Assicurazione smartphone, la guida

Può accadere a chiunque, ma il furto del cellulare, lo smarrimento e i danni al display o alle parti interne sono eventi da scongiurare. Oggi smartphone e tablet hanno prezzi contenuti, fatta eccezione per i modelli più ambiti che possono costare oltre 1.000 euro. In questa guida all’assicurazione smartphone scopriamo tutte le polizze disponibili e come ottenere un risarcimento.

Furto cellulare, smarrimento e danneggiamento. Le polizze per ottenere un risarcimento

Acquistando uno smartphone si possono spendere da 100 ad oltre 3.000 euro, per questo una volta entrati in possesso del nuovo dispositivo i proprietari vogliono proteggerlo da eventuali danni. Basta una distrazione per restare vittime di un furto del cellulare, per smarrirlo o per farlo cadere accidentalmente: il problema è che in ogni caso si perdono i soldi spesi e l’utilizzo temporaneo del telefono. Scaricare sistemi di antifurto può non bastare, per questo molte persone scelgono un’assicurazione smartphone. In questa guida facciamo chiarezza sulle polizze disponibili offerte da compagnie specializzate in assicurazioni cellulari.
Scopri l’assicurazione smartphone

A cosa serve l’assicurazione smartphone

Una guida all’assicurazione smartphone è quello che ci vuole per sapere come comportarsi e a chi rivolgersi in caso di danni al telefono. Chi acquista l’ultimo modello di iPhone, Samsung o altri tipi di cellulari spende cifre non indifferenti. Non accade di rado che molte persone non potendo pagare l’intero importo scelgano addirittura un finanziamento a rate con maggiorazione di interessi pur di sfoggiare i gioielli della telefonia mobile. Cosa accade però in caso di furto del cellulare, smarrimento o danneggiamento? Può succedere a chiunque di dimenticare il telefono su una panchina, al bar, o in altri luoghi pubblici, o di accorgersi troppo tardi che lo smartphone è stato sottratto: più frequenti sono i casi della rottura accidentale del display o delle parti interne, che spesso comportano danni irreparabili.

Esistono soluzioni per rimediare, in primis i sistemi di antifurto che bloccano il telefono e scattano una foto a chi lo utilizza dopo averlo rubato, e che rintracciano il cellulare con il sistema Gps, ma non sempre funzionano perché i professionisti del furto sanno come operare sul dispositivo per disattivare le protezioni. Il rimedio in caso di danneggiamento è ricorrere all’assistenza tecnica, spesso molto costosa. In questo quadro l’assicurazione smartphone fornisce una tutela ampia, che arriva dove queste soluzioni non possono arrivare, perché offre un risarcimento diretto per i casi di sottrazione illecita, smarrimento o danni.

Furto del cellulare, smarrimento e danni: le polizze per ottenere il risarcimento

In questa guida all’assicurazione smartphone facciamo luce sulle polizze disponibili e sulle compagnie che le offrono.

L’assicurazione smartphone o sugli effetti personali è fornita dalla maggior parte delle assicurazioni viaggio come appendice della garanzia bagaglio. Quando si parte infatti le possibilità di subire un furto o di smarrire il cellulare aumentano, e la polizza interviene con un risarcimento in favore del cliente, che si può ottenere presentando alla compagnia la denuncia di furto. Tuttavia prima di acquistare l’assicurazione bisogna fare attenzione al massimale, cioè alla cifra massima indennizzabile dalla compagnia, che potrebbe essere in alcuni casi inferiore al valore reale del telefono.

Esistono poi compagnie specializzate in polizze per cellulari, che oltre a risarcire furto e smarrimento garantiscono interventi tempestivi di riparazione dei danni, quando si verifica ad esempio la rottura del display o in caso di danni provocati da liquidi versati sul dispositivo, tra queste, ci sono le polizze BNL Multimedia e le assicurazioni Allianz Global Assistance.

Perché conviene stipulare un’assicurazione smartphone quando le case produttrici dei dispositivi prevedono dei programmi di assistenza? Semplice.

L’assicurazione smartphone acquistata presso compagnie specializzate può essere personalizzata nell’importo e nella durata. I programmi di assistenza dei produttori invece spesso non coprono i danni accidentali in seguito a cadute, ma possono garantire al cliente l’applicazione di prezzi inferiori per le operazioni di riparazione in seguito al danno in centri convenzionati.

Commenti Facebook: