Assicurazioni Infortuni, scegliere la migliore 

L’infortunio è quell’evento imprevedibile e violento che comporta lesioni fisiche tali da provocare l’invalidità temporanea, permanente se non, nei casi più gravi, la morte di una persona. Tutti possono acquistare una polizza completa che garantisca il rimborso spese mediche e ospedaliere o un capitale (in caso di decesso), da destinare a terzi beneficiari. L’utilità delle assicurazioni infortuni è indiscussa: ecco come funzionano e come scegliere la migliore. 

Caratteristiche di una polizza infortuni completa. Attenzione a massimale e franchigia

L’infortunio in quanto tale, è riconoscibile rispetto alla malattia per le conseguenze esterne immediatamente visibili, che possono comportare l’invalidità temporanea o permanente al lavoro. Le assicurazioni infortuni tutelano con un risarcimento dei costi sanitari e delle spese di diaria, oppure -se le lesioni sono tali da inabilitare all’attività lavorativa in modo definitivo – con l’erogazione di un capitale, che permette di mantenere inalterato il tenore di vita. L’erogazione del capitale è prevista anche quando l’assicurazione copre il caso decesso. Come scegliere la polizza migliore?

Ecco alcuni consigli.
Confronta le assicurazioni vita online

Come scegliere le assicurazioni infortuni

E’ importante che la polizza infortuni scelta copra sia le lesioni avvenute durante l’attività lavorativa che extra-lavorativa. Ciò è essenziale perché, fuori dai casi in cui è obbligatoria la polizza INAIL casalinghe, i danni fisici subiti in casa e fuori dalle mura domestiche possono essere risarciti solo dalle assicurazioni infortuni. Le polizze infortuni rientrano fra le assicurazioni vita, delle quali costituiscono una formula particolare che interviene esclusivamente per le i danni diretti derivanti dalla lesione (non preesistenti o pregressi).

Ecco diverse coperture infortuni e le loro CARATTERISTICHE:

  • infortunio con invalidità temporanea: la polizza offre il rimborso delle spese mediche, ospedaliere -diaria da ricovero-, il costo degli interventi chirurgici e gli esami di accertamento  (salvo diverse previsioni del contratto);
  • infortunio con invalidità permanente: la polizza eroga al danneggiato un’indennità nei limiti del massimale assicurato e può essere soggetta a franchigia;
  • infortunio cui segue il decesso: la polizza eroga un capitale in favore dei beneficiari nominati in polizza, come l’assicurazione Genertellife di Genertel.

Scopri assicurazione vita Genertel
Riguardo alle assicurazioni infortuni a copertura del rischio invalidità, una polizza completa deve comprendere anche l’erogazione di una somma o un rimborso per l’assistenza domiciliare continuativa e l’indennità di convalescenza. Sempre in relazione alle assicurazioni invalidità, occorre soffermarsi sulla questione scelta del massimale e franchigia.

Per una polizza  sicura e completa attenzione a massimale, franchigia ed esclusioni

Il costo annuale delle polizze vita e infortuni dipende in gran parte dal massimale desiderato, per questo è essenziale cercare tale voce all’interno del contratto assicurativo. Il massimale è il limite di risarcimento ammesso per le lesioni fisiche subite, o il tetto di capitale erogabile in caso di decesso: più alto è il massimale, maggiore sarà il prezzo dell’assicurazione, ma anche la completezza della copertura. La franchigia invece, è la percentuale di invalidità entro la quale l’assicurazione non eroga il risarcimento, fissata di solito al 5%. Generalmente nelle assicurazioni infortuni è ammesso l’indennizzo quando l’invalidità è abbastanza grave da superare almeno il 25% di invalidità come stabilito dalle tabelle INAIL.

Molta attenzione infine deve essere prestata alle clausole relative alle c.d. “esclusioni”, cioè tutte quelle ipotesi in cui la compagnia si riserva il diritto di non erogare il risarcimento. Ecco alcuni esempi di esclusioni nelle assicurazioni infortuni:

  • suicidio o tentato suicidio del contraente;
  • dolo o azioni delittuose del contraente o dell’assicurato tese ad ottenere il risarcimento;
  • infortuni dovuti a cause pregresse rispetto alla sottoscrizione dell’assicurazione;
  • infortuni avvenuti durante atti di guerra, invasione od occupazione militare;
  • infortuni conseguenti alla pratica di sport estremi.

Commenti Facebook: