Bonus Mobilità non funziona o bloccato: cosa fare

A partire dalla giornata di oggi è possibile richiedere l'erogazione del Bonus Mobilità, sfruttando una piattaforma web messa a disposizione dei cittadini italiani da parte del Ministero dell'Ambiente. Il sito web da cui inviare la richiesta per l'erogazione del bonus è andato off-line nella mattinata di oggi a causa dell'enorme numero di richieste ed anche l'applicazione per lo SPID di Poste Italiane sta registrando malfunzionamenti. Ecco, quindi, cosa fare per richiedere il Bonus mobilità.

Bonus Mobilità non funziona o bloccato: cosa fare

A partire dalla giornata di oggi è possibile richiedere l’erogazione del Bonus Mobilità. Il contributo in questione interessa tantissimi cittadini italiani e la piattaforma web messa a disposizione dal Ministero dell’Ambiente già nella mattinata di oggi è andata in tilt a causa delle troppe richieste.

Ricordiamo, infatti, che l’erogazione del Bonus mobilità avviene seguendo la dinamica del click day. In sostanza, i bonus vengono erogati seguendo l’ordine di presentazione delle istante, a partire dalla giornata di oggi. In sostanza, i cittadini che presenteranno per primi le domande potranno ottenere il bonus.

Il Bonus mobilità prevede un plafond ben preciso. L’agevolazione, infatti, verrà erogata sino ad esaurimento fondi (alle 15 del pomeriggio del 3 novembre sono disponibili ancora 192 milioni di Euro circa). Presentano la domanda per primi si avrà, quindi, la certezza di poter ottenere il Bonus Mobilità che invece potrebbe non essere riconosciuto agli utenti che arriveranno in ritardo.

Da notare, inoltre, che l’enorme mole di richieste ha mandato in tilt anche l’app per lo SPID di Poste Italie (una delle più usate in assoluto per la verifica dell’identità digitale). Lo SPID è necessario per l’accesso al Bonus Mobilità e l’applicazione di Poste Italiane è andata in crisi per via dell’enorme numero di richieste arrivate in queste ore da parte dei cittadini italiani.

Ecco, quindi, come presentare la richiesta per l’accesso all’agevolazione in tempo utile per ottenere il bonus prima dell’esaurimento dei fondi disponibili.

Come fare ad ottenere il Bonus Mobilità

Per poter ottenere il Bonus Mobilità è necessario collegarsi al sito ufficiale dell’agevolazione e, successivamente, effettuare l’accesso tramite SPID indicando anche il comune di residenza del richiedente. A questo punto, per poter presentare l’istanza per l’ottenimento dell’agevolazione bisognerà indicare il proprio IBAN, il numero di Partita IVA dell’esercente ed allegare lo scontrino o la fattura d’acquisto (sono accettati i formati PDF, PNG e JPG con un peso massimo di 3 MB).

Considerando l’enorme mole di richieste in arrivo in queste ore, il sistema per l’accesso al Bonus Mobilità prevede l’ingresso in una sala d’attesa virtuale. Dopo aver effettuato l’accesso (tramite SPID) si riceverà un posto nella coda virtuale. Gli utenti che vogliono fare richiesta per l’accesso al bonus, quindi, dovranno attendere il loro turno per poter presentare la domanda tramite la piattaforma web.

Tutto quello che c’è da sapere sul Bonus Mobilità

Il Bonus Mobilità, come sottolineato in precedenza, viene erogato sino ad esaurimento fondi. Una volta terminato il plafond disponibile, le richieste presentate non potranno essere accettate (salvo ulteriore rifinanziamento da parte del Governo per il bonus che ha ottenuto enorme successo in queste settimane).

L’agevolazione si configura come contributo pari al 60 per cento della spesa sostenuta e, comunque, in misura non superiore a 500 Euro per l’acquisto di biciclette, anche a pedalata assistita, veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica (monopattini, hoverboard e segway). Il bonus non può essere utilizzato per l’acquisto di accessori mentre può essere riservato all’acquisto di bici e veicoli usati per i quali sarà comunque necessario ottenere fattura o altra documentazione commerciale.

Chi non ha ancora acquistato il veicolo, potrà richiedere il Bonus Mobilità da consegnare al negoziante (che verrà poi rimborsato dal Ministero) andando così a pagare solo il 40% del corso del veicolo (entro il limite massimo di 500 Euro). Il bonus potrà essere utilizzato entro il prossimo 31 dicembre 2020.

Possono richiedere il Bonus Mobilità tutti i cittadini maggiorenni con residenza nei capoluoghi di Regione (anche sotto i 50.000 abitanti), nei capoluoghi di Provincia (anche sotto i 50.000 abitanti), nei Comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti e nei comuni delle Città metropolitane (anche al di sotto dei 50.000 abitanti). Le Città metropolitane sono: Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma Capitale, Torino, Venezia.

Commenti Facebook: