Calendario pagamenti reddito di cittadinanza: quando si riceve l’accredito

I pagamenti del reddito o della pensione di cittadinanza saranno versati in giorni diversi a seconda che i beneficiari attendano il primo versamento o uno dei successivi sostegni. Ecco qual è il calendario degli accrediti per il mese di Luglio per nuovi e vecchi beneficiari

Novità reddito di cittadinanza, le date degli accrediti

Gli accrediti del reddito di cittadinanza del mese di Luglio, come è avvenuto finora, sono iniziati dal 27 del mese. Da ieri dunque i beneficiari che hanno fatto domanda per ottenere questo sostegno del reddito hanno ricevuto i versamenti sulle proprie card. La data non è fissa e dipende dalle disposizioni di pagamento inoltrate dall’INPS.

Se si è invece un nuovo beneficiario di queste misure (sia della pensione che del reddito), la data del primo pagamento prevista per le domande presentate entro il 31 Luglio 2020 sarà a partire dal 15 Agosto. Questi giorni servono per all’ente di Previdenza per elaborare le richieste e dare le direttive per i versamenti anche dei nuovi redditi di cittadinanza.

RdC, le novità di Luglio

Le card in possesso dei cittadini che hanno diritto ad ottenere gli aiuti per il sostegno dei redditi più bassi saranno dunque ricaricate a partire da Lunedì e fino alla metà del prossimo mese. Ma da Agosto è prevista anche l’applicazione della misura del taglio del 20% degli importi non spesi nel mese precedente.

Durante il periodo del lockdown sono stati alcuni obblighi imposti ai beneficiari del reddito. La misura infatti è stata istituita come aiuto temporaneo per le famiglie con difficoltà economiche e come sostegno per l’inserimento nel mondo del lavoro.

Per ricevere il reddito i cittadini sono obbligati ad iscriversi presso i Centri per l’impiego, a cercare attivamente lavoro, a fare colloqui di lavoro proposti e possono rifiutare solo fino a due proposte di lavoro. La quarantena ha portato con sé una sospensione temporanea di questi obblighi per 2 mesi,  da Aprile a Giugno. Con Luglio sono dunque riprese le disposizioni precedenti e per mantenere attivo il bonus i beneficiari devono riprendere a partecipare alle attività per trovare un impiego.

Come fare domanda per avere la Carta Reddito

Le carte su cui viene accreditato il reddito sono delle carte di debito prepagate, sono degli strumenti che danno la possibilità di controllare la lista dei movimenti e con delle precise limitazioni di spesa. Ecco come funziona l’RdC? Per cosa si possono spendere le somme ricevute? E come funziona il taglio del 20%?

Scopri le migliori carte di credito

Hanno diritto al reddito di cittadinanza i cittadini italiani o con residenza in Italia da almeno 10 anni, cittadini in possesso di un permesso di soggiorno di lungo periodo o permanente e coloro che hanno diritto alla protezione internazionale.

I requisiti per ottenere l’accredito degli aiuti economici sono:

  • avere un ISEE inferiore a 9.360 euro
  • possedere un patrimonio immobiliare che non superi i 30 mila euro
  • avere un patrimonio complessivo non superiore a 6 mila euro se si è single, per coppie o famiglie più numerose il valore sarà incrementato di 1000 euro per ogni figlio (dal secondo in poi) e di 5 mila euro se sono presenti persone con disabilità (si può arrivare fino a 7.500 se il congiunto ha una disabilità grave). Il tetto massimo del patrimonio mobiliare non potrà comunque superare i 10 mila euro

Il reddito familiare sarà poi moltiplicato per i parametri della scala di equivalenza che prevede un massimo di 2,1 punti per ogni nucleo familiare e di 2,2 se sono presenti disabili o persone non autosufficienti.

Se si rientra nei parametri descritti dopo aver inviato la domanda si riceverà un sms o una mail con le indicazioni per ritirare la card presso l’Ufficio postale di riferimento.

Documenti per fare domanda

Per i nuovi beneficiari è importante recarsi alle Poste portando con sé:

  • il documento d’identità
  • il codice fiscale
  • l’sms o la mail con il codice comunicatovi da Poste italiane
  • una copia del messaggio con cui vi è stato comunicato che la vostra domanda è stata accettata

Quando vi recherete allo sportello l’impiegato vi consegnerà la Carta e sulla prepagata sarà già disponibile l’importo spettante per il mese in corso. Oltre al pagamento del mese saranno anche versati eventuali mensilità accumulate dal momento della presentazione della domanda e fino al ritiro della Card. Nella documentazione che vi verrà consegnata troverete anche il PIN per poter procedere ai pagamenti, ai prelievi e al controllo di saldo e movimenti.

Non si potrà utilizzare la Carta per altri scopi che non rientrino in quelli previsti dal decreto sugli aiuti al reddito. Sarà quindi impossibile ricaricare altri importi sulla card e non si potranno ricevere bonifici o effettuare pagamenti non autorizzati. Da Agosto inoltre gli importi non spesi nel mese precedente comporteranno una riduzione delle successive somme accreditate, sarà sottratto il 20% delle cifre non spese.

Come si può spendere il Reddito di cittadinanza

Secondo quanto previsto dalla legge 4/2019, i beneficiari di questo sussidio potranno utilizzare le somme accreditate per:

  • acquistare beni di prima necessità (alimenti e farmaci, abbigliamento)
  • pagare le utenze e il bollo auto
  • pagare l’affitto o le rate del mutuo di casa
  • acquisto di piccoli elettrodomestici
  • servizi di idraulica o intervento di elettricista per guasti

Si potranno anche prelevare fino a 100 euro per i single, le somme per le famiglie saranno calcolate in base al proprio coefficiente che viene riconosciuto dalle scale di equivalenza. Non saranno consentite altre spese ed è fatto assoluto divieto di spendere le somme ricevute con questo provvedimento all’estero.

Controllare l’accredito del reddito e il saldo sulla Carta

La Carte del reddito funziona come le comuni PostePay, sarà quindi possibile controllare che il versamento di Luglio è avvenuto recandosi presso gli sportelli ATM delle Poste e chiedendo il saldo. Si dovrà quindi inserire il PIN per verificare i movimenti e gli importi presenti sulla Carta.

A parte questo controllo diretto, sono stati predisposti anche altri metodi per verificare il conto delle carte del reddito di cittadinanza. Si può contattare il centralino al numero verde 800.666.888, è un servizio gratuito da telefono fisso e mobile. Un altro sistema è collegarsi al sito redditodicittadinanza.gov.it e inserire le proprie credenziali.

Come fare un bonifico o un prelievo

Se non è possibile ricevere ricariche o pagamenti sulla PostePay reddito, gli utenti potranno utilizzare lo strumento per effettuare dei versamenti. Come ogni strumento di pagamento elettronico la carta Reddito prevede dei costi di commissione per operare.

Per prelevare agli ATM di Poste italiane si pagherà 1 euro, mentre se si effettueranno prelievi da ATM di altri istituti di credito il costo salirà a 1,75 euro. Per quanto riguarda i prelievi vale quando detto: i single potranno ritirare al massimo 100 euro in contanti, le famiglie avranno dei tetti variabili in base al proprio coefficiente riconosciuto per il vostro nucleo.

Sarà inoltre possibile fare solo 1 bonifico ogni 30 giorni per pagare il mutuo o le tasse e vi costerà 1 euro, se si utilizzerà invece il sistema Postagiro la commissione sarà solo di 0,50 euro. I bonifici saranno consentiti solo per alcune tipologie di spesa molto precise: in particolare i beneficiari del reddito di cittadinanza potranno effettuare questi pagamenti per affitti o mutui, non sarà imposta una cifra massima bonificabile.

Avete perso la Carta, ecco come rimediare

State per ricevere l’importo del mese di Luglio ma avete perso la carta, ecco come operare per non rischiare di essere esclusi dalla misura di sostegno per i cittadini più bisognosi. Dovrete provvedere ad effettuare una denuncia per furto o smarrimento.

Ancora prima di procedere alla comunicazione presso Polizia o carabinieri dovrete chiamare il numero verde 800.666.888. Il centralino delle Carte reddito dovrà essere informato della perdita della carta da parte dell’intestatario e l’addetto provvederà a bloccare la card. E anche disponibile un numero per coloro che dovessero smarrire la carta all’estero, in questo caso il contatto da chiamare è il +39.02.82443333.

Se vi trovate in questa situazione e siete preoccupati di perdere il sussidio di Luglio, niente paura. Dopo aver provveduto alle due operazioni – blocco carta e denuncia – potrete recarvi, con copia del documento delle forze dell’ordine, presso l’Ufficio postale e fare domanda per una nuova carta. Specificate il motivo della richiesta perché l’addetto vi dovrà fornire un modulo specifico. La carta vi verrà consegnata solo quando le Poste riceveranno la conferma dell’avvenuta denuncia.

Carta Reddito di cittadinanza, le informazioni utili

Per non perdere diritto al sussidio è importante che i beneficiari spendano con attenzione le somme ricevute e che si attengano alla lista di acquisti consentiti. Da Agosto diventerà importante spendere l’importo totale ricevuto, altrimenti lo Stato rivedrà la cifra a voi destinata riducendola del 20%.

Anche se non è posto un limite massimo del numero di prelievi mensili sarà meglio spendere le somme in contanti per evitare di pagare 1 euro per ogni operazione. Si potrà inoltre fare solo un bonifico al mese, ma si dovrà giustificarlo come pagamento della rata del mutuo o per versare la mensilità dell’affitto.

Entro l’ultima settimana del mese si riceverà l’importo di Luglio, mentre per chi presenterà domanda entro il 31 Luglio l’approvazione della richiesta dovrebbe arrivare entro il 15 Agosto.

 

Commenti Facebook: