Bollette luce: oneri di sistema pesano come una Finanziaria

Secondo il presidente dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas, Guido Bortoni, gli oneri di sistema in bolletta luce pesano come una Finanziaria, con un peso dei componenti parafiscali che ha ormai superato il 20%, triplicandosi in soli 3 anni. Bortoni ha aggiunto anche che le rinnovabili non possono essere ritenute “marginali” dato che rappresentano il 30% della produzione elettrica del Paese.

oneri parafiscali della bolletta della luce
Le componenti parafiscali sulla bolletta delle famiglie hanno oltrepassato il 20%

Il presidente dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas Guido Bortoni, ascoltato dalla commissione Attività produttive nell’ambito dell’indagine conoscitiva sulla strategia energetica nazionale, ha detto che gli oneri di sistema sulla bolletta della luce pesano “quasi” come una Finanziaria, essendosi triplicati in soli 3 anni, passando da 11 miliardi nel 2012 a 14 miliardi del 2013.

Il peso delle componenti parafiscali sulla bolletta elettrica delle famiglie ha ormai superato il 20%, ha spiegato Bortoni aggiungendo che bisogna smettere di considerare le rinnovabili come una realtà “marginale” dato che sono le responsabili del 30% delle produzione di energia elettrica nazionale.

Perciò, ha aggiunto il presidente, è necessaria “una corretta attribuzione di responsabilità”, così come una riforma del mercato a livello UE “ancora in corso” e che spera si concluderà con il semestre italiano.

Il presidente AEEG ha inoltre ricordato l’importanza dei tavoli europei nel comparto gas, settore che negli ultimi anni attraversa un periodo di forte ristrutturazione anche dal punto di vista dell’offerta mondiale, e quello delle smart grid: “Nel 2014 saranno disponibili i primi risultati dei progetti pilota”.

Infine, Bortoni ha voluto ricordare che, in materia di capacity payment, il sistema è stato sostanzialmente definito ma manca “l’imprimatur” del ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi.
Confronta Tariffe Energia Elettrica »

Commenti Facebook: