Bonus TV con rottamazione: requisiti, date e importo dell'agevolazione

Il Bonus TV 100 euro con rottamazione di un precedente apparecchio diventerà realtà dal prossimo 23 agosto. In Gazzetta Ufficiale, infatti, è stato pubblicato il decreto che "ufficializza" la partenza del nuovo bonus per l'acquisto di un nuovo TV (senza vincoli ISEE). Basterà un modulo, da considerare al rivenditore o ad un'isola ecologica autorizzata, per accedere al bonus. Ecco, quindi, tutto quello che c'è da sapere sul nuovo bonus TV da 100 euro che gli utenti potranno sfruttare per acquistare un nuovo dispositivo compatibile con gli standard del digitale terrestre DVBT-2/Hevc Main 10.

Bonus TV con rottamazione: requisiti, date e importo dell'agevolazione

Il nuovo Bonus TV 100 euro prenderà il via il prossimo 23 agosto. A confermarlo è un decreto appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale. In vista del passaggio al nuovo digitale terrestre, le famiglie possono sfruttare questa nuova agevolazione per acquistare un TV o un decoder compatibile con i nuovi standard di trasmissione. Il Bonus TV permetterà l’accesso ad uno sconto del 20% sul prezzo di vendita (comprensivo di IVA) fino ad un massimo di 100 euro.

Per gli utenti interessati al nuovo Bonus TV c’è la necessità di presentare un apposito modulo, in cui auto-certificare il possesso dei requisiti. Da notare che è possibile richiedere un solo bonus per cittadino (sarà necessario indicare il proprio codice fiscale al momento della richiesta del bonus). L’accesso all’agevolazione è disponibile fino al prossimo 31 dicembre 2022 anche se l’erogazione dei bonus è vincolata alla disponibilità dei fondi (attualmente è previsto uno stanziamento di 250 milioni di euro).

Bonus TV con rottamazione: i requisiti per l’accesso

Il nuovo Bonus TV è disponibile per tutti i cittadini maggiorenni residenti in Italia. Da notare che l’accesso all’agevolazione è vincolato alla rottamazione di un TV non compatibile con i nuovi standard previsti dal digitale terrestre. La rottamazione può avvenire in due modi. Gli utenti potranno consegnare il TV da rottamare direttamente al rivenditore oppure al centro comunale di raccolta RAEE.

L’intera procedura va certificata tramite un apposito modulo. Per rendere valido tale modulo sarà necessario inserire, oltre a tutti i dati del richiedente, anche i dettagli relativi al TV rottamato ed al luogo di consegna (rivenditore o centro comunale di raccolta RAEE). Bisognerà, inoltre, completare il modulo con la firma del richiedente e con la firma del rivenditore o dell’addetto del centro comunale di raccolta RAEE.

Il modulo andrà poi affiancato da una copia di un documento di identità e del codice fiscale del richiedente. Da notare che il richiedente deve auto-certificare di essere in regola con il pagamento del canone RAI e che il TV rottamato non era conferme ai nuovi standard del digitale terrestre che diventeranno effettivi nel corso dei prossimi mesi. Chi è esentato dal pagamento del canone RAI potrà accedere ugualmente al Bonus TV. In questo caso, il sistema effettuerà un controllo sul codice fiscale inserito per verificare l’effettivo rispetto dei requisiti previsti.

C’è un altro aspetto da considerare per quanto riguarda la rottamazione. L’accesso al Bonus TV con rottamazione, infatti, è legato al tipo di dispositivo rottamato. Se si rottama un decoder, infatti, sarà possibile acquistare un decoder beneficiando dell’agevolazione. Se, invece, la rottamazione è del TV, il bonus sarà utilizzabile per l’acquisto di un TV.

Bonus TV: importo e limiti ISEE

Il Bonus TV consiste in uno sconto del 20% sul prezzo d’acquisto, IVA compresa, di un nuovo apparecchio (TV o decoder) compatibile con i nuovi standard del digitale terrestre. L’importo massimo del bonus è fissato in 100 euro. Il valore effettivo dell’agevolazione dipenderà, quindi, dal modello che si deciderà di acquistare. L’utente potrà rivolgersi ad un rivenditore richiedendo la possibilità di utilizzare il bonus per l’acquisto di un dispositivo compatibile al nuovo digitale terrestre.

Da notare, inoltre, che non sono previsti limiti ISEE per l’accesso al Bonus TV 100 euro. La normativa, infatti, non fissa vincoli di reddito per l’accesso all’agevolazione. Il bonus è disponibile per tutti i cittadini italiani residenti in Italia ed in regola con il pagamento del Canone RAI che rispettano i requisiti previsti dalla normativa. Per ogni codice fiscale di persone in possesso di regolari requisiti per l’accesso è prevista l’erogazione di un solo bonus TV 100 euro.

Da notare che il nuovo Bonus TV è cumulabile con il Bonus TV precedente che, invece, un limite ISEE di 20.000 euro. Da notare che tale bonus, a partire dal 23 agosto, presenterà un importo di 30 euro e non più di 50 euro. Gli utenti in possesso dei requisiti previsti dalla normativa, in ogni caso, potranno accedere ad entrambi i bonus beneficiando sia dello sconto di 30 euro che di quello del 20% per minimizzare i costi d’acquisto di un nuovo dispositivo compatibile con il nuovo digitale terrestre.

Le date da ricordare

Il nuovo Bonus TV 100 euro sarà disponibile a partire dal prossimo 23 agosto. A partire da tale data, infatti, gli utenti in possesso dei  requisiti previsti potranno accedere all’agevolazione per l’acquisto di un nuovo TV dopo aver rottamato un vecchio apparecchio. Sempre da tale data sarà possibile chiedere il “precedente” Bonus TV riservato a chi ha un ISEE inferiore a 20.000 euro ed il cui importo passa da 50 euro a 30 euro. Come sottolineato in precedenza, i due bonus sono cumulabili.

Per gli utenti, ci sarà tempo fino al 31 dicembre 2022 per richiedere il nuovo Bonus TV Rottamazione. Da notare, però, che l’accesso all’agevolazione è vincolato alla presenza dei fondi sufficienti. Inizialmente, è previsto uno stanziamento di 250 milioni di euro per l’agevolazione. In futuro, in caso di successo dell’iniziativa, il Governo potrebbe stanziare fondi extra per garantire a tutti i cittadini la possibilità di passare ad un TV compatibile con il digitale terrestre.

In quali negozi è possibile richiedere il Bonus TV per rottamazione?

I rivenditori non sono obbligati ad accettare il Bonus TV 100 euro. Il supporto a tale agevolazione è su base volontaria. Di conseguenza, i consumatori dovranno verificare, di volta in volta, se un determinato rivenditore supporta il Bonus e, quindi, consente di acquistare un TV a prezzo ridotto sfruttando l’agevolazione prevista.

In linea teorica, inoltre, il Bonus TV può essere utilizzato anche per acquistare un apparecchio tramite un rivenditore online. In questo caso, però, sarà il rivenditore a dover predisporre un sistema per la raccolta dei dati necessari e per la rottamazione dell’apparecchio. Anche in questo caso, quindi, sarà necessario valutare di volta in volta la possibilità di utilizzare il bonus presso un determinato rivenditore.

Cosa succede se non si cambia TV?

Il cambio di TV o decoder per il passaggio ad un apparecchio compatibile con il nuovo digitale terrestre non è obbligatorio. Gli utenti possono verificare se il proprio TV (o il proprio decoder) sia effettivamente compatibile con il DVB-T2 HEVC Main10 tramite i canali test disponibili al numero 100 e 200 del telecomando. Se tali canali sono visualizzati correttamente, non sarà necessario cambiare TV e rottamare il modello precedente. Da notare, inoltre, che chi ha un TV non compatibile con il nuovo digitale terrestre e decide di non acquistare un nuovo modello (o un nuovo decoder) dal prossimo anno non avrà più accesso ai canali TV del digitale terrestre. Sarà necessario, quindi, utilizzare Internet, per accedere alla TV in streaming, o la TV satellitare per continuare a vedere i programmi.

Commenti Facebook: