Bollette mensili: conferma del TAR alla delibera Agcom, le motivazioni

Lo scorso febbraio, il Tar del Lazio aveva confermato la correttezza del sistema di fatturazione mensile delle bollette telefoniche che ha oramai rimpiazzato, in modo definitivo, il sistema di fatturazione ogni 28 giorni, introdotto dagli operatori quasi due anni fa. In queste ore arrivano le prime motivazione alla base della sentenza del Tar. Ecco tutti i dettagli. 

Ecco le motivazioni alla base della sentenza del Tar

A metà dello scorso mese di febbraio, il Tar del Lazio aveva ribadito, in via definitiva, la correttezza del sistema di fatturazione mensile per le bollette telefoniche, un sistema che, come imposto dalla normativa, ha oramai sostituito il sistema di fatturazione ogni 28 giorni che gli operatori del settore di telefonia mobile e fissa avevano introdotto negli anni scorsi in modo forzato.

Sono state pubblicate oggi le motivazioni della sentenza con la quale i giudici del Tar hanno respinto il ricorso di Wind Tre che chiedeva l’annullamento del provvedimento dell’Agcom contro i rinnovi ogni 4 settimane. Questo provvedimento impone una cadenza non inferiore al mese per il rinnovo delle offerte e per la fatturazione dei servizi di telefonia fissa ed una cadenza non inferiore alle quattro settimane per i servizi di telefonia mobile e l’allineamento al sistema di fatturazione mensile in caso di offerte convergenti.
Scopri ed attiva online le migliori offerte per smartphone

Le motivazioni del Tar

Secondo il Tar “l’Agcom non è intervenuta direttamente sui rapporti negoziali tra le parti, ma ha
esercitato il proprio potere regolatorio al solo fine di rimuovere gli ostacoli ad una tutela effettiva dell’utente e
consumatore, per garantire certezza, comparabilità delle offerte dei diversi operatori di telefonia, intervenendo sul solo periodo di validità dell’offerta e cadenza della fatturazione

Da notare, inoltre, che il passaggio generalizzato al sistema di rinnovi ogni 4 settimane ha influito sul “rapporto tra il servizio reso ed il prezzo pagato per ottenerlo nella singola unità di tempo” andando inoltre ha creare un senso di incertezza dovuto “al disallineamento fra la data di fatturazione e la data in cui la buona parte dei clienti, lavoratori dipendenti, impostano il pagamento automatico dei conti telefonici tramite il sistema del RID bancario

Ricordiamo che ad oggi le offerte di telefonia sono tornate a rinnovarsi con cadenza mensile. E’ possibile confrontare le attuali tariffe visitando il comparatore di SosTariffe.it per offerte ADSL e fibra e per offerte telefonia mobile.

Commenti Facebook: