Bonus bebè 2014: come richiedere il prestito agevolato?

Secondo quanto previsto dalla nuova Legge di Stabilità 2014, sono stati stanziati nuovi aiuti per le famiglie, tra cui il “Bonus Bebè”. Quest’agevolazione però, non è più un contributo a fondo perduto come lo era prima, ma un prestito a condizioni agevolate, attraverso il quale si possono richiedere fino a 5.000 euro, da restituire entro 5 anni.

come richiedere il bonus bebè
Bonus Bebè: come funziona e come farne richiesta

La recente Legge Stabilità 2014 prevede agevolazioni per le giovani famiglie, alle quali l’esecutivo destinerebbe 30 milioni di euro.

Nello specifico, si tratta della proroga fino alla fine di quest’anno, di un accordo tra il Governo e l’ABI (Associazione Bancaria Italiana), che impegna le banche aderenti all’iniziativa a erogare un prestito con tassi d’interesse agevolati e un TAEG (tasso annuo, effettivo e globale) dimezzato rispetto al TEGM (tasso effettivo, globale e medio).

Si tratta del cosiddetto “Bonus Bebè“, che non prevede limiti di reddito per accedere all’agevolazione. Tuttavia, in caso di ISEE inferiore a 15.000 euro, la garanzia dello Stato si eleva dal 50 al 75%, facilitando l’accesso al finanziamento.

Invece, se l’indicatore ISEE è superiore a 15.000 euro, lo Stato garantisce l’istituto di credito, in situazioni di insolvenza, fino al 50% dell’ammontare del prestito.

Per questo motivo, la banca (maggiormente garantita) applicherà un tasso di interesse inferiore a quello corrente nel caso di ISEE sotto i 15.000 euro. Va sottolineato che la presenza della garanzia non esonera, ovviamente, dalla restituzione del prestito.

In caso di insolvenza, i richiedenti saranno soggetti alle ordinarie procedure esecutive per il recupero del finanziamento: da parte dell’istituto di credito per la parte non coperta dalla garanzia, e da parte del Fondo per quella coperta dall’assicurazione dello Stato.

La richiesta può essere fatta per ogni bambino nato o adottato.

Come funziona il bonus bebè

Le famiglie interessate in ottenere il finanziamento, devono contattare una delle banche che aderiscono all’iniziativa entro il 30 giugno successivo alla nascita o all’adozione del bambino.

Per consultare l’elenco completo degli istituti di credito aderenti bisogna rivolgersi ai siti web fondonuovinati.it o abi.it.

Il prestito viene erogato dopo l’accertamento dell’ammissione alla garanzia del Fondo. Questo vuol dire che l’accesso al finanziamento è agevolato dallo Stato, ma la banca comunque verificherà se ci sono le condizioni per l’erogazione e avrà l’ultima parola al riguardo.

Richiedi un preventivo per il tuo prestito

Come richiedere il bonus bebè

Per richiedere il bonus bebè basta eseguire questi passi:

  1. Compilare il modulo fornito dalla banca inserendo le proprie generalità e quelle del bambino;
  2. Fornire alla banca la documentazione necessaria (es. busta paga, dichiarazione dei redditi, ecc);
  3. Se richiesto, fornire il modello ISEE.

Per maggiori informazioni, rimandiamo al sito web ufficiale del Fondo Nuovi Nati.

 

 

Commenti Facebook: