AT&T e Google Voice: di nuovo ai ferri corti

AT&T ha inviato una nuova documentazione all’FCC dove vengono illustrati diversi test eseguiti con Google Voice per verificare quali telefonate vengano bloccate.

La compagnia ha determinato che Google blovva determinate chiamate e numerazioni geografiche anche se questi destinatari non rientrano nelle linee per adulti e nei servizi per teleconferenza gratuiti che Google ha dichiarato quali obiettivi del call blocking.

AT&T ha sporto una denuncia contro la possibilità di bloccare le comunicazioni verso determinate aree che porta un vantaggio rispetto ai normali carrier ai quali è vietato dall’FCC.

Google Voice è una web application e non è quindi soggetto all’obbligo regolamentare dei carrier telefonici tradizionali.

inviato una nuova documentazione all’FCC dove vengono illustrati diversi test eseguiti con Google Voice per verificare quali telefonate vengano bloccate.

La compagnia ha determinato che Google blovva determinate chiamate e numerazioni geografiche anche se questi destinatari non rientrano nelle linee per adulti e nei servizi per teleconferenza gratuiti che Google ha dichiarato quali obiettivi del call blocking.

AT&T ha sporto una denuncia contro la possibilità di bloccare le comunicazioni verso determinate aree che porta un vantaggio rispetto ai normali carrier ai quali è vietato dall’FCC.

Google Voice è una web application e non è quindi soggetto all’obbligo regolamentare dei carrier telefonici tradizionali.

Commenti Facebook: