Assicurazione Auto, costo al minimo grazie alla scatola nera

La Scatola Nera rappresenta una delle principali opportunità per massimizzare il risparmio legato all’attivazione di un’assicurazione auto. Questo dispositivo sta registrando una diffusione crescente nel nostro Paese che si traduce, inevitabilmente, in un netto calo del costo delle polizze auto. La conferma è arrivata in queste ore dall’ultima analisi realizzata dall’IVASS basata sui dati raccolti nel corso del secondo trimestre del 2019 e relativi ai premi versati dagli assicurati del nostro Paese. Ecco quali sono i margini di risparmio garantiti dalla scatola nera sulla polizza auto. 

La scatola nera sta contribuendo al calo dei prezzi delle polizze RC Auto in Italia

Per ridurre al minimo i costi dell’assicurazione auto è opportuno sfruttare al massimo tutte le opportunità a propria disposizione. Il primo passo è rappresentato, senza dubbio, dalla comparazione online dei preventivi che consente di mettere a confronto tutte le proposte delle compagnie assicurative (basate sui dati specifici dell’utente) per individuare, in pochissimo tempo, la soluzione più vantaggiosa per l’assicurazione del proprio veicolo. La comparazione online dei preventivi è, quindi, il primo passo per poter scegliere l’assicurazione auto più conveniente e minimizzare i costi del premio.
Confronta i preventivi e risparmia sulla polizza auto

Per contenere le spese relative all’assicurazione auto è, in ogni caso, fondamentale sfruttare le opzioni che il settore assicurativo mette a disposizione degli utenti. Puntare sulla Scatola Nera, il dispositivo che raccoglie informazioni sulla guida (monitorando lo stile di guida del conducente) e può risultare utilissimo a chiarire le dinamiche di un sinistro, rappresenta un’occasione imperdibile per ridurre i costi dell’assicurazione senza rinunciare ad un pacchetto completo in grado di offrire tutele assicurative elevate.

Per gli automobilisti, scegliere la Scatola Nera è un vantaggio evidente. A parità di tutti i fattori che determinato il costo dell’assicurazione auto (classe di merito, provincia di residenza, modello da assicurare, dati anagrafici), l’adozione di questo dispositivo permette di ridurre i costi dell’assicurazione auto (in misura differente in base alle proposte delle singole compagnie) ottenendo, nello stesso tempo, la certezza di poter contare su diversi vantaggi aggiuntivi.

La Scatola Nera garantisce, ad esempio, la possibilità per le compagnie di monitorare lo stile di guida del conducente e, quindi, di proporre sconti aggiuntivi, al momento del rinnovo della polizza, per i conducenti che guidano senza correre rischi inutili. In caso di furto, inoltre, la geo-localizzazione garantita dal dispositivo permette di individuare, rapidamente, il posizionamento della vettura, aumentando la possibilità per il conducente di rientrarne in possesso.

Considerando i tanti vantaggi collegati all’utilizzo della Scatola Nera, l’adozione di questo dispositivo è in costante crescita e, di conseguenza, si sta registrando un progressivo calo dei costi delle polizze auto. Tale calo è garantito, in parte, da uno sconto fisso che la normativa attuale impone alle compagnie che utilizzando questo dispositivo. A pesare sul calo delle polizze sono anche precise scelte commerciali da parte delle compagnie che stanno favorendo parte degli automobilisti andando, come vedremo nel paragrafo seguente, a sfavorire i profili più a rischio.

Ecco i dati diffusi dall’IVASS sui costi assicurativi e sull’impatto dell’utilizzo della Scatola Nera sui premi legati alle polizze RC Auto in Italia.

Assicurazioni auto: costi in calo grazie all’utilizzo della Scatola Nera

Come confermato dall’ultima rilevazione dell‘IVASS, basata sui dati dei premi versati dagli assicurati nel corso del secondo trimestre del 2019, il costo dell’assicurazione auto in Italia è in netto calo. Per le polizze RC Auto, infatti, si è appena raggiunto il minimo storico di 405 Euro di costo medio, un valore che conferma la tendenza di calo costante registrata negli ultimi mesi.

Come confermato dai dati IVASS, infatti, il risultato registrato nel corso del secondo trimestre del 2019 evidenzia un calo dei premi dell’1.5% su base annua e dello 0.9% rispetto ai dati raccolti nel corso del primo trimestre del 2019. Molto probabilmente, anche i dati del terzo trimestre confermeranno una tendenza al calo dei prezzi delle polizze RC Auto.

Tale calo è, in buona parte, legato alla crescente diffusione della Scatola Nera. Questo dispositivo è, infatti, sempre più richiesto dagli assicurati che, per massimizzare la tutela assicurativa e, soprattutto, per minimizzare i costi, stanno richiedendo, in numero sempre maggiore, l’installazione del dispositivo alla propria compagnia assicurativa.

A garantire le opportunità di risparmio della scatola nera è la norma della recente Legge Concorrenza (la n. 124/2017) che garantisce al cliente che sceglie di installare il dispositivo sulla propria vettura la possibilità di poter sfruttare uno sconto sul costo della polizza RC Auto. La norma prevede una percentuale obbligatoria di sconto fissata dall’IVASS nel caso in cui la compagnia offra polizze assicurative abbinate all’installazione della Scatola Nera.

In questi mesi si sono registrare diverse difficoltà normative legate all’adozione della Scatola Nera ed, in particolare, allo sconto fisso da applicare ai premi delle polizze RC Auto per i clienti che optavano per l’installazione di questo dispositivo che, come confermano i dati, è sempre più richiesto dagli automobilisti italiani.

La realtà dei fatti, ad oggi, è rappresentata da una diffusione della Scatola Nera basata, in modo significativo, sulle politiche commerciali delle compagnie che offrono sconti e vantaggi per chi installa il dispositivo in base, soprattutto, a fattori geografici. Nelle province dove le compagnie hanno valutato di poter ottenere i maggiori benefici dall’adozione della Scatola Nera (ad esempio per prevenire le truffe e chiarire i casi di sinistro più contorti), gli sconti proposti sono significativi.

In particolare, le ultime rilevazioni dell’IVASS confermano evidenti cali di prezzo in diverse aree del Sud e delle Isole. Nelle province di Caltanissetta, Catanzaro e Vibo Valentia si registrano, infatti, riduzioni superiori al 4.5% per quanto riguarda i prezzi medi delle polizza RC Auto con punte che arrivano anche al 5.7%. Evidente anche il caso di Roma dove il calo dei costi necessari all’attivazione di una polizza RC Auto è pari al -4%.

Secondo i dati IVASS, oltre ad una riduzione del prezzo medio si registra un aumento della “dispersione”, ovvero delle differenze esistenti tra i valori più bassi ed i valori più alti. In sostanza, i profili più a rischio (perché appartenenti ad una classe di merito alta oppure perché residenti in una zona “a rischio” per elevata incidenza di sinistri e frodi) registrano un incremento dei prezzi e, quindi, sono più penalizzati rispetto al passato.

L’adozione su larga scala della Scatola Nera, infatti, potrebbe garantire alle compagnie la possibilità di effettuare una distinzione più chiara rispetto al passato per quanto riguarda i clienti virtuosi ed i clienti più “a rischio”. Il risultato di questo processo è rappresentato da una maggiore difficoltà per i clienti ritenuti “a rischio” di ottenere un risparmio significativo sui costi assicurativi rispetto agli automobilisti che, per questioni geografiche e/o “di merito”, presentano meno rischi per le compagnie.

Secondo quanto dichiarato dall’IVASS ad IlSole24Ore “Il fatto che vi sia uno sconto medio del 34%  significa che le compagnie utilizzano la leva sconto per differenziare tra gli assicurati” Per l’Istituto di vigilanza sulle assicurazioni, inoltre, c’è da segnalare che “la tariffa non è più rappresentativa del rischio del ramo ma viene sovrastimata al fine di utilizzare la leva dello sconto per selezionare la clientela”

La metà degli assicurati paga meno di 362 Euro all’anno per la polizza RC Auto

Secondo le ultime rilevazioni, il calo dei prezzi delle polizze auto, che come visto riguarda in modo particolare solo determinate fasce di automobilisti, può garantire una progressiva riduzione del divario esistente tra l’Italia ed i principali Paesi dell’Unione Europa in termini di costi assicurativi per il settore auto.

Ad oggi, infatti, circa il 50% degli assicurati paga meno di 362 Euro la polizza RC Auto. Da notare, inoltre, che circa il 90% degli assicurati paga meno di 628 Euro mentre per il restante 10% c’è da affrontare un costo notevole per la sottoscrizione delle polizze. Per quanto riguarda i premi di importo ridotto, circa il 10% degli assicurati riesce a pagare meno di 226 Euro per la polizza RC Auto.

In ogni caso, come confermato dall’IVASS, per un confronto preciso tra i dati italiani ed i dati del resto d’Europa sarà necessario attendere la fine del prossimo inverno e, quindi, l’arrivo dei dati completi dei prossimi trimestri. Il confronto con i prezzi europei, infatti, può essere fatto solo su base annuale e solo una volta che tutti gli Stati avranno elaborato, in modo completo, i dati relativi ai prezzi delle assicurazioni auto.

Nel corso dei prossimi mesi, quindi, si continuerà a monitorare la questione al fine di poter realizzare un confronto completo tra il mercato italiano e gli altri mercati europei andando così a “fotografare” la situazione e le differenze esistenti. Ad oggi, considerando il trend di calo dei prezzi, è probabile che il divario tra il nostro Paese ed il resto dell’UE si sia ridotto. Per una conferma ufficiale sarà, in ogni caso, necessario attendere ancora qualche mese.

Il prossimo report sui costi medi in Italia, in programma tra circa tre mesi e relativo al terzo trimestre del 2019 che si chiuderà a fine settembre, ci permetterà di avere un’idea ancora più chiara sulle tendenze del mercato italiano per quanto riguarda i costi assicurativi. Sarà necessario, invece, attendere il prossimo anno per avere un’idea precisa e definitiva in merito all’andamento  generale dei costi delle polizze in Europa ed al confronto tra la realtà del mercato italiano e gli altri Paesi dell’UE.

Commenti Facebook: