Approdato in Parlamento il D.L. Zanonato. In arrivo nuove norme in materia di RCA

Sconti o Svantaggi sulla R.C.A.? Dal Decreto Legge "Destinazione Italia" che tanto preoccupava giuristi ed automobilisti al Decreto Legge "Zanonato" presentato alla Camera il 17 aprile scorso ed assegnato alla 6° Commissione permanente Finanze sembra non esser cambiato poi molto. Facendo un passo indietro nel tempo, il Decreto "Destinazione Italia" contenente nuove norme in tema di R.C.A. era stato tacciato di contenere disposizioni pregiudizievoli per i consumatori, in particolare il suo art. 8.

Approdato in Parlamento il D.L. Zanonato. In arrivo nuove norme in materia di RCA

Tale disposizione, prevedeva infatti tempi brevissimi di decadenza (soli 3 mesi) per la denuncia del sinistro, la non cedibilità del credito risarcitorio a fronte di tutta una serie di “vantaggi”, o meglio, “sconti” che avrebbero portato inevitabilmente l’automobilista a rivolgersi a carrozzerie direttamente convenzionate con la compagnia assicurativa e a servizi medico sanitari da questa indicati, privandolo della libertà e del diritto di rivolgersi al proprio carrozziere o, negli altri casi, alla propria struttura sanitaria di fiducia.

Ebbene, l’articolo contestato, è stato effettivamente eliminato alla conversione del decreto legge, ma come spesso avviene in Italia, le condizioni da questo imposte sono state nuovamente inserite sotto mentite spoglie all’interno di un nuovo decreto legge, il D.L. Zanonato in pendenza di approvazione per il mese di agosto 2014.

Il nuovo disegno di legge in materia di R.C.A. recante “Disposizioni in materia di R.C. Auto” ripropone sostanzialmente il medesimo contenuto del contestato e ritirato art. 8 del Decreto Legge “Destinazione Italia”, ma veniamo agli sconti ed ai vantaggi previsti dal testo delle norme del D.L. Zanonato:

  • Sconto del 7% sulla media dei prezzi regionali per l’applicazione della scatola nera;
  • Sconto del 5% e del 10 % per il risarcimento in forma specifica presso carrozzerie convenzionate con la compagnia assicurativa;
  • Sconto del 4% per il divieto di cessione del diritto al risarcimento;
  • Sconto del 7% per prestazioni di servizi medico-sanitari resi da professionisti convenzionati con le imprese assicurative.

Questi gli aspetti apparentemente positivi. Nello specifico, il primo comma dell’art. 132 del D.L. Zanonato attualmente in discussione in Parlamento, dispone che “….le imprese di assicurazione possono proporre la stipulazione di contratti i quali prevedano….”N.B: La scelta della formula contrattuale proposta dalla compagnia assicurativa è naturalmente opzionale, ma la maggior parte degli automobilisti non sono a conoscenza delle clausole a loro pregiudizievoli e spesso accettano i contratti proposti unilateralmente dalle imprese. Per questo, dopo aver comparato i preventivi per RC auto o preventivi per RC  moto è bene prestare molta attenzione al contenuto contrattuale.

Di seguito, qualora il D.L. Zanonato venga trasformato in legge, potete trovare le caratteristiche dei contratti che le compagnie assicuratrici inizieranno a proporre e conoscerne i vantaggi e gli svantaggi:

  • La polizza per R.C.A. potrebbe prevedere l’istallazione di una scatola nera che registri l’attività del veicolo, la quale formerebbe “piena prova” in giudizio sulle dinamiche dell’incidente;
  • Già dalla denuncia di sinistro, e nuovamente in sede di richiesta di risarcimento, vanno indicati i testimoni pena l’inammissibilità della prova testimoniale in giudizio;
  • Diviene facoltà per le imprese assicurative risarcire in forma specifica l’assicurato, ma solo attraverso strutture convenzionate con la stessa compagnia; nel caso in cui il danneggiato desideri avvalersi della propria carrozzeria per provvedere alle riparazioni, la richiesta di risarcimento non potrà superare il costo che l’impresa di assicurazione avrebbe affrontato ricorrendo alla propria struttura convenzionata;
  • La cessione del diritto al risarcimento può essere impossibile senza il consenso dell’assicuratore;
  • Le compagnie assicurative saranno tenute a proporre nel contratto prestazioni medico-sanitarie con strutture ad essa convenzionate (rifiutabili dall’assicurato).

Confronta assicurazioni auto »

Confronta assicurazioni moto »

Commenti Facebook: