Asta 5G: Vodafone si aggiudica le frequenze, cosa significa

Si è conclusa, dopo una lunga serie di rilanci, l’asta per l’assegnazione delle frequenze del 5G, il nuovo standard di connettività che, nel corso dei prossimi anni, andrà a rivoluzionare l’intero mercato di telefonia mobile. Tra i vincitori dell’asta c’è anche Vodafone che si è aggiudicata diverse frequenze. Ecco tutti i dettagli sull’asta 5G e sulle frequenze conquistate da Vodafone. 

Vodafone è tra gli operatori usciti vincitori dall'asta 5G

L’asta indetta dal Mise per l’assegnazione dei diritti all’utilizzo delle frequenze della nuova tecnologia 5G si è conclusa dopo una lunga serie di rilanci che hanno visto impegnati tutti i principali operatori di telefonia mobile nazionali. Tra i vincitori c’è soprattutto Vodafone Italia che ha acquisto diverse frequenze che permetteranno di sostenere al meglio la diffusione dei nuovi servizi 5G nel corso dei prossimi anni.
Scopri le migliori offerte per smartphone

Le bande acquisite da Vodafone al termine dell’asta del 5G sono le seguenti:

  • 700 MHz – 2 x 10 MHz FDD (Frequency Division Duplexing) per 683 milioni di euro, disponibili dal 1 luglio  2022, con una licenza della durata di 15 anni e 6 mesi.
  • 3700 MHz – 80 MHz per 1.685 milioni di euro, disponibili dal 1 gennaio 2019, con una licenza della durata di 19 anni.
  • 26 GHz –  200 MHz per 32,586 milioni di euro, disponibili dal 1 gennaio 2019, con una licenza della durata di 19 anni.

La banda 700 MHz sarà disponibile solo dal 2022 e giocherà un ruolo determinate, come sottolineato da Vodafone stessa, nell’implementazione di servizi 5G sempre più evoluti e nell’incremento della copertura nazionale. Questa banda garantirà la possibilità di strutturare servizi evoluti di nuova generazione come realtà virtuale e aumentata, veicoli connessi, robotica e applicazioni IoT ad alta densità di dispositivi.

Tutte queste applicazioni, frazie alle potenzialità del 5G, avranno la capacità di modificare, radicalmente, lo stile di vita dei consumatori, i rapporti del settore pubblico con i cittadini e i modelli operatori delle aziende. Le possibilità di applicazione sono davvero numerose.

La banda 3700 MHz garantirà a Vodafone, invece, la possibilità di offrire, sin da subito, servizi di nuova generazione con prestazioni nettamente superiori, sia per quanto riguarda la velocità che la latenza, e con la possibilità di gestire, in modo ancora più efficiente, i crescenti volumi di traffico dati. A completare lo “spettro” troviamo la banda 26 GHz che offrirà all’operatore la possibilità di fornire servizi ad altissime prestazioni in luoghi ad elevata densità di traffico, dai centri cittadini più affollati agli stadi passando per i più complessi impianti industriali.

Il commento dell’amministratore delegato di Vodafone Italia sui risultati dell’asta 5G

Aldo Bisio, amministratore delegato di Vodafone Italia, ha così commentato l’esito dell’asta 5G e il successo ottenuto dalla sua azienda: “Ci siamo aggiudicati frequenze in tutte le bande offerte. Questo investimento, insieme all’attuale dotazione di frequenze, consente a Vodafone di consolidare la leadership nella qualità della rete, porsi all’avanguardia nella realizzazione della infrastruttura e dei servizi 5G ed accelerare lo sviluppo della propria strategia digitale.

Al fine di poter dare il via alla realizzazione di una solida infrastruttura di nuova generazione, necessaria per sfruttare al massimo i benefici offerti dal 5G, Bisio ritiene che: “Sarà essenziale l’adozione di tutte le misure, a partire dalla semplificazione delle procedure autorizzative, volte a garantire la sostenibilità di tali investimenti”

Ricordiamo che Vodafone ha già avviato la fase di sperimentazione del nuovo standard di connettività. La fase sperimentale riguarda l’area metropolitana di Milano. Entro fine anno, circa l’80% della popolazione dell’area sarà coperta dalla rete Vodafone.

Commenti Facebook: