Bollo Conto Corrente: l’offerta delle banche con e senza imposta statale

Il Decreto Salva Italia promulgato lo scorso settembre dal Governo Monti oltre alle numerose tassazioni ha introdotto anche l’esenzione del bollo statale sui conti correnti sia bancari che postali che hanno una giacenza media di 5000 euro. Una buona notizia che va ad alleggerire della suddetta imposta i piccoli risparmiatori che quindi non vedono intaccati i loro capitali.

Offerte conto deposito, le migliori proposte di dicembre
Migliori conti deposito del mese: ecco quali sono

L’imposta di bollo statale è una tassazione indipendente dall’istituto bancario infatti attualmente viene applicata indistintamente a tutti i conti correnti attivi intestati a persone fisiche, per le aziende è in atto un’altra tipologia di regime fiscale, senza alcuna differenziazione relativa alla giacenza, e ammonta a 34,20 euro totali annui distribuiti in base alla cadenza dell’estratto conto (ad esempio se l’estratto conto è semestrale la tassa va suddivisa in 2 rate di pari importo, se trimestrale 4 rate e così via..).

Le proposte da parte delle banche per quanto riguarda questa tipologia di prodotti sono molto vasti, ci sono conti correnti adatti a tutte le esigenze e se la soglia dei 5000 risultasse essere un limite sicuramente la scelta alternativa più azzeccata si trova tra i conti deposito, dei quali SOS Tariffe offre uno strumento di comparazione costantemente aggiornato sulle migliori proposte del mercato.

La scelta di abolire la tassazione sui conti correnti ha uno scopo ben preciso secondo il Governo Monti: ossia quello di alleggerire il peso fiscale a quei soggetti che devono obbligatoriamente procedere all’apertura di un conto corrente a causa dei limiti imposti ai pagamenti in contanti. Per i pagamenti superiori a 1000 euro infatti è ora prevista in maniera obbligatoria una transazione tracciabile e documentabile e quindi soggetta a tassazione fiscale imponibile.

Passando ai numeri ben 12 milioni di intestatari potranno risparmia l’imposta per un risparmio complessivo dell’intera nazione pari a 410 milioni di euro. Se inoltre si somma questa manovra con quella precedente, promulgata ad agosto 2011, che prevedeva l’abbassamento dell’aliquota fiscale degli interessi sui conti correnti dal 27% al 20% aprirne uno diventa non solo una necessità ma anche un investimento vero e proprio per la gestione dei risparmi o delle spese correnti.

Il conto corrente infatti risulta essere la soluzione adatta per il deposito di piccoli capitali la cui movimentazione deve essere rapida, efficiente e sicura per garantire quindi pagamenti in tempo reale e transazioni certificabili oltre che metodologia unica per l’erogazione di contributi statali e pensioni di importo superiore ai 500 euro.

Nessuno di questi pagamenti potrà essere erogato in futuro in contanti ma solamente attraverso un bonifico o accredito su conto corrente.

Per quanto riguarda i conti correnti relativi alle aziende invece la situazione è diversa non solo perché l’imposta di bollo viene mantenuta ma anche perché la stessa subisce un aumento di 26,20 euro passando dai 73, 80 del 2011 ai 100 previsti per il 2012.

Proposte per conti correnti con e senza imposta di bollo

Conti correnti senza spese né imposta di bollo

Tra i conti correnti personali che prevedono il pagamento dell’imposta di bollo possiamo segnalare il Conto CheBanca! che annulla l’imposta di bollo per tutti i depositi, a prescindere dalla giacenza del conto. Inoltre, non prevede spese di alcun tipo, purché si tratti della versione Online del Conto.

Anche Conto BancoPosta Click, uno dei conti correnti proposto da Poste Italiane, non prevede il pagamento dell’imposta di bollo né prevede spese fisse. Con questo conto corrente anche i bonifici fatti online e i prelievi allo sportello o presso ATM di altre banche sono gratuiti.

Conti correnti zero spese con imposta di bollo

Altri conti correnti “zero spese” da segnalare, che prevedono però il pagamento dell’imposta di bollo pari a 34,20 euro sono il Conto Corrente Fineco Giovani o il Conto Facile Under 26 di Banca Intesa Sanpaolo, entrambi disponibili solo per i correntisti sotto i 26 anni.

Un altro conto a zero spese rivolto alla clientela di qualsiasi età è il Conto Italiano On Line di Banca Monte dei Paschi di Siena.

Per valutare al meglio le caratteristiche delle varie proposte si può utilizzare lo strumento di comparazione offerto da SOS Tariffe, che consente di valutare al meglio le caratteristiche di tutte le proposte scegliendo quella più adatta alle proprie esigenze.

Confronta Conti Correnti

Commenti Facebook: