Black out luce, come chiedere un rimborso

Visto il maltempo in Italia e il black out che ha interessato circa 30mila famiglie, principalmente in Veneto, riteniamo importante ricordare che l’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas prevede rimborsi automatici in bolletta in caso di disagi causati da interruzioni per eventi eccezionali, come ad esempio le abbondante nevicate che stanno colpendo gran parte del Nord Italia.

indennizzi black out come richiederli
Gli indennizzi in caso di interruzioni elettrica sono automatici

Nel 2008 l’Autorità per l’energia elettrica e il gas ha istituito un fondo speciale per far fronte ai disagi causati da interruzioni per eventi eccezionali o di forza maggiore.

In effetti, l’AEEGSI non può garantire al 100% la continuità del servizio, ma prevede indennizzi per interruzioni del servizio elettrico in certi casi.

In particolare, in caso di interruzioni il cliente ha diritto a un indennizzo automatico di 30 euro, aumentato di 15 euro ogni ulteriori 4 ore di interruzione, fino a un massimo di 300 euro per 3 giorni senza elettricità.

In caso di interruzioni del servizio per colpa del distributore, invece, i rimborsi automatici introdotti dall’Autorità nel 2009 prevedono dai 35 ai 105 euro, a carico non più dell’AEEGSI ma delle società distributrici. Va ricordato che il fornitore non è tenuto a erogare l’indennizzo se il cliente non è in regola con il pagamento delle bollette.

Non è necessario fare richiesta dei rimborsi: gli indennizzi verranno erogati automaticamente in bolletta entro il primo ciclo di fatturazione utile decorsi 60 giorni dal black out (180 giorni se sono coinvolti più di 2 milioni di utenti).

Gli indennizzi verranno visualizzati direttamente in bolletta sotto la voce “Rimborso automatico per mancato rispetto dei livelli specifici di qualità definiti dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas, corrisposto in misura forfettizzata”.

In caso di mancato accredito del rimborso, il consumatore potrà richiederlo presentando una domanda entro 8 mesi dall’interruzione, e il distributore dovrà inviare l’accredito o una risposta negativa entro 3 mesi.

Commenti Facebook: