Bolletta gas media inverno

La stagione più “difficile” per le bollette è sicuramente l’inverno avanzato e l’inizio della primavera, quando cominciano ad arrivare le fatture legate al riscaldamento. La bolletta gas media in inverno è superiore a quella dei mesi estivi soprattutto se non si è intervenuto con i lavori necessari per evitare le dispersioni di calore o se non si è scelta l’offerta giusta sul mercato libero.

Gas-4
Ecco come ridurre gli esborsi per le bollette invernali del gas

Scegliere la tariffa, il primo modo per risparmiare

Per diminuire la bolletta gas media in inverno la prima cosa da fare è scegliere la tariffa gas migliore. Molti ancora oggi rimangono con la maggior tutela perché temono di spendere di più o non vogliono sorprese; al contrario si perdono grandi opportunità di risparmio e benefit che altrimenti costerebbero molti soldi, come l’assicurazione per i guasti casalinghi (è il caso ad esempio delle offerte Enel Energia come Semplice Gas, con il servizio di Assistenza Guasti Casa, o eni come eni LINK, con eni sos casa).
Scopri eni LINK
Le tariffe del gas praticate dai più importanti operatori italiani sono spesso molto convenienti, con cospicui sconti soprattutto se si scelgono le opzioni dual fuel, che attivano con lo stesso fornitore sia la luce che il gas (ad esempio Acea Unica di Acea Energia).
Scopri Acea Unica
Cliccando qui sotto potrete trovare le più convenienti tariffe esistenti sul mercato e iniziare a risparmiare da subito.
Confronta le offerte gas

Come ridurre i consumi di gas durante l’inverno

Per abbassare la media delle bollette gas in inverno, dopo aver scelto il giusto fornitore il consiglio è di fare di tutto per ridurre i propri consumi: molto spesso sprechiamo risorse solo per pigrizia e cattive abitudini che possono costare molto care al portafoglio e anche alla nostra salute.
Scopri Semplice Gas

Abbassare la temperatura per risparmiare gas

Il primo indiziato è la temperatura del termostato. Alzi la mano chi, con il riscaldamento centralizzato, non cede alla tentazione di alzarlo anche sopra i 20 °C, ad esempio in una serata particolarmente fredda, anziché mettersi un maglione in più. Si tratta di un comportamento sbagliato sia dal punto di vista economico – il risparmio se non si supera la soglia dei 18 °C è di parecchi euro: ogni grado centigrado in meno nelle stanze corrisponde infatti al 6% in meno in bolletta – che da quello igienico e per la salute, visto che se non si umidificano correttamente le fonti di calore il troppo caldo secca le mucose e provoca mal di gola e tosse. Semaforo rosso anche per il riscaldamento acceso durante la notte: molto meglio spegnerlo e prendersi un’altra coperta.

Valvole termostatiche, il segreto per diminuire la bolletta

Anche tenendo una temperatura del termostato adeguata possono esserci sprechi. Un modo per evitarli è quello di ricorrere alle valvole termostatiche per ogni singolo radiatore: sono dispositivi che permettono di agire direttamente su ogni termosifone in modo da regolarlo indipendentemente dagli altri. Così, se una sera ci troviamo in salotto per guardare la televisione, la cucina, dopo la cena, può avere il riscaldamento molto più basso, e così via. Si calcola che con le valvole termostatiche (il cui costo standard oscilla tra i 30 e i 60 euro per radiatore, a seconda che questi siano di ultima generazione oppure no) il risparmio può essere anche del 15%.

Come scegliere l’isolamento termico più efficace

Gli interventi più efficaci per ridurre la spesa in bolletta per il gas sono quelli per l’isolamento termico della casa, che oltretutto possono contare anche su trattamenti fiscali di favore tra incentivi e detrazioni. In particolare, coibentare la casa, con particolare attenzione ai punti “difficili” (il tetto e l’eventuale cantina, il lato della casa esposto a nord eccetera) consente di recuperare nel giro di pochi anni il denaro investito grazie a bollette molto più leggere. Se gli spifferi sono troppi, può essere il momento dei doppi vetri: in questo modo non solo si evita che il calore d’inverno “scappi” verso l’esterno, costringendoci ad alzare ancora il termostato e sprecare energia, ma si sta più freschi anche d’estate, riducendo il ricorso al climatizzatore e di conseguenza anche la bolletta della luce.

I trucchi per risparmiare acqua calda

Per quanto riguarda il riscaldamento dell’acqua, per risparmiare è assolutamente consigliabile preferire la doccia alla vasca da bagno, limitando il più possibile i tempi. Passare dallo scaldabagno elettrico allo scaldacqua a pompa di calore si risparmia addirittura il 75%. Se invece si vuole mantenere quello elettrico è possibile usare il timer per fissare l’orario di accensione, stando attenti a non superare i 40 gradi d’estate i 60 gradi d’inverno.

Dal canto loro, lavatrici e lavastoviglie vanno fatte partire solo quando sono a pieno carico, privilegiando i lavaggi in acqua fredda, che quasi sempre sono più che sufficienti per rimuovere lo sporco a meno che non si voglia igienizzare. Anche la scelta del detersivo giusto può aiutare a sfruttare temperature inferiori senza rinunciare a un bucato perfettamente pulito. È importante inoltre eseguire controlli periodici per assicurarsi che la caldaia funzioni perfettamente, sia per il buon funzionamento che per la sicurezza. Se se ne deve installare una nuova, quella che garantisce i maggiori risparmi di gas è la caldaia a condensazione con bruciatore modulante.

Anche in cucina si può consumare meno gas

Per ridurre la bolletta gas media in inverno è possibile agire anche in cucina. Per la cottura dei cibi, infatti, bisogna adoperare solo pentole e padelle della grandezza giusta, mai troppo grandi; anche i fuochi non vanno mai sovradimensionati rispetto ai casalinghi che usiamo. Su padelle e pentole vanno sempre messi i coperchi per velocizzare e tenere meno acceso il fuoco, inoltre è consigliabile anche ricorrere il più possibile alla pentola a pressione. Inoltre si può spegnere il fuoco anche qualche minuto prima che la cottura sia finita: la pasta, ad esempio, può essere perfetta anche ultimando la cottura a fuoco spento nell’acqua bollente.

Commenti Facebook: