Black Box e lesioni: Aneis segnala false notizie

Le notizie sugli sconti praticati dalle compagnie assicurative sull’istallazione di una scatola nera sull’auto si rincorrono e spesso hanno dell’incredibile. Circolano voci su capacità strabilianti delle black box, come quelle che riguardano la capacità del dispositivo di rilevare l’entità delle lesioni in caso di sinistri violenti. Niente di più falso secondo il parere di ANEIS (Associazione Nazionale Esperti Infortunistica Stradale) che ribadisce ciò che si sa finora sulle black box.

Sconti con la scatola nera, ANEIS rivela cosa c'è di vero finora

Nel mondo delle assicurazioni auto circolano da un anno notizie circa gli sconti praticati dalle compagnie assicurative sull’istallazione di una scatola nera e già si è disquisito su ammontare degli sconti, convenienza, pro e contro. Per quel che concerne le notizie sugli sconti Rc auto ottenibili, le uniche informazioni certe riguardano il fatto che:

  • il caso di istallazione di black box lo sconto è obbligatorio:
  • lo sconto va dal 5% in su a seconda della compagnia assicurativa;
  • la scatola nera registra le modalità di un sinistro e grazie al dispositivo Gps può localizzare il veicolo in caso di furto.

Ogni argomento circa la presa in carico dei costi di istallazione e disinstallazione è stato messo a tacere dalle ultime notizie sulle norme in tema di assicurazioni auto contenute nel DDL Concorrenza. La bozza del DDL Concorrenza contiene le seguenti ulteriori informazioni, modificabili sino ad approvazione definitiva:

  • Le assicurazioni dovranno stabilire in sede di richiesta preventivi l’ammontare dello sconto dovuto all’istallazione della black box;
  • Le assicurazioni dovranno praticare una riduzione del premio superiore rispetto ai costi di istallazione della scatola nera, della sua manutenzione ordinaria e per la disinstallazione.

False notizie

Detto quanto sopra, l’ANEISAssociazione Nazionale Esperti Infortunistica Stradale, non ci sta e vuole mettere a tacere le voci secondo cui una black box sarebbe anche in grado di rilevare l’entità delle lesioni nei sinistri. Niente di più falso, sottolinea il Presidente Luigi Cipriano, e afferma: ” Le apparecchiature elettroniche al momento in uso misura solo approssimativamente la forza applicata sui veicoli mentre, allo stato, non sono in grado di misurare quanta forza lesiva venga trasmessa agli occupanti “.

L’associazione ci tiene a specificare che attualmente, presso alcune assicurazioni, il costo di disinstallazione è a carico dell’assicurato, ed è spesso superiore agli sconti praticati. Dalla scatola nera vanno distinti altri dispositivi che hanno fatto notizia negli ultimi tempi, come Ecall, un meccanismo ideato in seno all’UE che consentirà in caso di sinistro grave una chiamata immediata ai soccorsi per migliorare i tempi d’assistenza.
Confronta preventivi RC auto

Commenti Facebook: