Bonus INPS 1000 euro studenti: come ottenerlo e per cosa si può spendere

Le famiglie che si trovano in condizioni di maggiore disagio economico potrebbero ricevere un bonus INPS del valore di 1.000 euro da utilizzare per sostenere le spese scolastiche dei loro figli: ecco in cosa consiste questo nuovo bonus studenti e come fare per richiederlo. 

Bonus INPS 1000 euro studenti: come ottenerlo e per cosa si può spendere

Nonostante i sussidi e le agevolazioni statali, il costo dell’istruzione continua a essere poco sostenibile per tante famiglie italiane, che tra libri di testo e pagamento dei mezzi pubblici (o privati) si ritrovano a dover affrontare costi considerevoli. 

Per supportare ancor di più le famiglie con figli in età scolastica che hanno un ISEE basso, dovrebbe arrivare un bonus per gli studenti del valore di 1.000 euro, la cui erogazione sarà gestita direttamente dall’INPS

Come dovrebbe funzionare nella pratica questo nuovo ammortizzatore sociale promosso dal Governo? Sarà riservato a tutti gli studenti o ci saranno altre condizioni da dover rispettare? Vediamo di seguito quali sono le informazioni attualmente note sul bonus studenti 1.000 euro.

Cosa si sa sul nuovo bonus INPS da 1.000 euro

Stando alle prime anticipazioni, il bonus INPS da 1.000 euro dovrebbe essere rivolto agli studenti di famiglie che abbiano un reddito ISEE basso, ma a condizione che abbiano anche un rendimento scolastico elevato

In tal senso la misura si pone come una sorta di borsa di studio per gli alunni più meritevoli, ma che non godono della stessa situazione economica di altri allievi che magari hanno gli stessi voti.

Nello specifico, il bonus si rivolge agli studenti delle scuole superiori di primo e secondo grado: l’assegno che si può ricevere parte da un minimo di 750 euro e può raggiungere il valore massimo di 1.000 euro. 

Scendendo maggiormente nel dettaglio:

  • il bonus è pari a 750 euro per gli studenti che frequentano l’ultimo anno della scuola secondaria di primo grado;
  • equivale a 800 euro per chi frequenta i primi quattro anni delle scuole superiori e i corsi di formazione professionale;
  • raggiunge i 1.000 euro per gli studenti che sono all’ultimo anno di scuole superiori e che devono conseguire il diploma.

Per quanto riguarda, invece, la votazione richiesta, i ragazzi dovranno avere almeno la media dell’8, mentre per i ragazzi con handicap o disabilità il voto minimo richiesto è pari a 6 su 10. Il bonus potrà essere utilizzato per un massimo di 1 anno. 

La domanda per richiedere il bonus dovrà essere presentata sul sito dell’INPS, dopo aver effettuato l’accesso tramite SPID, con l’utilizzo del modulo AS150: ci si iscriverà in questo modo a una banca dati e si potrà proseguire con la presentazione della domanda. 

Le altre risorse per gli studenti

Tra le agevolazioni statali che si rivolgono in modo diretto agli studenti troviamo anche il cosiddetto bonus cultura, chiamato da molti bonus studenti: si tratta di un contributo economico riservato agli studenti che nel 2020 hanno compiuto o compiranno 18 anni

L’iniziativa è stata introdotta per la prima volta dalla legge di Stabilità del 2016, nel comma 979 art 1, ed è stata confermata anche negli anni successivi fino ad oggi. Il contributo per il 2020 ammonta a 300 euro

Tale cifra potrà essere utilizzata per l’acquisto non solo di libri – scolastici e non – ma anche per comprare biglietti di eventi culturali, spettacoli, mostre, concerti e così via, anche online. I prodotti venduti sul web per i quali è possibile utilizzare l’importo del bonus cultura vengono contrassegnati dal logo di 18app, che è l’applicazione da scaricare per sfruttare il contributo. 

Gli studenti non riceveranno i soldi sul loro conto corrente, ma avranno a propria disposizione un conto digitale per mezzo del quale potranno portare a termine gli acquisti consentiti. Per poter usufruire del bonus, oltre che avere 18 anni nel 2020, si dovrà avere la residenza in Italia. 

Vi potranno accedere dunque non solo i cittadini italiani, ma anche tutti gli studenti che hanno la residenza fissa in Italia, anche se sono nati in un altra nazione. Per utilizzare 18app ci si dovrà prima registrare al sito www18app.italia.it. In un secondo momento sarà possibile accedere all’app con l’utilizzo dello SPID, ovvero il Sistema Pubblico di Identità Digitale. 

Nel momento in cui si vorrà utilizzare il bonus cultura, si dovrà selezionarlo tra le modalità di pagamento e:

  • attendere la conferma di transazione nel caso di acquisto online;
  • creare un QR code dall’app da mostrare in negozio nel caso di acquisto dal vivo. 

Il credito si aggiornerà in automatico: l’importo del prodotto comprato verrà quindi scalato dalla somma totale del proprio conto virtuale. Basterà utilizzare l’applicazione ogni volta che si vorrà conoscere qual è l’importo residuo del bonus.

Cosa sono i conti correnti per giovani

Tra le varie tipologie di conti correnti che è possibile sottoscrivere online, sono disponibili anche i conti correnti per giovani. Perché citarli? Nel caso in cui si rientrasse tra gli studenti beneficiari del bonus INPS da 1.000 euro sarebbe molto utile disporre di un proprio conto corrente sul quale ricevere il contributo dovuto, dato che lo si è meritato sulla base delle proprie pagelle. 

Come funzionano i conti correnti destinati ai giovani? Esattamente come un normalissimo conto corrente, con la sola differenza che sono rivolti a un pubblico ben preciso. Pensare all’apertura di un conto corrente online per giovani è una buona idea in quanto si tratta di conti a zero spese

In aggiunta, proprio per venire incontro a un pubblico abituato a fare tutto tramite PC o smartphone, si tratta di conti correnti che possono essere utilizzati unicamente tramite home banking o mobile banking

Analizziamo le caratteristiche di tre conti correnti online individuati con il comparatore di SOStariffe.it, ovvero My Genius di Unicredit, il conto BNL e Tinaba

My Genius è un conto corrente online per gli under 30 che può contare sulla solidità del gruppo Unicredit: è un conto a zero spese e con imposta di bollo gratuita. Se attivato entro il 31 dicembre 2020 prevede un bonus di benvenuto pari a 150 euro.

Scegliendo questo conto corrente online a zero spese sarà possibile inviare gratuitamente bonifici SEPA e attivare gratuitamente una carta di debito con canone zero. 

Clicca sul link che trovi qui sotto per saperne di più sul conto My Genius.

Scopri il conto corrente online My Genius »

BNL Smart è un conto per utenti che hanno meno di 30 anni: il canone mensile è a costo zero, così come l’imposta di bollo. Tra le sue particolarità, troviamo il fatto che possa essere gestito del tutto dall’app dedicata. 

Attivando questo conto corrente online si avrà diritto alla gratuità del prelievo allo sportello, al canone e alla ricarica della carta prepagata e sarà anche possibile fare trading online, qualora fosse di proprio interesse. 

Scopri di più sul conto corrente BNL Smart cliccando sul link qui sotto. 

Scopri il conto corrente BNL Smart »

Tinaba permette infine di sottoscrivere un conto corrente zero spese facile e sicuro, nel quale non sono previsti né canoni mensili né costi di registrazione. I bonifici SEPA sono gratuiti ed è prevista la creazione di un salvadanaio digitale. 

Clicca sul link per saperne di più su Tinaba

Scopri come funziona Tinaba »

In generale, se si volesse approfondire il tema del conti correnti dedicati ai giovani, si consiglia di provare a utilizzare in autonomia il comparatore di conti correnti di SOStariffe.it al fine di individuare la soluzione che si adatta meglio alle proprie esigenze, grazie al confronto immediato tra le tante offerte disponibili. 

Anche se il conto non sarà utilizzato dai propri figli nel corso nelle scuole superiori, è molto probabile che, qualora siano bravi a scuola, abbiano intenzione di proseguire con gli studi universitari:  per questo motivo giocare d’anticipo e aprire un conto corrente online a zero spese fin da subito potrebbe essere un grande investimento per il loro futuro. 

Commenti Facebook: