Aumenti luce e gas: l'intervento del Governo copre solo il 6% dei rincari

Gli aumenti sulle bollette di luce e gas registrati ad inizio gennaio si tradurranno in vere e proprie stangate per le famiglie italiane che, nel corso dei prossimi mesi, registreranno dei veri e propri picchi negli importi da pagare per le forniture di energia elettrica e gas naturale. Ad attenuare i rincari si è registrato un intervento del Governo con alcune norme incluse nella Legge di Bilancio. Secondo le stime della Cgia di Mestre, però, l'intervento del Govero copre solo una ridottissima percentuale degli aumenti su luce e gas. Vediamo i dettagli.

Aumenti luce e gas: l'intervento del Governo copre solo il 6% dei rincari

Le stime elaborate dall’Ufficio studi della Cgia di Mestre anticipano un aumento complessivo di quasi 90 miliardi per famiglie e imprese nel corso del 2022. In particolare, più di 30 miliardi di euro colpiranno le famiglie mentre la restante parte dell’aumento riguarderà le imprese. Secondo quanto evidenziato dalla Ciga, le misure del Governo coprono solo il 6% degli aumenti previsti.

I circa 5,5 miliardi di euro stanziati dal Governo Draghi, almeno per il momento, non sono sufficienti a colmare la stangata in arrivo su famiglie e imprese nel corso del 2022. Il fortissimo aumento dei prezzi di luce e gas, infatti, si traduce in bollette molto più alte rispetto a quanto registrato lo scorso anno. Per contrastare i rincari, quindi, sarà necessario definire ulteriori provvedimenti.

Come anticipato la scorsa settimana, il Governo è al lavoro su nuove misure contro il caro bollette che arriveranno, molto probabilmente, nel corso della primavera. Il nuovo stanziamento dovrebbe essere, stando alle prime informazioni emerse in questi giorni, simile a quello arrivato con la Legge di Bilancio. Di conseguenza, si tratterà di intervento in grado di ridurre i rincari di pochi punti percentuali.

Attualmente, le ultime stime di Nomisma Energia, anticipano un rincaro medio di 1.200 euro a famiglia. A pesare sulle bollette continua ad essere l’aumento del prezzo della componente energia, il parametro che moltiplicato per i consumi registrati determina la porzione della bolletta direttamente collegata ai consumi. I rincari registrati sono senza precedenti e per famiglie e imprese c’è il rischio concreto di registrare picchi di spesa senza precedenti.

Nel confronto tra maggio 2021 (quando la crisi energetica era ancora limitata) e dicembre 2021 si registrano aumenti incredibili del prezzo della componente energia delle bollette di luce e gas. Per quanto riguarda l’energia elettrica, in particolare, il rincaro è del +302% mentre per il gas naturale si registra una stangata da +346% nel giro di appena 6 mesi. Si tratta di numeri davvero senza precedenti.

Come ridurre le bollette di luce e gas

Gli interventi del Governo, per quanto importanti, consentono solo una leggera riduzione della spesa energetica per le famiglie. Il taglio degli oneri di sistema, la riduzione dell’IVA al 5% sul gas naturale e il potenziamento dei Bonus Luce e Gas sono provvedimenti importanti ma comunque transitori. Per le famiglie, quindi, diventa fondamentale sfruttare tutte le risorse a propria disposizione per massimizzare il risparmio.

La strada per il taglio delle bollette passa per il Mercato Libero e per la scelta corretta delle tariffe da attivare. Per individuare le offerte migliori è possibile affidarsi alla comparazione online che consente di individuare le tariffe con il prezzo dell’energia più basso attualmente disponibili sul mercato. Attivando queste offerte si avrà la possibilità di tagliare il costo dell’energia e, quindi, massimizzare il risparmio.

Per individuare facilmente le offerte migliori è possibile sfruttare il comparatore di SOStariffe.it per offerte luce e gas, disponibile al link qui di sotto oppure tramite l’App di SOStariffe.it per dispositivi Android ed iOS.

Scopri qui le migliori offerte luce e gas » 

Il sistema di comparazione delle offerte è molto semplice e completamente gratuito. Basta indicare il dato relativo al proprio consumo annuo (è presente nell’ultima bolletta inviata dal proprio fornitore) per consentire al comparatore di offerte di effettuare delle stime di spesa per poter indicare all’utente le tariffe migliori da attivare per dare un taglio netto alla spesa energetica.

Per ottenere assistenza gratuita nella scelta delle tariffe da attivare è possibile:

  • chiamare 02 5005 222 per parlare con un consulente di SOStariffe.it
  • utilizzare il servizio Analisi della Bolletta che, tramite il comparatore o l’app di SOStariffe.it, consente di inviare una bolletta in versione digitale al Team di consulenti di SOStariffe.it che si occuperanno di individuare l’offerta giusta per l’utente