Calo record del potere d’acquisto: con il mercato libero si può risparmiare

Crolla il potere d’acquisto delle famiglie italiane. L’Istat ha segnalato che il reddito delle famiglie è diminuito del 2,1% nel 2012. Così, tenendo conto dell’inflazione, il potere di acquisto delle famiglie è calato del 4,8% durante il 2012, una cifra record che non si verificava da 1995, anno di inizio delle serie storiche. Con le tariffe del mercato libero dei diversi servizi si può risparmiare. Scopri di più.

crolla potere acquisto

Durante il 2012 si è verificato un calo record del potere d’acquisto delle famiglie consumatrici in Italia: ben -4,8%, una cifra che non si era mai presentata sin dal’95, anno in cui cominciano le serie storiche.

I dati arrivano dall’ultimo rapporto dell’Istituto di Statistica, dove si legge che anche la propensione al risparmio è calata dello 0,5% nel 2012 rispetto l’anno precedente, risultando così dell’8,2%. Questo livello non era stato mai così basso dal 1990, ancora anno d’inizio delle serie storiche.

Il calo del tasso di risparmio non solo si spiega con la diminuzione del reddito disponibile (-2,1%), ma anche perché il consumo non si è ridotto allo stesso livello (-1,6%), e quindi si è generato un gap.

Anche gli investimenti fissi lordi delle famiglie si sono ridotti (-4,6%).

Per quanto riguardano le imprese, l’Istat informa che nel 2012 la quota di profitto delle società non finanziarie è calata dell’1,1% rispetto al 2011.

A maggior ritmo scendono gli investimenti fissi lordi delle società non finanziarie (-7,9%), e il tasso di investimento (definito dal rapporto tra investimenti fissi lordi e valore aggiunto ai prezzi base) si è ridotto nel 2012 dell’1,4% rispetto all’anno precedente.

Con il mercato libero si può risparmiare

SosTariffe.it, il miglior sito web per il confronto nel 2011 e 2012, propone una serie di comparatori gratuiti e indipendenti, che consentono di trovare la tariffa luce, gas, ADSL, telefonia mobile, internet mobile, tv, o il conto corrente che meglio si adatta alle proprie esigenze.

Ad esempio, nel settore dell’energia elettrica, attivando una tariffa del Mercato Libero si può risparmiare fino a 160 euro all’anno.

Confronta Tariffe Luce

Stesso discorso per la bolletta del gas: passando al Mercato Libero si può approfittare delle offerte degli operatori e ridurre la spesa annua di ulteriore 150 euro all’anno.

Confronta Tariffe Gas

Nell’ambito della telefonia mobile, SosTariffe.it ha dimostrato che la portabilità del numero ad altro operatore consente di approfittare delle offerte riservate ai nuovi clienti, con un risparmio che può superare il 30% mensile.

Confronta Tariffe Cellulari

Per quanto riguarda l’ADSL, SosTariffe.it ha pubblicato un osservatorio nel quale è stato dimostrato che cambiando operatore ADSL la spesa annua può ridursi perfino di 400 euro all’anno, approfittando le offerte per i nuovi clienti. Leggi l’osservatorio per saperne di più.

Confronta Tariffe ADSL

In materia di conti di deposito, SosTariffe.it ha individuato le banche con cui non si paga l’imposta di bollo.

Confronta Conti Deposito

Anche in materia di conti correnti ci sono stati rincari, sempre tramite l’aumento dell’imposta di bollo. Sul nostro portale potete individuare molto facilmente i conti correnti senza spese e senza bollo, utilizzando i filtri disponibili a sinistra nella pagina del comparatore.

Confronta Conti Correnti

Commenti Facebook: