Boom della raccolta premi assicurazioni: tutti i dati del 2014

Il 2014 è stato un anno d’oro per le assicurazioni, che si sono guadagnate una raccolta premi da record. Eccelle il ramo vita, con entrate pari a 110 miliardi di Euro, segue il ramo danni (Rc auto, ed altre coperture) con 38,2 miliardi di introiti. Nel corso del 2014 la raccolta complessiva premi è stata pari a 143,3 miliardi con una crescita del settore pari al +20.6% rispetto al 2013, segno che gli italiani non intendono rinunciare all’assicurazione. La buona notizia? I premi delle assicurazioni auto sono diminuiti del 6,5%.

Raccolta ramo vita da record, 110 miliardi. Il ramo danni è a 32,8 miliardi

Buone notizie per le compagnie assicurative, ma anche per gli assicurati. Le assicurazioni italiane infatti salutano il 2014 con entrate da capogiro, relative soprattutto al ramo vita. La raccolta premi delle assicurazioni vita ha raggiunto lo scorso anno i 110 miliardi di Euro segnando una crescita del 30% rispetto al 2013.

Le polizze vita hanno raccolto lo scorso anno ben 82 miliardi in premi (il record per il ramo), mentre il ramo fondi pensione e malattia seguono con cifre più modeste (una raccolta di 1,4 miliardi per il premio, in crescita del solo 9% e di 67 milioni per il secondo, in crescita del 29%). Quali sono le novità relative invece al ramo danni?

Innanzitutto i premi Rc auto sono diminuiti del 6,5% e il settore, nel 2014, si è guadagnato una raccolta premi assicurazioni pari a 32,8 miliardi. Se ne deduce che, benché la cifra sia nettamente inferiore alle entrate del ramo vita, gli italiani non rinunciano ad assicurare l’auto. Le assicurazioni auto (Rca) sono infatti obbligatorie e c’è da dire che pesano non poco sul bilancio familiare.

Tuttavia, grande fetta di italiani si rivolge già da tempo alle assicurazioni online, e ai siti di comparazione prezzi come SosTariffe.it. Sul web infatti è possibile confrontare i preventivi di diverse assicurazioni in pochi minuti e scovare la polizza più economica in un click.
Confronta preventivi RC auto

Commenti Facebook: