di

Bollette pagate con cashback e bonus: tutte le opportunità

Le bollette di luce e gas possono essere molto salate, soprattutto in questi mesi con gli aumenti dei costi delle materie prime. Ci sono però degli strumenti che possono garantirti degli aiuti per poter contenere le spese per i consumi delle tue utenze domestiche. Ecco come funziona il cashback e quali bonus puoi usare per pagare le bollette

Bollette pagate con cashback e bonus: tutte le opportunità

Puoi risparmiare sulle bollette di energia e gas se diventi cliente del libero mercato e hai anche l’opportunità di fare richiesta dei bonus gas ed elettrico dell’ARERA se rispondi ad alcuni requisiti. Con questi strumenti hai la possibilità di ridurre di centinaia di euro i costi delle tue utenze domestiche.

Nei primi 6 mesi del 2021 hai anche avuto la possibilità di usufruire del servizio di cashback del 10% pagando le tue bollette con le carte iscritte al programma di rimborsi di Stato, potrai tornare a sfruttare anche questa agevolazione da Gennaio 2022. Il piano per incrementare l’uso degli strumenti elettronici di pagamento è stato momentaneamente sospeso per il periodo Luglio-Dicembre.

Se non rientri tra coloro che hanno attivato il profilo per partecipare al programma di rimborsi del piano Cashless e non hai diritto ai bonus luce e gas puoi ottenere dei buoni risparmi anche cambiando gestore per le tue forniture. Le migliori offerte energia e gas puoi trovarle usano il comparatore di SOStariffe.it, lo strumento confronta per te le tariffe e calcola anche la spesa media che dovrai sostenere in base ai consumi che segnali.

Ecco come trovare la tua offerte luce e gas »

Come risparmiare su luce e gas

Per ottenere un dato più affidabile possibile puoi indicare il tuo consumo annuo, questa informazione la puoi trovare sulle bollette dei tuoi servizi domestici. Una famiglia tipo di 3 persone che vive in un appartamento di 75 mq e usa con regolarità la lavatrice, il forno e il frigo consuma in medio 2690 kWh l’anno, con le attuali tariffe del mercato tutelato il corrispettivo economico per 12 mesi di servizio è di più di 800 euro.

Per il conto del gas invece il consumo medio annuo per la famiglia di tre persone, che abita in una casa sempre di 80 mq e che utilizza il gas per alimentare l’impianto di riscaldamento, per l’acqua calda e per cucinare, è di 1170 smc. Il costo complessivo delle bollette per un anno di fornitura in questo caso arriva a superare di poco i 1.267 euro.

Con le promozioni energia e gas più convenienti puoi ridurre i costi per le tue utenze quasi di 600 euro l’anno. Per esempio questo mese se la famiglia tipo passasse all’offerta energia di e-Light di Enel con tariffa monoraria e prezzo della luce bloccato per il primo anno potrebbe spendere fino a 313 euro in meno rispetto ai clienti del Servizio a Maggiori tutele. Per quanto riguarda invece la fornitura gas con e-Light Gas il risparmio annuale per il servizio potrebbe superare i 347 euro.

Come ottenere il cashback sulle bollette

Da Gennaio avrai l’opportunità di usare il cashback per il pagamento delle tue bollette, così facendo potrai recuperare il 10% di quanto spendi. La misura fa parte di un programma di Stato che vuole incentivare l’uso delle carte al posto dei contanti. Nella guida di SOStariffe.it trovi tutte le informazioni utili sul cashback di Stato, ecco però un breve riassunto per capire di cosa stiamo parlando.

Questo bonus permette a chi si iscrive all’APP IO, o a chi si registra tramite le altre piattaforme convenzionate, di ottenere un rimborso sulle spese fatte con carte di credito, debito o prepagate.  Il tetto massimo del cashback su ogni acquisto è di 15 euro e si considera l’importo limite di 150 euro, quindi il rimborso corrisponde al 10%. Attenzione, questo significa che se si spende meno di 150 euro si ottiene fino al 10% di cashback, ma se si superano i 150 euro il rimborso non crescerà. 

Il programma dura sei mesi e chi riesce a fare almeno 50 acquisti con le carte registrate può avere l’accredito del rimborso guadagnato. Ogni semestre puoi cumulare fino a 150 euro di cashback e ci sono anche dei premi speciali, fino a 1.500 euro, per chi nei 6 mesi compie il maggior numero di transazioni, questa vincita spetta ai primi 100.000 utenti.

Le spese ammesse sono molte dall’abbigliamento alle cene nei ristoranti, dal giornale al biglietto del tram, non sono però ammessi i pagamenti online tra gli acquisti per cumulare transazioni per il rimborso. Ci sono invece nell’elenco dei casi ammessi le fatture delle utenze, ecco come puoi ottenere il cashback sulle bollette

Registrazione e APP IO

Per poter far rientrare il pagamento delle fatture di luce e gas (oltre che quelle dell’acqua) tra le spese a rimborso dovrai effettuare il versamento in tabaccheria o alle Poste e, ovviamente, dovrai usare una delle carte che avrai abbinato al tuo profilo sull’APP IO o per le quali hai attivato il cashback dall’app.

Se hai attivo il servizio di domiciliazione delle utenze per questi mesi devi disattivarlo, altrimenti perderai il diritto al rimborso del 10% sulle  bollette. Non ti sei ancora registrato al piano Cashback? Hai due possibilità:

  • scarichi l’APP IO e crei il tuo profilo con lo SPID
  • selezioni una delle applicazioni di pagamento convenzionate con il piano (Satispay, Banco Posta o PostePay, Nexi, Enel X Pay, Flowe, American Express o Hype)

I Bonus Luce per chi è in difficoltà

Se sei già cliente del mercato libero la differenza di costo tra un’offerta e l’altra potrebbe essere meno importante, ma dai comunque un’occhiata alle promozioni del mese per assicurarti che la tua tariffa sia la più conveniente. In ogni caso per te potrebbero essere altre opportunità di risparmio.

La prima che analizziamo riguarda le misure di supporto per chi ha difficoltà economiche. In Italia è disponibile ogni anno un contributo per chi ha delle particolari condizioni, il bonus è uno sconto in bolletta luce e gas (c’è anche quello per la fornitura idrica).

Per poter essere tra i beneficiari di questa agevolazione devi rientrare in una delle seguenti categorie:

  • ISEE non superiore a 8.265 euro con nucleo familiare composto da non più di 4 persone con indicatore
  • indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro con un nucleo familiare con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa)
  • intestatario della fornitura è titolare di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza

Per richiedere questo aiuto è necessario compilare il modulo INPS DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica), lo si può fare da soli online o rivolgendosi al CAF oppure ad un intermediario.

Il bonus elettrico in realtà può essere corrisposto anche per ragioni fisiche, oltre che economiche, questa formula del contributo spetta a chi è costretto all’utilizzo di apparecchi salvavita. In questo caso decadono i requisiti economici, si dovrà invece presentare la documentazione medica in cui viene specificato il tipo di macchinario necessario e anche il numero di ore giornaliere necessarie per poter curare il malato o la malata.

Risparmiare in bolletta con il bonus elettrico

I bonus non sono altro che degli sconti in bolletta, vengono calcolati ad inizio anno e poi hanno delle quote prestabilite che vengono riconosciute alle famiglie in base a delle specifiche tabelle. Il più semplice da calcolare è il contributo elettrico per disagio economico, a coloro che hanno diritto a questa agevolazione spetteranno:

  • famiglia di 1-2 componenti: 128 euro 
  • famiglia di 3-4 componenti: 151 euro
  • famiglia di oltre 4 componenti: 177 euro

Per il quarto trimestre 2021 è stato anche necessario calcolare un’integrazione viste le impennate subite dai prezzi del gas con la ripresa delle attività produttive post Covid. I contributi extra disposti sono quindi.

  • famiglia di 1-2 componenti: 46 euro
  • famiglia di 3-4 componenti: 55,20 euro
  • famiglia di oltre 4 componenti: 64,4 euro

Per chi invece ha diritto al contributo per questioni di disagio fisico il calcolo degli sconti in bolletta dipende quanto energia venga consumata oltre il tetto di 2700 kWh. Sul sito dell’ARERA si trova uno schema preciso con tutte le indicazioni, per il 2021 la cifra minima prevista per questa tipologia di agevolazione è di 189 euro mentre il contributo massimo arriva a 676. Anche in questo caso sono state calcolate delle integrazioni 2021 e sono:

  • 18,4 euro per la fascia di consumo minima
  • 27,6 euro per la fascia di consumo media
  • 36,8 euro per la fascia di consumo massima

Lo sconto sul consumo gas

Le bollette più salate, soprattutto per i mesi invernali, sono però quelle del gas, per chi risponde ad uno dei tre profili descritti per il bonus energia è disponibile anche un contributo gas per ridurre il peso dei costi delle utenze. Per capire quanto ti spetta come sconto in fattura in questo caso dovrai tenere conto di più fattori, in particolare sono tre le categorie che si incrociano e che hanno un peso in questo calcolo:

  • numero di componenti del nucleo familiare (meno di 4 o più di 4)
  • zona climatica in cui risiedi(A/B, C, D, E, F)
  • tipologia di utilizzo del gas (acqua calda e cottura, acqua calda + cottura + riscaldamento)

I contributi base per chi ha una famiglia di meno di 4 persone e usa il gas solo per cucinare e scaldare l’acqua sono di 30 euro, ma lo sconto diventa di 67 se si aggiunge il riscaldamento e si abita in una zona climatica calda. L’agevolazione arriva a 245 euro invece se si considera come profilo quello di un nucleo numeroso che abita in zona climatica F. A queste cifre base bisogna sommare per il periodo Ottobre- Dicembre 2021 anche i seguenti contributi integrativi:

  • famiglia fino a 4 componenti: 18,4 euro
  • famiglia con oltre 4 componenti: 27,6 euro

Le due agevolazioni da quest’anno sono diventate automatiche, quindi una volta che avrai presentato la DSU se hai diritto troverai in bolletta gli sconti corrispondenti alla tua situazione.

Commenti Facebook: