Aumenta la sicurezza nella centrale Federico II di Enel con la tecnologia “smart”

Da poco è stata stipulata una partnership tra Athonet Smartgrid, startup nata dal progetto di incubazione promosso da Enel, e l’operatore mobile 3 Italia, con l’obiettivo di installare una rete dedicata 4G-LTE nella centrale Federico II di Brindisi, uno degli impianti più avanzati d’Europa. Tra le molte novità che questa tecnologia porterà alla centrale di Enel, anche una sicurezza più efficace e intelligente.

Federico-II
La soluzione sviluppata per Enel da 3 e Athonet Smartgrid permetterà nuove procedure di sicurezza

La soluzione sviluppata per Enel da 3 e Athonet Smartgrid permetterà infatti la videosorveglianza live di tutta l’area della centrale e del cantiere adiacente, oltre a rendere possibile il monitoraggio dei mezzi, la comunicazione audiovisiva tra gli addetti e la rete aziendale, la trasmissione di allarmi da sensori fissi o mobili indossati direttamente dal personale.

Si tratta in altre parole di un esempio concreto di Internet of things, reso possibile dalla micro-rete TDD-LTE nata dall’unione tra la piattaforma LTE Virtual Mobile Core Network (EPC) di Athonet Smartgrid e la tecnologia TDD-LTE di 3, che permettedi distribuire in modo ottimale la capacità tra le due direzioni della trasmissione dati (uplink e downlink).
Scopri E-light
Come ha dichiarato Ernesto Ciorra, responsabile Funzione Innovazione e Sostenibilità di Enel, «la capacità di creare velocemente reti dedicate con tecnologia LTE rappresenta per noi un importante elemento per migliorare la produttività e la sicurezza dei nostri asset produttivi. Attraverso la nostra strategia di open innovation, che vede la continua collaborazione con startup innovative come Athonet Smartgrid, puntiamo ad ampliare l’offerta di servizi integrati ai clienti di tutte le società del Gruppo».

Commenti Facebook: