Aumenti bollette luce: il 40% delle tariffe del mercato libero offre un risparmio

La nuova indagine dell'Osservatorio SOStariffe.it e Segugio.it analizza la convenienza delle offerte luce del Mercato Libero anche in relazione ai recenti aumenti attivi da ottobre 2021 (+29,8% per l'energia elettrica per i clienti in tutela). Secondo lo studio, circa il 40% delle offerte disponibili risulta essere più conveniente delle attuali condizioni economiche del servizio di Maggior Tutela. La seconda parte dell'indagine, inoltre, analizza il risparmio che registrerà nel 2021 un cliente che ha scelto il Mercato Libero lo scorso gennaio. Ecco i risultati completi dell'Osservatorio di SOStariffe.it e Segugio.it

Aumenti bollette luce: il 40% delle tariffe del mercato libero offre un risparmio

Il nuovo Osservatorio SOStariffe.it e Segugio.it mette a confronto il servizio di Maggior Tutela di ARERA e le tariffe del Mercato Libero per la fornitura di energia elettrica. L’indagine punta a valutare l’effettiva convenienza delle soluzioni tariffarie del Mercato Libero in rapporto al mercato tutelato anche in considerazione degli aumenti luce e gas validi da ottobre 2021.

Per i clienti in tutela, a partire dal quarto trimestre del 2021, si registra un incremento +29,8% per l’energia elettrica e del +14.4% per il gas naturale. Si tratta di una vera e propria stangata solo in parte attenuata dall’intervento del Governo. Valutare il passaggio al Mercato Libero, come soluzione per ridurre al minimo le bollette, diventa, quindi, fondamentale.

L’indagine di SOStariffe.it e Segugio.it si articola in due diverse analisi:

  • l’Osservatorio ha rilevato che il 40% delle offerte luce del Mercato Libero garantisce un risparmio rispetto al servizio di Maggior Tutela
  • lo studio ha analizzato la convenienza delle offerte a prezzo bloccato; un cliente che ha attivato una tariffa luce a prezzo bloccato del Mercato Libero a gennaio 2021 registra un risparmio di oltre 400 euro nel 2021 se l’aumento dei prezzi atteso a gennaio (+40% per l’energia elettrica) dovesse diventare effettivo

Ecco i risultati completi del nuovo Osservatorio SOStariffe.it e Segugio.it:

Come funziona il Mercato Tutelato

Tutte le forniture di luce e gas che seguono il servizio di Maggior Tutela possono contare su condizioni tariffarie e contrattuali stabilite da ARERA (Autorità di regolazione per energia reti e ambiente). I consumatori che scelgono il Mercato Tutelato e, quindi, il servizio di Maggior Tutela non hanno la possibilità di scegliere la tariffa più economica. Sarà ARERA a stabilire ed aggiornare il prezzo dell’energia e tutte le condizioni della fornitura.

Il Mercato Tutelato resterà attivo, per i clienti domestici, fino al 31 dicembre del 2022. C’è, quindi, ancora poco più di un anno di tempo prima della fine della Maggior Tutela. Dal 2023, invece, inizierà il passaggio obbligato al Mercato Libero. Per gli utenti, in ogni caso, c’è già la possibilità di effettuare il passaggio oggi, scegliendo le tariffe luce e gas più convenienti. I numeri raccolti dall’Osservatorio confermano che le opzioni in grado di garantire un risparmio non mancano di certo.

I risultati dell’Osservatorio SOStariffe.it e Segugio.it: il 40% delle offerte del Mercato Libero sono convenienti

L’Osservatorio di SOStariffe.it e Segugio.it ha preso in considerazione tre diversi profili di consumo con l’obiettivo di valutare l’effettivo risparmio garantito dalle offerte luce del Mercato Libero in rapporto al servizio di Maggior Tutela stabilito da ARERA. I profili di consumo utilizzati per l’indagine sono i seguenti:

  • Single (consumo annuo di 1400 kWh)
  • Coppia (consumo annuo di 2400 kWh)
  • Famiglia (consumo annuo di 3400 kWh)

L’indagine è andata a considerare 200 tariffe presenti sul Mercato Libero per la fornitura di energia elettrica in casa. L’analisi, inoltre, ha coinvolto anche le offerte PLACET, ovvero le tariffe proposte dai fornitori del Mercato Libero e caratterizzate da condizioni economiche decise dal venditore (con rinnovo ogni 12 mesi) e una struttura di prezzo e condizioni contrattuali stabilite da ARERA e non derogabili.

Single

Per quanto riguarda il primo profilo di consumo, il Single, lo studio ha rivelato che il 40% delle offerte a prezzo fisso e il 28% delle offerte a prezzo variabile del Mercato Libero garantiscono un risparmio rispetto alle tariffe di Maggior Tutela. Le offerte PLACET, invece, risultano essere meno convenienti con solo il 18% delle offerte a prezzo fisso e il 6% delle offerte a prezzo variabili che risultano più vantaggiose della Maggior Tutela. Per quanto riguarda il risparmio annuale, invece, per il Single è possibile contare su di un risparmio massimo di 71 euro all’anno, ottenibile scegliendo un’offerta a prezzo fisso del Mercato Libero.

Coppia

L’indagine è poi passata all’analisi di un altro profilo di consumo, la Coppia. In questo caso, il 38% delle offerte a prezzo fisso e il 28% delle offerte a prezzo variabile del Mercato Libero garantiscono un risparmio. Le offerte PLACET, anche in questo caso, sono meno convenienti. Solo il 20% delle offerte a prezzo fisso e il 2% delle offerte a prezzo variabile consentono di ottenere un risparmio rispetto al Mercato Tutelato. Il risparmio massimo a disposizione della Coppia è di 82 euro all’anno ed è ottenibile grazie ad un’offerta a prezzo variabile del Mercato Libero.

Famiglia

A concludere la prima parte dell’Osservatorio di SOStariffe.it e Segugio.it troviamo il terzo profilo di consumo, la Famiglia. In questo caso, l’indagine conferma che il 40% delle offerte a prezzo fisso e il 28% delle offerte a prezzo variabile del Mercato Libero permettono di ottenere un risparmio rispetto alla Maggior Tutela. Per le PLACET, invece, il 24% delle soluzioni a prezzo fisso offre un risparmio mentre nessuna soluzione a prezzo variabile permette di ridurre i costi. Il risparmio annuale maggiore per la famiglia arriva dalla scelta di un’offerta a prezzo fisso del Mercato Libero. In questo caso, il terzo profilo di consumo considerato dall’Osservatorio registrerà una riduzione annuale di 125 euro della spesa per le bollette.

Con il prezzo bloccato si evitano gli aumenti: la simulazione

La seconda parte dell’Osservatorio di SOStariffe.it e Segugio.it si concentra sulla convenienza delle offerte a prezzo bloccato del Mercato Libero. Se il preannunciato incremento del +40% sul prezzo dell’elettricità diventerà effettivo, per i clienti del servizio di Maggior Tutela, il 2021 si chiuderà con un forte incremento della spesa in bolletta. Chi ha scelto il Mercato Libero ad inizio 2021, optando per una tariffa a prezzo bloccato, riuscirà ad evitare completamente il rincaro del prezzo dell’energia.

La simulazione effettuata dall’Osservatorio ipotizza il caso di un cliente che a gennaio 2021 ha attivato una tariffa a prezzo bloccato del Mercato Libero. In quest’ipotesi, ecco il risparmio ottenibile dai tre profili di consumo:

  • Single: risparmio annuo di 254 euro con una riduzione della spesa del 53% rispetto alla Maggior Tutela
  • Coppia: risparmio annuo di 331 euro con una riduzione della spesa del 47% rispetto alla Maggior Tutela
  • Famiglia: risparmio annuo di 435 euro con una riduzione della spesa del 46% rispetto alla Maggior Tutela

Maggior Tutela o Mercato Libero?

Il servizio di Maggior Tutela continuerà ad essere attivo per i prossimi 15 mesi. Il 31 dicembre 2022, infatti, tale servizio terminerà e scatterà la fase del passaggio obbligato al Mercato Libero. Chi è ancora nel Mercato Tutelato può passare subito al Mercato Libero, evitando di attendere l’ultimo momento quando la situazione potrebbe diventare caotica e i prezzi potrebbero registrare un ulteriore rincaro, legato proprio alla necessità di effettuare il passaggio.

Attualmente, come conferma il “Rapporto monitoraggio dei mercati di vendita al dettaglio dell’energia elettrica e del gas” (ARERA, luglio 2021) il 57.3% dei clienti nel settore dell’energia elettrica e il 60.2% dei clienti nel settore gas hanno già scelto di effettuare il passaggio. Tutti i consumatori, che non conoscono il tipo di servizio attivato, potranno verificare se sono ancora in regime tutelato o sono già passati al Mercato Libero leggendo l’indicazione riportata nella prima pagina della bolletta, dove i fornitori sono obbligati ad indicare la tipologia di mercato della fornitura.

Quali vantaggi ci sono nel passaggio al Mercato Libero

Il passaggio al Mercato Libero è un’operazione semplice e sicura che può essere effettuata in qualsiasi momento. Ecco quali sono i vantaggi legati alla scelta del Mercato Libero:

  • è possibile scegliere le tariffe più vantaggiose, riducendo al minimo il costo dell’energia; la scelta può avvenire direttamente online tramite il comparatore di SOStariffe.it per offerte luce e gas oppure tramite l’App di SOStariffe.it, disponibile su Android e iOS
  • il passaggio dalla Maggior Tutela al Mercato Libero non prevede interruzioni nell’erogazione dell’energia in casa e non comporta il cambio del contatore
  • le tariffe proposte dagli operatori del Mercato Libero possono includere bonus aggiuntivi, non accessibili a chi sceglie il Mercato Tutelato, come l’opzione del prezzo bloccato per un lungo periodo di tempo
  • l’attivazione delle offerte del Mercato Libero è gratuita e le varie tariffe possono essere sottoscritte direttamente online

Il commento di SOStariffe.it

Paolo Benazzi, General Manager di SOStariffe.it, commenta i risultati dell’Osservatorio e la delicata situazione del mercato energetico italiano: “Questa situazione dimostra quanto possa essere vantaggioso il passaggio al Mercato Libero, dove è possibile scegliere tra decine di offerte quella su misura per le proprie esigenze: soprattutto tariffe con prezzo bloccato per 12 o 24 mesi in grado di tenere la bolletta al riparo dai rialzi del costo della materia

Effettuare subito il passaggio al Mercato Libero può rappresentare la scelta vincente: “rimanere nel Mercato Tutelato dove il prezzo è indicizzato su base trimestrale espone al rischio di forti oscillazioni. Una famiglia che avesse scelto il Mercato Libero a gennaio scorso attivando una tariffa a prezzo bloccato per almeno 12 mesi, secondo le stime di SOStariffe.it nel 2021 potrebbe arrivare a risparmiare più di 400 euro se il preannunciato aumento di ottobre diventerà effettivo!

Commenti Facebook: