire che ha acquistato solo ora il televisore», si lamenta Giacomelli: «tollerare un’evasione del 30% non è giusto prima di tutto per il 70% di utenti che pagano il canone».

Infine il sottosegretario ha ribadito che la richiesta di versamento del canone televisivo arriverà solo «con il contratto della fornitura elettrica dell’abitazione dove si è residenti» e confermato che la cifra totale sarà di 100 euro (in sei rate bimestrali da 16,66 euro), «senza alcuna maggiorazione e nessuna imposta aggiuntiva» come le accise previste per l’energia elettrica, perché «la bolletta è solo la modalità di pagamento».

«Saranno i cittadini a comunicare il mancato possesso del televisore con modalità che saranno stabilite dal decreto attuativo – ha concluso Giacomelli -, anche se ci sono già modalità previste con l’autocertificazione».

Se pensi che i contenuti della tv pubblica sono insufficienti o non adatti alle tue esigenze, ti ricordiamo che attualmente sul mercato italiano vi è un’ampia scelta di proposte della pay tv satellitare, digitale terrestre o streaming. Dai un’occhiata al comparatore di offerte tv di SosTariffe.it per individuare quella che meglio risponde alle tue necessità.

Confronta Tariffe TV 

Rimborso Canone RAI non dovuto

Hai ricevuto impropriamente il canone RAI in bolletta? E’ possible chiedere il rimborso Canone RAI non dovuto all’Agenzia delle Entrate tramite l’apposito Modulo Rimborso Canone RAI non dovuto. Per saperne di più consultate il nostro articolo Rimborso canone RAI non dovuto: modulo e richiesta.

 

Commenti Facebook: