Bonus gas e luce: contributi e agevolazioni a gennaio 2021

I bonus sociali gas e luce saranno erogati in modo automatico a partire dal 1° gennaio 2021: vediamo di seguito di cosa si tratta nello specifico e quali sono i nuclei familiari ai quali sono destinati. 

Bonus gas e luce: contributi e agevolazioni a gennaio 2021

Sulla base di quanto contenuto nel Decreto Legge n. 124 del 26 ottobre 2019, convertito con modificazioni dalla legge n. 157 del 19 dicembre 2019, a partire dal 1° gennaio 2021 i bonus luce e gas,  riservati ai nuclei familiari che si trovano in condizioni di disagio economico, saranno erogati in modo automatico. 

Ciascun nucleo familiare avrà diritto a un solo bonus sulle proprie forniture di luce e gas, che coprirà un intero anno. La misura economica presuppone che uno dei componenti debba essere l’intestatario di un contratto relativo alla componente luce, gas o acqua. 

Controlla i tuoi consumi e scopri il risparmio Seleziona i tuoi elettrodomestici

Quali sono le condizioni che si devono possedere per poter avere accesso all’erogazione automatica di tali bonus? Ecco tutto quello che c’è da sapere e chi sono i soggetti che avranno diritto in automatico al bonus senza dover presentare una nuova domanda. 

I beneficiari dei bonus luce e gas

I bonus automatici saranno applicati ai soggetti:

  • che siano intestatari di un contratto per la fornitura di luce e gas con tariffa per usi domestici;
  • che usufruiscano di una fornitura condominiale per il proprio consumo di gas.

Controlla i tuoi consumi e scopri il risparmio Per quali scopi utilizzi il gas?

Le condizioni da rispettare per poter avere diritto all’erogazione automatica dei bonus gas e luce sono una delle seguenti:

  • si dovrà avere un ISEE inferiore a 8.265 euro;
  • nel caso in cui si abbiano almeno 4 figli a carico, il proprio ISEE dovrà essere inferiore a 20.000 euro;
  • si dovrà essere beneficiari del Reddito di cittadinanza o della Pensione di cittadinanza. 

La procedura per ricevere i bonus gas e luce

Se fino alla scorso anno, i cittadini in possesso dei requisiti previsti dalla legge dovevano presentare domanda al CAF o presso il proprio Comune al fine di ricevere i bonus sociali gas e luce, dal 1° gennaio 2021 tali bonus saranno applicati automaticamente in bolletta

Basterà presentare la Dichiarazione Sostitutiva Unica con la quale sarà possibile ottenere l’attestazione ISEE necessaria per l’ottenimento di una prestazione sociale agevolata. 

Qualora si rientrasse nelle condizioni di disagio economico che fanno scattare l’accesso al bonus, l’INPS invierà i dati al SII, ovvero il Sistema Informativo Integrato, una banca dati che ha la funzione di gestire i flussi informativi dei soggetti che partecipano ai mercati dell’energia elettrica e del gas

Sarà compito del SII quello di incrociare i dati ricevuti con quelli delle forniture di luce e gas in modo tale da rendere automatica l’applicazione dei bonus sociali. Il tutto avverrà nel pieno rispetto della normativa sulla privacy. 

Quali bonus non saranno automatici

Se i bonus sociali per disagio economico relativi alle utenze di luce e gas saranno erogati in modo automatico, la stessa sorte non spetta, invece, ai cosiddetti “bonus per disagio fisico”. 

Per tali agevolazioni si dovrà fare riferimento alle medesime condizioni previste lo scorso anno, ovvero i soggetti in possesso dei requisiti richiesti dovranno inviare l’apposita domanda ai Comuni o ai CAF. 

Si tratta, nello specifico, di coloro i quali si trovano in gravi condizioni di salute e hanno necessità di utilizzare apparecchiature elettromedicali per la loro sopravvivenza. 

A quanto ammontano i bonus sociali

La scelta di rendere i bonus gas e luce automatici è legata anche al fatto che, stando alle stime di ARERA, soltanto il 33% degli aventi diritto ne aveva fatto richiesta nel 2019. Si tratta, dunque, di una mossa che mira a semplificare le condizioni di accesso a tali bonus. 

I contributi saranno erogati sotto forma di sconto, il quale verrà applicato direttamente in bolletta. Per quanto riguarda gli importi, sono previsti:

  • dai 125 ai 173 euro sull’intero anno per il bonus luce;
  • dai 32 ai 264 euro sull’intero anno per il bonus gas

Nella DSU da presentare si dovranno inserire i propri dati anagrafici e dei beni patrimoniale dei quali si era in possesso al 31 dicembre del secondo anno precedente quello in cui sarà inviata la dichiarazione. Il documento dovrà essere presentato presso i CAF abilitati o gli sportelli del proprio Comune. 

Il bonus luce nel dettaglio

Abbiamo visto che i bonus sociali luce e gas saranno erogati sulla base di requisiti di tipo reddituale e avranno un valore differente in relazione ai componenti del proprio nucleo familiare. 

A questo proposito, il bonus luce sarà pari a:

  • 125 euro nel caso di nucleo familiare composto da due membri;
  • 148 euro nel caso di nucleo familiare composto da tre membri;
  • 173 euro nel caso di nucleo familiare composto da quattro membri

Il bonus luce viene erogato per un periodo di 12 mesi sia ai clienti che fanno parte del mercato libero dell’energia e del gas naturale, sia a quelli che hanno scelto di passare alla Maggior Tutela. Il bonus luce per disagio fisico, invece, va da un importo minimo di 185 euro fino a uno massimo di 663 euro

Il bonus gas nel dettaglio

Il calcolo del bonus gas dipende, invece, da parametri differenti. Il primo è il numero di componenti del proprio nucleo familiare. Ci sono due soglie di riferimento, ovvero:

  • nucleo familiare composto da 1 a 4 persone;
  • nucleo familiare nel quale siano presenti più di 4 persone. 

Incide poi sull’importo del bonus gas:

  • il luogo in cui si abita, in quanto nelle Regioni del Nord Italia le esigenze di riscaldamento saranno sicuramente superiori rispetto a quelle delle Regioni del Sud;
  • l’utilizzo che si fa della componente gas, che potrà essere utilizzata per l’acqua calda sanitaria, per il riscaldamento, e così via. 

Il bonus gas sarà erogato:

  • sotto forma di sconto suddiviso in 12 mesi, che sarà applicato direttamente in bolletta nel caso di clienti diretti, ovvero coloro  i quali hanno all’attivo una fornitura di gas di tipo residenziale che sia intestata alla persona fisica che ha fatto richiesta del bonus;
  • in un’unica soluzione ai clienti diretti, ovvero coloro i quali utilizzano un impianto gas di tipo condominiale, che riceveranno un bonifico domiciliato. Nella pratica, dovranno recarsi presso un Ufficio Postale con documento d’identità e codice fiscale al fine di riscuotere il bonus. 

Oltre ai bonus gas e luce: come risparmiare sulla bolletta

Al di là della possibilità di ricevere sconti sulle bollette di luce e gas grazie ai bonus sociali, c’è sempre la possibilità di riuscire a risparmiare sulle fatture relative alle proprie utenze domestiche sfruttando tutti i vantaggi del mercato libero. 

Un ottimo punto di partenza consiste nell’utilizzare un comparatore di offerte luce e gas con il quale conoscere quali sono le soluzioni più convenienti da attivare, scegliendo così di passare definitivamente dal mercato tutelato al mercato libero (che sarà obbligatorio per tutti dal 1° gennaio 2022). 

Lo strumento messo a disposizione gratuitamente da SOStariffe.it è davvero molto utile in quanto permette di effettuare delle simulazioni partendo da quelli che sono i propri dati di consumo o di utilizzo. 

Per esempio, nel caso della luce si possono inserire quali sono i principali elettrodomestici presenti in casa e che contribuiscono maggiormente a far crescere il costo della bolletta della luce, oltre che i componenti del proprio nucleo familiare. 

Per conoscere quali sono le migliori offerte luce individuate con il comparatore, si consiglia di cliccare sul link presente qui sotto. 

Confronta le migliori offerte online sulla componente energia »

Lo stesso meccanismo potrà essere utilizzato sul comparatore di offerte gas, grazie al quale si potranno conoscere le promozioni più convenienti e il risparmio che si otterrà sull’anno rispetto al mercato tutelato. 

Anche in questo caso si potranno inserire i propri dati di consumo effettivi, oppure informazioni riguardanti:

  • il numero di componenti del proprio nucleo familiare;
  • la grandezza della propria abitazione;
  • quali sono gli usi principali che si fa del gas, che possono essere legati al riscaldamento, alla cottura o all’acqua calda. 

Per valutare le migliori offerte gas disponibili in questo momento, è sufficiente cliccare sul link presente qui sotto. 

Confronta le migliori offerte online sulla componente gas »

Commenti Facebook: