di

Bollette gas troppo care: ecco come risparmiare

L’inverno si sta avvicinando e, con esso, anche i maggiori consumi di gas per le forniture domestiche. La risorsa è infatti utilizzata non solamente per cucinare, quanto anche per riscaldare l’acqua, e per condizionare termicamente gli ambienti della casa. Dunque, proprio durante l’inverno le bollette del gas possono impennarsi, diventando una voce di particolare onerosità per le famiglie italiane. Se dunque temete bollette del gas troppo care, ecco come risparmiare!

Bollette gas troppo care: ecco come risparmiare

Confrontare le tariffe

Se all’orizzonte si prospettano bollette del gas troppo care, ecco come risparmiare prontamente grazie a un rapido confronto delle tariffe attualmente in vigore sul mercato. La fonte di risparmio più significativa per le tasche delle famiglie italiane è infatti spesso individuabile proprio nella comparazione tra le diverse offerte oggi disponibili in Italia. Per vostra fortuna, per effettuare tale confronto non è certo necessario andare a osservare singolarmente le caratteristiche di dettaglio di ogni singola tariffa: è sufficiente cliccare sul pulsante che trovate qui sotto, grazie al quale riuscirete ad accedere al nostro servizio di comparazione indipendente, con cui scoprirete in che modo risparmiare fin da subito centinaia di euro per la vostra fornitura di gas domestico. Un servizio semplice, veloce, facilmente fruibile e che vi consigliamo di ripetere periodicamente per non perdere nemmeno un’opportunità di vantaggio. Che volere di più?

Confronta offerte gas»

Regolare la temperatura

Stabilito quanto precede, è comunque possibile arrivare a un buon risparmio in bolletta semplicemente attraverso qualche regola di corretto comportamento. In primo luogo, è bene cercare di effettuare una accorta regolazione dell’impianto di riscaldamento spegnendolo durante la notte e, durante il giorno e nelle ore più fredde, evitando di impostare una temperatura superiore ai 18 gradi. Quando il freddo è intenso e più pungente, meglio indossare un maglione, che vi salvaguarderà altresì dal subire gli evidenti spazi di temperatura con aree esterne o non riscaldate.

Ricordate sempre che un solo grado in meno nelle varie stanze può farvi risparmiare il 6% di energia, con conseguenti effetti benefici in bolletta.

Manutenzione dei termosifoni

Un secondo punto di attenzione nell’adeguarsi ai corretti standard di comportamento nella regolazione delle temperature domestiche non può che essere incentrato sui termosifoni. Evitate dunque di installarli sotto le finestre – sebbene sia purtroppo un’abitudine molto comune – e in ogni caso non copriteli da tende o altri rivestimenti, che potrebbero influenzare negativamente il loro funzionamento.

Un’idea ottima – oltre che, come è ben chiaro, indicazione di legge – è quella di installare su ogni termosifone delle valvole termostatiche che vi consentano di regolare la temperatura dei singoli radiatori presenti nella casa, sulla base delle vostre necessità. In questo modo riuscirete a evitare gli sprechi determinati dall’esigenza di accenderli e spegnerli tutti insieme. E, inoltre, riuscirete a regolare la temperatura, evitando di generare dei climi tropicali in pieno inverno.

Attenzione in cucina

Anche se il gas utilizzato per riscaldare gli ambienti è generalmente la voce più onerosa durante l’inverno, è bene ricordare come l’attenzione debba essere altresì estesa alle altre zone della casa e, in particolar modo, in cucina. Fate dunque attenzione ad assumere gli opportuni accorgimenti per limitare il consumo di gas per la cottura degli alimenti: utilizzate i fornelli con padelle e pentole che siano proporzionate al diametro e, durante la cottura, coprite le stesse con il coperchio per renderla più veloce.

Ancora: dopo aver spento la piastra, il calore rimane generalmente per qualche minuto. Dunque, si può interrompere l’erogazione del gas un po’ prima, sfruttando il calore residuo per arrivare a fine cottura.

Caldaia a condensazione e basse temperature

Tra gli ulteriori consigli, ricordiamo infine che una buona regola per cercare di risparmiare nella fornitura di gas è certamente quella di effettuare una costante manutenzione della caldaia, obbligatoria per legge ma anche per tutelare la propria “economicità” nella gestione domestica. Se dunque state progettando di sostituire la caldaia, è bene cercare di acquistarne una con alto rendimento, per poter ridurre ulteriormente l’esborso in bolletta. Acquistando una nuova caldaia a condensazione, utilizzabile a basse temperature, è possibile risparmiare quasi il 20% dei costi precedentemente sostenuti in bolletta con le caldaie di vecchia generazione.

Naturalmente, i consigli potrebbero continuare a lungo. Basti considerare l’influenza negativa (ben maggiore di quanto possiate lontanamente immaginare!) determinata da vecchi infissi. Gli spifferi possono infatti apportare maggiore freddo in casa e, di conseguenza, la necessità di incrementare il riscaldamento a gas per cercare una maggiore temperatura. La soluzione è in questo caso quello di sfruttare i benefici delle detrazioni per le ristrutturazioni degli appartamenti e sostituire i vecchi infissi con quelli nuovi, a doppi o tripli vetri. Si può inoltre puntare un occhio di maggiore attenzione sull’isolamento termico delle stanze attraverso l’installazione di pannelli che possano consentire una migliore conservazione della temperatura domestica.

Per quanto intuibile, gli accorgimenti per risparmiare gas in casa sono ancora ben più numerosi di quelli sopra esposti, e qui su SosTariffe.it ne abbiamo parlato in diverse occasioni, cercando di sensibilizzare tutti i nostri lettori verso un approccio di maggiore attenzione e rispetto per l’ambiente.

Attraverso l’adozione di comportamenti e standard migliori, sarà infatti possibile non solamente conseguire il pur importante obiettivo del risparmio dei costi nella bolletta di fornitura di gas domestico, quanto anche – e soprattutto! – dare una mano al nostro Pianeta, contribuendo dunque a rendere maggiormente ecosostenibile la nostra presenza, e più ridotta la nostra impronta ambientale.