Auto elettriche 2020: modelli, prezzi e incentivi

Le auto elettriche stanno diventando il nuovo punto di riferimento del mercato delle quattro ruote. Le case costruttrici hanno iniziato ad investire tantissimo nell’elettrico e i modelli a zero emissioni presenti nelle concessarie dei vari brand sono in costante aumento. A rendere ancora più interessante l’acquisto di un’auto elettrica è la possibilità di sfruttare gli incentivi, statali e locali, che garantiscono un considerevole risparmio. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulle auto elettriche nel 2020 con i modelli disponibili ed relativi prezzi oltre che gli incentivi a disposizione degli acquirenti. 

Ecco tutto quello che c'è da sapere per chi vuole acquistare un'auto elettrica nel 2020

Il 2020 sarà l’anno delle auto elettriche. Il mercato delle quattro ruote italiano ed internazionale ha già mostrato evidenti segni di crescita per il settore dei veicoli a zero emissioni nel corso degli ultimi anni. In questo 2020, grazie al debutto dei tanti modelli presenti lo scorso anno e oramai pronti ad arrivare sulle strade italiane ed alle novità che vedremo nei prossimi mesi, il settore delle auto elettriche dovrebbe registrare un’ulteriore espansione.

A garantire la crescita delle auto elettriche ci sono anche gli incentivi come l‘Ecobonus statale che permette di ottenere una riduzione di un massimo di 6 mila Euro per un modello a zero emissioni. Tale cifra può rappresentare, di fatto, uno sconto del 20-25% sul prezzo complessivo di una city car elettrica (senza considerare eventuali promozioni che possono rendere l’acquisto ancora più vantaggioso).

Nel corso del 2019 appena concluso, in Italia sono state vendute ben 10.566 unità di auto elettriche, un risultato pari a poco più del doppio rispetto a quanto registrato nel corso del 2018, quando l’Ecobonus non era disponibile. La quota di mercato delle elettriche in Italia è ancora ridotta (siamo a poco più dello 0.5%) ma è chiaro che le richieste per le auto a zero emissioni sono in costante crescita come sta avvenendo anche nel resto d’Europa dove, in alcuni mercati, le elettriche hanno una quota di mercato decisamente maggiore.

Di seguito, vedremo quali sono i modelli di auto elettriche su cui puntare nel corso del 2020 con informazioni relativi al prezzo di listino di partenza ed ai dati relativi all’autonomia (calcolata in base al ciclo di omologazione WLTP).

Auto elettriche 2020: le city car da tenere d’occhio

Il segmento di mercato delle city car è, probabilmente, quello più interessante per chi è in cerca di una nuova auto elettrica nel 2020. I prezzi, infatti, sono più elevati rispetto alle controparti a benzina ma grazie agli incentivi statali e locali ed alle varie promozioni dei costruttori sarà possibile acquistare un nuovo modello a zero emissioni ad un prezzo molto interessante.

Tra le principali auto elettriche del 2020 troviamo la Volkswagen e-Up!. La city car del marchio tedesco ha recentemente registrato l’arrivo di un importante restyling con un importante aggiornamento del comparto tecnico che ruota intorno ad un motore elettrico da 83 CV. La nuova e-Up! è ora disponibile sul mercato italiano con un prezzo di listino di partenza di circa 23 mila Euro, cifra che può scendere (di molto) con gli incentivi.

La city car a zero emissioni di Volkswagen è accreditata di un’autonomia nel ciclo combinato di 257 chilometri, un valore decisamente sufficiente per coprire diversi giorni di utilizzo senza ricarica in ambito cittadino. Sulla stessa  base tecnica della Up! è disponibile anche la Seat Mii Electric (Seat è un marchio del gruppo Volkswagen) che può essere acquistata con un listino di poco superiore ai 23 mila Euro con oltre 250 chilometri di autonomia. Tra le city car a zero emissioni del gruppo Volkswagen c’è anche la Skoda Citigo-e iV, progetto che presenta le stesse caratteristiche delle city car di Volkswagen e Seat ma che viene proposto ad un prezzo leggermente più basso con un listino che parte da 22.300 Euro. 

Tra le principali novità del settore delle city car elettriche presentate nel 2019 troviamo la Peugeot 208-e e l’Opel Corsa-e, due modelli sviluppati dal gruppo francese PSA (in corso di fusione con l’italo-americana FCA) che possono contare su ben 330-340 chilometri di autonomia e su di un prezzo di listino di partenza pari, rispettivamente a 33.600 Euro e 30.800 Euro.

Restando nel settore delle “piccole” a zero emissioni non possiamo non segnalare le nuove Smart EQ ForTwo (disponibile anche in versione cabrio) e EQ ForFour. Il marchio divenuto una vera e propria icona per la mobilità cittadina ha abbandonato, in questi ultimi mesi, le motorizzazioni a benzina per concentrarsi unicamente sull’elettrico con il nuovo propulsore da 82 CV. La Smart EQ ForTwo parte da 25.000 Euro mentre la EQ ForFour parte da 25.649 Euro. Il prezzo più basso rispetto ad alcune concorrenti si traduce in un’autonomia inferiore (i dati dichiarati sono 140-159 chilometri).

Il settore delle city car elettriche include anche la Renault Zoe, uno dei modelli più venduti in assoluto in Italia nel corso degli ultimi anni per quanto riguarda le vetture a zero emissioni. Ordinabile con un listino di partenza di 25.800 Euro (con batterie a noleggio), la Zoe offre sino a 395 chilometri di autonomia.  In arrivo nel corso del 2020 troviamo la MINI Cooper SE, versione a zero emissioni della piccola city car britannica che può essere pre-ordinata con un prezzo di listino di 33.900 Euro. La vettura, che può contare su di un motore da ben 184 CV, è accreditata di un’autonomia di circa 230 chilometri.

Per gli appassionati di auto italiane, inoltre, l’appuntamento da segnare in agenda è per inizio marzo quando, in occasione del Salone dell’auto di Ginevra 2020, la fiera più importante per il mondo dell’auto in Europa, verrà svelata in anteprima assoluta la nuova Fiat 500 Elettrica, il primo modello a zero emissioni che verrà prodotto in Italia (nello stabilimento piemontese di Mirafiori). Il debutto sul mercato italiano della 500 Elettrica è atteso per la seconda metà del 2020. Al momento non si conoscono ancora i dettagli tecnici del progetto.

Auto elettriche 2020: le migliori hatchback, berline e SUV

Tra le auto elettriche più apprezzate sul mercato europeo segnaliamo la Nissan Leaf, uno dei modelli a zero emissioni più venduti di sempre che, con il debutto della nuova generazione avvenuto un paio d’anni fa, si presenta sul mercato in una veste rinnovata e con una gamma molto ricca. La hatchback della casa nipponica è disponibile a partire da 30.700 Euro e con autonomia di 270 chilometri ma i clienti possono scegliere la variante potenziata (la batteria passa da 40 kWh a 62 kWh) che offre un’autonomia massima di 385 chilometri.

La principale rivale della Leaf è la nuova Volkswagen ID.3, la nuova hatchback presentata dal marchio tedesco nel corso del 2019. La ID.3 è uno dei primi modelli della gamma elettrica di nuova generazione di Volkswagen e va a sostituire la Volkswagen e-Golf con l’ottava generazione della Golf che non sarà realizzata in versione elettrica al 100% ma in una variante plug-in hybrid.

La nuova Volkswagen ID.3 è già ordinabile con le prime consegne previste per la seconda metà del 2020. L’elettrica di Volkswagen parte da 30 mila Euro ed è disponibile in tre differenti varianti per quanto riguarda la batteria  (77, 58 e 45 kWh) con un’autonomia che, a seconda della versione scelta, sarà compresa tra 330 e 550 chilometri.

In un mercato in cui i SUV hanno sempre maggiore successo, il progetto della Hyundai Kona EV ricopre un ruolo di primo piano. Il SUV compatto della casa coreana è, infatti, ordinabile in Italia con un prezzo di partenza di 38.300 Euro e con un’autonomia di 482 chilometri ottenuta grazie all’installazione di una batteria da 62 kWh. Da segnalare anche il recente debutto del Peugeot 2008-e, il crossover a zero emissioni che la casa francese propone con un listino di partenza di 38.050 Euro e con un’autonomia di circa 320 chilometri.

Chi cerca un’auto elettrica non può non prendere in considerazione Tesla, l’azienda californiana che in questi anni ha dato un contributo enorme alla diffusione delle auto a zero emissioni in tutto il mondo grazie, soprattutto, al successo della Tesla Model 3, l’elettrica più venduta al mondo nel corso del 2019 e vero e proprio simbolo a livello internazionale del settore delle auto a zero emissioni.

In Italia è possibile ordinare la Tesla Model 3 a partire da 49.500 Euro, prezzo riferito alla versione Standard Range Plus con autonomia di 409 chilometri. In listino ci sono anche le più potenti e costose varianti Dual Motor con la versione “Long Range” sino a 560 chilometri d’autonomia ad un prezzo di partenza di 57.900 Euro.

Per chi ha maggiori disponibilità economiche ci sono la Tesla Model S, che parte da 88.900 Euro e garantisce un’autonomia massima di ben 610 chilometri, e il SUV Tesla Model X, con un prezzo di partenza di 94.400 Euro ed un’autonomia di 507 chilometri. Sarà necessario attendere il 2022 per le prime consegne della nuova Model Y, già ordinabile in versione Standard Range da 58 mila Euro.

Incentivi per le auto elettriche nel 2020

A dare una spinta notevole alla diffusione delle auto elettriche sul mercato italiano è la presenza degli incentivi statali. Grazie all’Ecobonus, infatti, è possibile dare un taglio netto al costo d’acquisto di una nuova auto elettrica rendendo decisamente più conveniente puntare su questa particolare tipologia di veicoli che presentano ancora un prezzo decisamente superiore rispetto alle controparti dotate di motori termici (benzina o diesel) o di soluzioni ibride come le auto plug-in hybrid in cui un motore elettrico di potenza ridotta ed una batteria con capacità inferiore rispetto a quelle delle elettriche vengono accoppiati ad un motore termico.

L’Ecobonus stata mette a disposizione un contributo significativo all’acquisto di un’auto elettrica. Sfruttando l’incentivo statale, infatti, sarà possibile ottenere:

  • uno sconto di 4.000 Euro sull’acquisto di un’auto elettrica senza la rottamazione di veicolo a motore termico
  • uno sconto di 6.000 Euro sull’acquisto di un’auto elettrica con rottamazione di un veicolo a motore termico (benzina o diesel) omologato Euro 4 o precedenti

L’Ecobonus può essere applicato per l’acquisto di modelli caratterizzati da un prezzo massimo di 50.000 Euro più IVA (quindi 61.000 Euro di costo complessivo). Alcuni modelli elettrici di fascia alta, come la Model S o la Model X di Tesla, non possono essere acquistati con l’Ecobonus che è invece disponibile per la Model 3 (il cui prezzo può scendere sino a 43.500 Euro). Grazie all’Ecobonus, sarà possibile acquistare diverse city car a meno di 20 mila Euro, una cifra sicuramente più vicina ai prezzi tradizionali delle auto a benzina.

L’agevolazione prevista dall’Ecobonus non riguarda solo le auto elettriche ma tutte le auto caratterizzate da un valore di emissioni di CO2 compreso tra 0 e 20 grammi al chilometro. Di fatto, però, a poter beneficiare dello sconto massimo di 6.000 Euro sono essenzialmente le auto elettriche che possono trarre i maggiori benefici dalla normativa nata poco più di un anno fa per incentivare l’acquisto di modelli a basso impatto ambientale (tenendo conto solo del valore delle emissioni di CO2 come parametro di riferimento).

Le auto ibride ed, in particolare, i modelli che presentano un valore di emissioni di CO2 in atmosfera compreso tra 21 e 70 grammi al chilometro possono ugualmente accedere all’Ecobonus, ma in forma minore. In questi casi, lo sconto garantito dall’incentivo statale sarà pari ai seguenti importi:

  • uno sconto di 1.500 Euro sull’acquisto di un’auto elettrica senza la rottamazione di veicolo a motore termico
  • uno sconto di 2.500 Euro sull’acquisto di un’auto elettrica con rottamazione di un veicolo a motore termico (benzina o diesel) omologato Euro 4 o precedenti

Anche in questo caso resta il limite legato al valore dell’auto acquistata che non può superare i 50 mila Euro più IVA. Questa seconda categoria di Ecobonus coinvolge un gran numero di auto “elettrificate” dotate di un motore termico e di uno o più motori elettrici abbinati. Di solito, questi modelli sono dotati di una batteria di capacità sufficiente a garantire intorno ai 50 chilometri di autonomia in modalità a zero emissioni.

L’Ecobonus statale non è l’unico incentivo disponibile per chi è interessato all’acquisto di una nuova auto elettrica. Gli acquirenti italiani,, in base al luogo di residenza, possono contare su incentivi regionali mirati all’acquisto di modelli elettrici e, più in generale, all’acquisto di auto a basso impatto ambientale ed alla rottamazione di auto inquinanti. Alcune regioni (Piemonte, Lombardia, Veneto e il Trentino) hanno, infatti, avviato un piano di incentivi per sostenere l’acquisto di modelli a basso impatto ambientale sia tra i clienti privati che tra le aziende.

Ad esempio, in Piemonte è prevista l’erogazione di un bonus di importo compreso tra 1.500 e 5.000 Euro sull’acquisto di un nuovo modello di auto elettrica oppure ibrida, a benzina, a diesel, a GPL o a metano che rientri in precisi limiti legati alle emissioni di CO2  in atmosfera (anche in questo caso viene considerato il dato di omologazione). Per quanto riguarda le elettriche è previsto uno sconto di 3.500 Euro che può salire sino a 5.000 Euro in caso di rottamazione di un’auto Euro 0, 1, 2.

In Veneto, invece, è previsto un incentivo massimo di 3.000 Euro per l’acquisto di un’auto elettrica che può essere ottenuto rottamando un’auto a benzina Euro 0 ed Euro 1 o gasolio Euro 0, Euro 1, Euro 2, Euro 3 ed Euro 4. In Trentino, chi acquista un’elettrica a zero emissioni può contare su di un incentivo di 4.000 Euro. Oltre agli incentivi ci sono poi da considerare anche tanti altri vantaggi legati alle auto elettriche.

Chi acquista un’auto elettrica, in base alla regione di residenza, potrà contare sull’esenzione dal pagamento del bollo auto, la tassa automobilista legata al possesso dell’auto che va pagata ogni anno. Ogni regione segue precise direttive in merito a questa questione e, quindi, è necessario valutare in base alla propria regione di residenza quelli che sono i vantaggi legati al bollo auto. Ci sono poi da considerare altri vantaggi per chi punta sull’elettrico come l’accesso alle ZTL o la possibilità di parcheggiare gratuitamente in aree normalmente a pagamento. Anche in questo caso, le agevolazioni sono di tipo locale e vanno valutare di volta in volta.

Auto elettriche: l’assicurazione costa meno

Un altro vantaggio da considerare per chi è interessato all’acquisto di un’auto elettrica nel 2020 è rappresentato dal risparmio sui costi assicurativi. Come conferano le statistiche, l’assicurazione auto per le auto elettriche costa meno, a parità di tutti gli altri fattori, rispetto a quanto si registra per un modello con motore termico di pari categoria.

Il risparmio varia in base a diversi fattori (in particolare dal valore commerciale ed dalla tipologia di veicoli da assicurare) ma può raggiungere cifre significative come il 30% sui costi del premio della polizza RC Auto mentre per quanto riguarda le garanzie accessorie è necessario valutare caso per caso. Soprattutto nelle province in cui i costi assicurativi sono molto alti, l’auto elettrica può garantire un risparmio aggiuntivo.

Ricordiamo che è sempre buona norma affidarsi al confronto online dei preventivi per massimizzare il risparmio sull’acquisto di un’assicurazione RC per un’auto elettrica. Grazie al comparatore di SosTariffe.it è possibile individuare, facilmente, la polizza RC auto più conveniente confrontando i preventivi delle principali compagnie del mercato italiano calcolati in base ai propri dati assicurativi.

Confronta i preventivi e risparmia sulla polizza RC Auto

Commenti Facebook: