Auto elettriche al Sud: in arrivo il primo car sharing pubblico

Sempre più automobilisti scelgono di guidare in modo sostenibile. Alcuni acquistano direttamente auto elettriche (ma anche scooter e moto), altri, optano per soluzioni più economiche come il car sharing. L'ultima novità riguarda il Meridione, in particolare la città di Palermo, dove grazie all'unione delle forze tra Comune, Enel, Amat e Renault, è nato il primo parco di vetture verdi dedicato ad un trasporto pubblico "condiviso"

Auto elettriche al Sud: in arrivo il primo car sharing pubblico

Qual’è il modo migliore per risparmiare su manutenzione, carburante e assicurazioni, e contribuire, allo stesso tempo alla riduzione dell’inquinamento atmosferico? Utilizzare il car sharing  e abbracciarne la filosofia naturalmente. Così al Sud, si non fatti grandi passi avanti riguardo alle auto elettriche, e a quanto pare il comune di Palermo è in prima fila per il passaggio ad una mobilità sostenibile.

Nel capoluogo siciliano è nato il primo car sharing pubblico, e il servizio è stato inaugurato proprio oggi, 7 ottobre 2015,  nella centrale Piazza Massimo, alla presenza del Sindaco Leoluca Orlando, di Giusto Catania, assessore alla mobilità e dei rappresentanti di Amat, Renault ed Enel. La novità nasce infatti dalla collaborazione tra Comune, Enel, Amat e la casa automobilistica Renault, che insieme hanno portato avanti il Progetto Demetra, iniziativa nata dalla volontà di ridurre il traffico urbano attraverso la creazione di una piattaforma di mobilità pubblica condivisa ed integrata.

Auto elettriche a Palermo: la città diventa sostenibile

Il parco auto in condivisione a Palermo sarà formato da 24 Renault Zoe. Il Progetto Demetra, finalmente giunto alla sua realizzazione, è stato emesso nell’aprile 2014, e ha consentito la creazione di un servizio di trasporto pubblico sostenibile e in sharing formato da auto elettriche, a metano, bike, scooter e van ecologici. Completa il primo car sharing pubblico al Sud, una rete di 16 stazioni di ricarica fornite da Enel, posizionate in punti strategici della città.

Cosa rappresenta l’utilizzo delle auto elettriche a Palermo?

Giusto Catania, assessore alla mobilità, lo definisce come il completamento dell’offerta di servizio di trasporto, che ridisegna completamente la mobilità di Palermo. Le auto elettriche si uniranno infatti ai tram e alla realizzazione di 8 chilometri di piste ciclabili, e rappresenteranno a breve una vera alternativa all’utilizzo delle auto private.
Confronta preventivi RC auto »

Chi non vuole fare a meno del mezzo di trasporto privato invece, può risparmiare scovando polizze Rc auto ed Rc moto economiche utilizzando il motore di ricerca di SosTariffe.it.

Car sharing Palermo: ricarica e prenotazione della vettura

Le Renault ZOE (100% elettriche) sosteranno in 5 parcheggi (Piazza Massimo, Piazza Ungheria, Piazza Ignazio Florio, Viale della Libertà e Via Malta). Le auto sono dotate di motore da 65 Kw ed hanno autonomia pari a 210 km in ciclo di omologazione NEDC (100-150 km in uso reale). Le vetture si ricaricano in un tempo variabile, che dipende dalla potenza disponibile nella colonnina. Se ad esempio la ricarica viene erogata su colonnine da 22W, per fare il pieno, almeno all’80%, si impiegherà circa un’ora.

Il touch R-link presente al centro della plancia consentirà di monitorare lo stile di guida e di verificare il livello della batteria.

Le auto elettriche in car sharing si prenotano con smart card, una scheda individuale dotata di microchip e codice segreto PIN, da utilizzare per ritirare e restituire la vettura, che potrà essere parcheggiata nei punti di sosta adibiti. Per conoscere maggiori dettagli sull’iscrizione, basta recarsi sul sito ufficiale del Comune di Palermo e scaricare il regolamento del servizio.
Confronta preventivi RC moto »