Assicurazione bici, come funziona

Assicurare la bici oggi è possibile, e i sempre più frequenti casi di furto di due ruote hanno finalmente una soluzione. Le assicurazioni sui beni permettono di coprire i costi per l’acquisto di una nuova bicicletta o di altri dispositivi di uso comune spesso oggetto di sottrazioni indebite, come gli smartphone, i tablet, le macchine fotografiche digitali. In più, l’assicurazione bici copre anche i danni da caduta e da usura: basta scegliere partner come Cliccasicuro.

Ecco come fare per proteggere le proprie due ruote dai furti e da vari tipi di danno

Bicicletta, passione degli italiani

La bicicletta è un mezzo usato da milioni di italiani per recarsi al lavoro, per lo svago, per tenersi in forma. Un’alternativa salutare all’auto, che fa anche risparmiare tempo rispetto ai mezzi pubblici. Purtoppo, però, le bici – con i loro semplici sistemi antifurto facilmente aggirabili dai ladri – fanno gola a molti: secondo uno studio di qualche tempo fa in Italia ne spariscono circa 3.000 al giorno, e solo contando quanti fanno denuncia di furto.

In più, i pericoli legati all’uso della bicicletta – soprattutto nelle grandi città – non mancano, considerando che nel traffico il rischio di avere un incidente o anche solo cadere e distruggere il mezzo è molto elevato. Fino a poco tempo fa non c’erano alternative: in caso di furto ci si rassegnava a comprare una bicicletta nuova, e i danni in seguito a una caduta erano interamente a carico del ciclista.

Oggi si stanno affermando nuove soluzioni, con formule assicurative flessibili e in grado di proteggere anche le due ruote, come nel caso delle assicurazioni di Cliccasicuro. L’azienda propone coperture per oggetti e beni che normalmente non ce l’hanno, ma che purtroppo sono spesso il bersaglio dei malintenzionati: lo smartphone, il tablet, il laptop, i gadget elettronici in genere (le macchine fotografiche, le console di gioco, i televisori, gli impianti Hi-Fi) e anche le biciclette.
Scopri le assicurazioni per la bici

Che cos’è l’assicurazione per la bicicletta e che cosa copre

Le assicurazioni per la bicicletta mirano a rendere la circolazione con questi mezzi più sicura e tranquilla, proteggendo il ciclista in un vasto ventaglio di situazioni.

La fattispecie più frequente è quella del furto. A volte si pensa che l’assicurazione sui beni mobili di un’abitazione valga anche per la bicicletta, ma in realtà questa entra in gioco soltanto quando la bici rubata era stata depositata nel proprio appartamento o in cantina, e il mezzo è sparito in seguito a un furto con scasso. Con l’assicurazione specifica per la bici, invece, è possibile avere il rimborso dei costi di acquisto della bicicletta (senza franchigia) anche se il furto avviene al di fuori delle mura domestiche. In più, l’assicurazione protegge i singoli pezzi della bicicletta, come la sella o le ruote. La medesima protezione è assicurata anche contro la rapina e il furto con scasso.

L’assicurazione bici di Cliccasicuro estende la sua copertura anche agli atti vandalici, con i costi di riparazione che vengono sostenuti dall’assicurazione senza detrazione di franchigia.

E per quanto riguarda gli infortuni? Per chi cade dalla biciclette o ha avuto un incidente, è possibile rivalersi sull’assicurazione, con la protezione anche da questo tipo di danni, a prescindere dalla loro causa. Anche se si è scivolati sull’asfalto bagnato o sul ghiaccio, non c’è bisogno di pagare nulla per la riparazione.

Infine, l’assicurazione riguarda anche gli errori di funzionamento e di utilizzo, dovuti a mancanza di conoscenza del mezzo o fraintendimenti; i danni da usura (tranne che per freni e pneumatici); tutte le fattispecie precedentemente citate indipendentemente dal momento e dal luogo dove si è quando c’è un problema legato al mezzo, in tutta Europa.

Attivare l’assicurazione per la bici è semplice: basta avere un indirizzo email, conoscere la fascia di prezzo della bicicletta e il numero del telaio; in alternativa, se non si ha quest’ultimo dato a disposizione si può utilizzare la denominazione articolo e il numero di fattura. L’assicurazione riguarda sia le biciclette tradizionali che quelle a pedalata assistita, e anche se si è già effettuato l’acquisto è possibile approfittare della copertura: basta che la bici sia stata comprata al massimo 3 mesi prima.

Per quanto riguarda le biciclette elettriche o pedelec, c’è anche una protezione in più: la protezione elettronica, visto che questi dispositivi sono più soggetti a guasti di vario tipo, e spesso i costi della riparazione sono elevati. Con la protezione elettronica si copre il motore  e i dispositivi elettronici del mezzo dai danni dovuti all’usura, dai cortocircuiti, dalle sovratensioni e dai danni causati da liquidi, oltre ai difetti dovuti a errori di manipolazione o utilizzo. Infine, se la batteria del mezzo si dovesse guastare e la potenza indicata dal produttore dovesse corrispondere soltanto al 50% o a un valore ancora minore, l’assicurazione rimborsa i costi per la sostituzione della batteria.

Che cosa fare in caso di furto

Uscendo dall’ufficio o di casa, ecco la brutta sorpresa: lucchetto forzato, catena tagliata e bicicletta rubata. Che fare? La prima cosa a cui pensare è la denuncia del furto presso la Polizia, con le varie pratiche necessarie.

A questo punto si può navigare sul sito di Cliccasicuro e notificare il furto, compilando l’apposito formulario; il caso verrà sottoposto all’assicuratore, che verrà incaricato dell’esame del furto. In seguito, l’assicuratore coprirà i costi per l’acquisto di una nuova bicicletta, oppure di un pedelec o di un’e-bike, a seconda del mezzo rubato.

Commenti Facebook: