Automobilisti italiani: ecco gli insulti più diffusi quando guidano

Il Centro Studi e Documentazioni Direct line ha recentemente pubblicato i risultati di una ricerca condotta sugli automobilisti italiani, in relazione al loro comportamento alla guida. Ne è emerso un quadro piuttosto divertente, con offese creative e goliardiche. Vediamo qui di seguito i risultati dello studio.

Secondo la ricerca gli automobilisti più rissosi hanno un'età compresa tra i 24 ed i 35 anni

Le fasce d’età

Il primo dato curioso rilevato dalla compagnia assicuratrice online riguarda le fasce d’età.

I più giovani (18-24 anni) sono i più inclini a sfogarsi sul clacson, mentre i più maturi (35-55 anni) sono più soliti rispondere con ironia e garbo.

Il premio di automobilista più rissoso va invece agli automobilisti di età compresa tra i 24 ed i 35 anni, da cui è emersa la maggior parte di insulti pesanti rivolti ad altri automobilisti.

Le offese più diffuse

L’offesa più diffusa, per il 67% dei casi, riguarda direttamente il conducente, con epiteti offensivi di vario tipo.

Molto prese di mira anche le scuole guida ed i prefetti, “colpevoli” di aver concesso la patente ad automobilisti poco capaci.

Infine, l’11% delle offese è rivolto a parenti degli automobilisti, anche in questo caso con epiteti offensivi di varia natura.

Le cause dell’insulto

Le cause dell’insulto sono molteplici, e non è emerso una causa predominante.

I motivi riguardano quindi l’eccessiva velocità, o l’eccessiva lentezza, cosi’ come il mancato rispetto della distanza di sicurezza, la distrazione e l’uso scorretto della frizione.

Ma, per fortuna, c’è anche un buon 38% di automobilisti che afferma di non ricevere mai offese mentre si trova al volante.

Confronta RC auto

Confronta RC moto

Commenti Facebook: