Cambiare banca? Si può e risparmi sul conto corrente

Una recente indagine di Altroconsumo ha dimostrato che pochi italiani nel corso della loro vita hanno cambiato banca. Secondo tale studio, inoltre, il 25% degli intervistati non ha neanche mai pensato di cambiare istituto di credito. Le motivazioni principali sono le modalità di cambio che sembrano troppo complicate e i vantaggi economici ritenuti inesistenti. In realtà cambiare banca può far risparmiare.

La pigrizia e la paura, dunque, sono le ragioni che spingono gli italiani a rimanere ancorati alla propria banca. Spesso non ci si informa neanche sulle condizioni che gli istituti concorrenti offrono, anzi molto sovente non si conoscono neanche le spese annuali della propria banca. La convinzione diffusa, infatti, è quella che e condizioni sarebbero per tutte le Banche uguali. Oggi, tuttavia, questo non è più vero e ci sono notevoli differenze.

Dunque come si fa a valutare la possibilità di cambiare banca?

Come prima cosa è necessario sapere l’importo della spesa che affrontiamo attualmente per il nostro conto corrente.  Oltre al canone annuo è necessario valutare eventuali spese per le operazioni non incluse in questo costo: bonifici, prelievi, RID, ecc … Questo dato lo si può ricavare dall’estratto conto di fine anno che riepiloga tutte le spese sostenute per quell’anno.

Cambiare conto non comporta spese di estinzione, dunque non ci sono costi per poter passare ad un’altra banca. Gli istituti, inoltre, provvederanno ad effettuare il passaggio di tutti i titoli in modo gratuito.

Dopo aver preso coscienza delle spese sostenute per mantenere il proprio conto corrente si può dare un’occhiata a quanto offerto dalla concorrenza, anche grazie al nostro comparatore dedicato ai conti correnti, nel quale vengono riassunti tutti i dettagli utili per procedere ad una comparazione tra i conti e decidere quello più adatto alle nostre esigenze.

Confronta Conti Correnti

Il risparmio ottenibile dal cambio conto corrente può essere anche molto elevato. Esistono oggi, infatti, conti a zero spese se sottoscritti online.
Confronta Conti Zero Spese

I principali conti a zero spese sottoscrivibili oggi sono il conto Che Banca Online, conto Arancio di IngDirect, conto corrente di Fineco, Facile Under 26 di Intesa San Paolo, BancoPosta Click di Banco Posta, Conto Italiano Online di Mps e il conto di WeBank.

Commenti Facebook: