Bollette in aumento: da luglio luce +4,3% gas +1,9%

L’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico (AEEGSI) ha appena pubblicato l’aggiornamento dei prezzi di riferimento per luce e gas, che saranno in vigore durante il prossimo trimestre. Per le bollette luce e gas estive, l’Autorità ha deciso un aumento per entrambi i servizi, pari a +4,3% per l’energia elettrica e +1,9% per il gas. Con il mercato libero però risparmi fino a 170 euro all’anno.

In aumento le bollette luce e gas ma con il mercato libero risparmi fino a 170 euro

Dopo il forte taglio sulle bollette del mese di aprile (-5% per energia e -9,8% per gas), arrivano i rincari, con i nuovi prezzi di riferimento per energia elettrica e gas che registrano un +4,3% per la luce e un +1,9% per il gas. I nuovi prezzi entreranno in vigore il 1° Luglio e rimarranno validi fino al 30 settembre. È la prima volta in molti anni che l’Autorità decide di aumentare le bollette per l’estate.
Confronto Tariffe Energia Elettrica 

Per il prossimo trimestre l’AEEGSI quindi ha deciso un aumento bollette luce e gas, ma visti i ribassi nei primi due trimestri dell’anno, il risparmio complessivo nei 12 mesi dell’anno scorrevole rimane di oltre 70 euro per una famiglia tipo. Ricordiamo che per famiglia tipo l’Autorità intende un nucleo formato da 3 persone, con consumi annui di 2.700 kWh per l’energia e 1.410 m3 circa per il gas.

La decisione presa oggi dall’Autorità si distacca dalle modifiche introdotte negli ultimi tempi per il mese di Luglio, e in linea generale per ogni aggiornamento trimestrale diverso di quello autunnale, quando normalmente i prezzi aumentano. In effetti, come analizzato da SosTariffe.it in un recente osservatorio, l’AEEGSI solitamente decideva di tagliare o al massimo lasciare invariati i prezzi di riferimento della luce e il gas in questo periodo dell’anno.

Come cambieranno le bollette quest’estate?

Nel dettaglio, dal 1° luglio 2016, il prezzo di riferimento dell’energia elettrica per il cliente tipo sarà di 18,67 centesimi di euro per kilowattora, tasse incluse, così suddiviso:

  • Spesa per la materia energia:
    • 6,76 centesimi di euro (36,23% del totale della bolletta) per i costi di approvvigionamento dell’energia;
    • 1,51 centesimi di euro (8,10%) per la commercializzazione al dettaglio.
  • Spesa per il trasporto e la gestione del contatore:
    • 3,30 centesimi di euro (17,66%) per i servizi di distribuzione, misura, trasporto, perequazione della trasmissione e distribuzione, qualità.
  • Spesa per oneri di sistema:
    • 4,59 centesimi di euro (24,60%) per gli oneri generali di sistema, fissati per legge.
  • Imposte:
    • 2,50 centesimi di euro (13,41%) per le imposte che comprendono l’IVA e le accise.

Per quanto riguarda il gas naturale, il prezzo di riferimento per la famiglia tipo sarà di 70,70 centesimi di euro per metro cubo, tasse incluse, suddiviso in questa maniera:

  • Spesa per la materia gas naturale:
    • 19,32 centesimi di euro (pari al 27,32% del totale della bolletta) per l’approvvigionamento del gas naturale e per le attività connesse;
    • 2,85 centesimi di euro (4,03%) per la gradualità nell’applicazione della riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela del gas naturale e per il meccanismo di rinegoziazione dei contratti pluriennali di approvvigionamento;
    • 5,00 centesimi di euro (7,07 %) per la vendita al dettaglio
  • Spesa per il trasporto e la gestione del contatore:
    • 13,32 centesimi di euro (18,85%) per i servizi di distribuzione, misura, trasporto, perequazione della distribuzione, qualità.
  • Spesa per oneri di sistema:
    • 2,16 centesimi di euro (3,06%) per gli oneri generali di sistema, fissati per legge.
  • Imposte:
    • 28,05 centesimi di euro (39,67%) per le imposte che comprendono le accise (21,62%) l’addizionale regionale (2,87%) e l’IVA (15,18%).

Per maggiori informazioni è possibile fare riferimento al Comunicato Stampa AGGIORNAMENTO BOLLETTE III Trimestre 2016.

Mercato libero sempre più economico

Malgrado i due primi ribassi dell’anno, e considerando il nuovo rincaro per l’estate insieme al probabile aumento delle bollette per il periodo autunnale, è evidente che le tariffe gas e luce del mercato libero convengono sempre di più.

Nel dettaglio, un cliente tipo (consumi 2.700 kWh/anno per energia e 1.410 m3/anno per gas) può risparmiare oggi 50 euro sulla bolletta della luce e 122 euro su quella del gas.

Chi approfitterà in questo momento per scegliere un fornitore più conveniente quindi, potrà evitare lo sborso annuo di circa 170 euro, e bloccare il prezzo di luce e gas evitando eventuali nuovi rincari.

Per capire meglio quanto si può risparmiare con il mercato libero, consigliamo di consultare il comparatore di SosTariffe.it reperibile qui sotto:
Tariffe gas per risparmiare 

Commenti Facebook: