Assicurazione viaggio obbligatoria: quali RC sottoscrivere per forza e dove 

Le polizze che rimediano ai tipici inconvenienti che capitano ai viaggiatori, come i bagagli smarriti o un ritardo del volo, sono obbligatorie in alcune nazioni, come Cuba e la Russia; ecco come fare per non rischiare brutte sorprese quando si arriva alla frontiera e si scopre di non avere tutte le carte in regola.

Gli obblighi richiesti a Cuba, in Russia e in altri Paesi

Che cosa sono le assicurazioni viaggio obbligatorie

Le assicurazioni di viaggio permettono di partire per una trasferta di lavoro o godersi le vacanze senza più preoccupazioni, con la certezza che, qualsiasi intoppo dovesse presentarsi, la polizza consentirà di risolverlo senza troppi problemi. Di norma le assicurazioni di viaggio hanno una copertura assicurativa per finalità sanitarie e per gli inconvenienti di viaggio, soprattutto aereo, ad esempio lo smarrimento dei bagagli o un volo saltato.

Ci sono però dei Paesi dove questo tipo di polizza non è semplicemente una precauzione in più lasciata al buon senso del viaggiatore, ma un vero e proprio obbligo: è il caso della Russia, di Cuba, dell’Iran, della Bielorussa e dell’Ecuador, dove stipulare l’assicurazione di viaggio è un requisito indispensabile per l’accesso.
Confronta le assicurazioni di viaggio »

Come fare per entrare in Russia e a Cuba

In particolare, per entrare in Russia non basta procurarsi il visto, ma è necessario stipulare un’assicurazione di viaggio che copra le spese sanitarie e l’eventuale trasferimento aereo in un’altra nazione, ma anche i costi per il rimpatrio in Italia della persona malata. Allo stesso modo, chi viaggia a Cuba deve sottoscrivere una polizza per la copertura delle eventuali spese mediche.

Nel caso di Cuba, questi obblighi non finiscono però qui: non basta avere una qualsiasi assicurazione di viaggio, ma è necessario che la polizza sia stata emessa da compagnie assicurative riconosciute all’interno del Paese caraibico; in alternativa, si può acquistare la polizza direttamente in loco, presso la Asistur.

Va ricordato che molti dei Paesi con assicurazione obbligatoria presentano effettivamente delle situazioni a rischio in alcune zone; a Cuba, ad esempio, sono ancora una piaga il colera e la congiuntivite emorragica, oltre alle frequenti infezioni intestinali.

Commenti Facebook: