Arriva l’indirizzo digitale: finisce l’era delle raccomandate

E’ sempre più vicino a diventare realtà il nuovo domicilio digitale che metterà fine all’era delle raccomandate e porterà un gran numero di novità per gli utenti italiani che avranno la possibilità di comunicare con la Pubblica Amministrazione in modo più efficiente e rapido. Ecco tutte le novità in arrivo. 

Nei prossimi mesi il nuovo domicilio digitale di ogni cittadino sarà realtà

Nel prossimo futuro, ogni cittadino avrà a sua disposizione una casella di domicilio digitale in cui riceverà tutte le comunicazioni in arrivo dalla Pubblica Amministrazione. Per accelerare l’entrata in vigore di questo nuovo strumento, il Consiglio dei ministri ha approvato una serie di modifiche al Codice dell’amministrazione digitale. L’obiettivo è rendere già attivo il nuovo indirizzo digitale entro la primavera del prossimo anno. 

Il nuovo servizio di cittadinanza digitale offrirà agli utenti italiani un gran numero di possibilità. Nel nuovo indirizzo digitale, ogni cittadino potrà trovare avvisi e comunicazioni in arrivo dalla PA e, in prospettiva, potrà accedere, tramite Internet, a tutti gli atti ed i documenti che lo riguardano, in modo rapido e sicuro.

Il nuovo indirizzo digitale, quindi, andrà a semplificare, notevolmente, la vita agli utenti eliminando code e perdite tempo inutili. E’ importante sottolineare, in ogni caso, che si tratta di uno strumento opzionale. Il cittadino potrà decidere, liberamente, di attivare il domicilio digitale seguendo la procedura che verrà comunicata una volta che tale sistema sarà pronto per entrare in attività.
Scopri le migliori offerte per smartphone

Oggi molti professionisti e imprese già posseggono un indirizzo digitale ricevendo e inviando comunicazioni tramite PEC. I cittadini, invece, continuano a ricevere comunicazioni tramite raccomandate inviate all’indirizzo di residenza. L’introduzione del domicilio digitale permetterà anche una forte riduzione dei costi legati all’invio di queste comunicazioni. L’obiettivo, quindi, è quello di coinvolgere il maggior numero possibile di cittadini in questo processo di digitalizzazione delle comunicazioni con la PA.

I vantaggi garantiti dal nuovo indirizzo digitale sono notevoli, sia per i cittadini che per la PA. Nel corso dei prossimi mesi, questo nuovo strumento dovrebbe diventare sempre più definito e avvicinarsi, finalmente, a diventare realtà. Staremo a vedere in che modo si evolverà questa situazione nel corso delle prime settimane del prossimo anno.

Commenti Facebook: