Bollette energia: da aprile aumenta l’elettricità ma scende il gas

Sono stati appena comunicati i nuovi prezzi di riferimento AEEGSI validi per i clienti serviti in maggior tutela. Previsto un aumento del 2,9% per l’energia elettrica, ma un calo del 2,7% per il gas. Le nuove condizioni saranno in vigore durante il secondo trimestre del 2017 e, nonostante le percentuali in rialzo, si tratta di nuovi risparmi rispetto all’anno corrente. Passare al mercato libero però offre più opportunità di risparmio, con prezzi più bassi che consentono a una famiglia tipo di risparmiare XXX euro all’anno. 

prezzo energia 2017
In aumento la luce ma almeno scende il gas

Ancora aumenti in bolletta energia, ma almeno buone notizie sul fronte del gas. L’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico (AEEGSI) ha pubblicato poco fa i nuovi prezzi di riferimento per energia elettrica e gas naturale, validi soltanto per i clienti serviti in regime di maggior tutela.

E’ stato deciso un aumento del +2,9% per l’elettricità e una diminuzione del -2,7% per il gas naturale. I nuovi prezzi saranno in vigore dal prossimo 1° aprile fino al 30 giugno 2017.

Ricordiamo che nello scorso aggiornamento, a Gennaio 2017, l’Autorità aveva deciso un doppio aumento sull’elettricità e sul gas, pari allo +0,9% e +4,7% rispettivamente, che è rimasto in vigore durante il primo trimestre di quest’anno.

Va sottolineato che le decisioni dell’AEEGSI durante gli aggiornamenti trimestrali riguardano solo i clienti in maggior tutela, mentre coloro che hanno scelto una tariffa luce del mercato libero continueranno a far riferimento al proprio contratto per il prezzo della luce e il gas.
Passa al Mercato Libero del Gas

Dopo i rincari, scende finalmente il gas 

Dopo due rincari consecutivi sul prezzo del gas, dell’1,7% ad Ottobre 2016 e del 4,7% a Gennaio, l’Autorità ha finalmente deciso un taglio sul prezzo di riferimento del gas valido per il prossimo trimestre, pari al -2,7%.

La spesa della famiglia tipo nello stesso periodo sarà di circa 1.029 euro, con una variazione del -4,4% rispetto all’anno corrente, corrispondente a un risparmio di circa 47 euro

La spesa della famiglia tipo per il gas al lordo delle tasse durante il secondo trimestre di quest’anno, ha comunicato l’Authority, sarà di circa 1.029 euro, il che si traduce in una flessione del -4,4% rispetto all’anno corrente (compreso tra l’1 luglio 2016 e il 30 giugno 2017) e che corrisponde a un risparmio di 47 euro.

Di seguito la spiegazione dell’AEEGSI su questa decisione:

La diminuzione nel gas è legata alla riduzione di diverse componenti. La componente ‘materia prima’ registra un leggero calo, con quotazioni del gas nei mercati all’ingrosso attese in limitata diminuzione nel prossimo trimestre; in riduzione poi la componente relativa al servizio di trasporto e leggermente anche quella a copertura delle attività connesse all’approvvigionamento. In marcata riduzione anche la componente a copertura del meccanismo di rinegoziazione dei contratti pluriennali (il sistema che ha favorito la riduzione dei prezzi all’ingrosso del gas), finalmente azzerata per la conclusione dello stesso meccanismo.

Questa flessione del prezzo del gas è in linea con quanto si è verificato negli ultimi tempi per questo periodo dell’anno. In effetti, sin dal 2013, si registrano diminuzioni del prezzo di riferimento del gas naturale per il periodo Aprile – Luglio (-4,2% nel 2013, -3,8% nel 2014, -4% nel 2015 e infine -9,8% nel 2016).
Trova un’offerta gas economica 

Ancora aumenti sull’energia elettrica 

A differenza di ciò che è stato deciso per il gas naturale, in questo nuovo aggiornamento trimestrale l’Autorità ha rialzato ancora il prezzo dell’energia elettrica del 2,9%, ponendo fine ad un periodo di riduzioni del prezzo della luce ad Aprile durato ben quattro anni. E’ la prima volta sin dal 2013, in effetti, che l’AEEGSI stabilisce un aumento dell’energia elettrica in questo periodo dell’anno.

Sul prezzo dell’elettricità, spiega l’Authority, pesa un aumento di prezzo nel mercato all’ingrosso all’inizio dell’anno, causato dalle emergenze sui mercati europei e dall’eccezionale ondata di freddo verificatasi quest’inverno.

Si tratta, in ogni caso, di un aumento di bassa incidenza sulla spesa annua. Nel dettaglio, la spesa per energia elettrica per la famiglia tipo nell’anno corrente sarà di 505,54 euro, ovvero uno 0,7% più alta rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente, il che si traduce in un aumento di circa 4 euro.

L’AEEGSI spiega la decisione sull’energia elettrica in questa maniera:

L’andamento del prezzo dell’energia elettrica è principalmente determinato dall’aumento dei costi di approvvigionamento osservato in particolare nel primo trimestre dell’anno determinato, come detto, dagli eccezionali rialzi di inizio d’anno nel mercato all’ingrosso italiano (con le quotazioni del Prezzo Unico Nazionale di gennaio superiori di oltre il 55% rispetto a quelle dello stesso mese del 2016), innescati dagli andamenti degli omologhi mercati elettrici continentali collegati – specie quello francese con il perdurare degli aumenti legati al fermo di numerose centrali nucleari -, dall’eccezionale ondata di freddo e dall’aumento dei prezzi gas.

L’aumento per questo secondo trimestre del 2017 pone fine a quattro anni di prezzi in discesa (-1% ad Aprile 2013, -1,1% nel 2014, -1,1% anche nel 2015 e -5% ad Aprile 2016).

Maggiori informazioni nel Comunicato Stampa AEEGSI aggiornamento bollette II Trimestre 2017.
Confronta tariffe luce e risparmia 

Più convenienza passando al mercato libero 

Che si tratti di aumenti o di diminuzioni di prezzi sulla maggior tutela, le offerte del mercato libero sono sempre più convenienti. A giocare a favore dei consumatori è la concorrenza, che spinge i prezzi verso il basso e favorisce un mercato dinamico e variegato.

Confrontando le attuali proposte delle compagnie energetiche del mercato libero, sia per la luce che per il gas, si osserva che sono molte le tariffe più vantaggiose rispetto ai prezzi della maggior tutela. Nel dettaglio, sull’energia elettrica una famiglia tipo può risparmiare fino a 65€ all’anno, e ben 150€ sul gas naturale.

Si tratta quindi di una convenienza in bolletta annua di oltre 200€ per chi passa al mercato libero sia per la luce che per il gas, optando per la tariffa più economica del momento, ed esercitando il proprio diritto a scegliere il proprio fornitore energetico.

Infine, consigliamo al lettore di servirsi dei comparatori di SosTariffe.it per luce e gas, nonché approfittare del nostro servizio di consulenza telefonica gratuita e senza impegno, ai fini di identificare la proposta commerciale più in linea con le proprie esigenze.

Sceglie il tuo fornitore gas e luce per risparmiare 

Commenti Facebook: